post commenti
  • Arandora Star

    Ancora oggi, questo nome, esprimerebbe la denominazione di una bella nave, di quelle da crociera che solcano spensierate gli oceani: Arandora Star. Invece la storia ci racconta altro, questo nome richiama una terribile tragedia.
    Il 2 luglio 1940, a bordo di questo bellissimo bastimento britannico di sola “Prima Classe” salpato da Liverpool, requisito dalla marina inglese e silurato da un sottomarino nazista, morirono oltre 800 persone: 446 erano degli italiani tra i 16 e 70 anni, di questi 100 parmigiani, gran parte originari del nostro Appennino (Bardi, Bedonia, Albareto, Tornolo, Borgotaro, Pontremoli). La vittima più giovane si chiamava Luigi Gonzaga, aveva soli 16 anni, ed era originario di Bedonia (I suoi due nipoti, Diana ed Emilio-Luigi Gonzaga, sono tuttora viventi e risiedono a Londra). 
    Ecco la ragione per cui il nome di questa nave è familiare a molti, perché ci riguarda da vicino.

    È un episodio legato alla Seconda Guerra Mondiale, ma intenzionalmente dimenticato in Italia, forse perché quei morti non appartenevano a nessuno. I 1500 passeggeri (la nave ne poteva trasportare 518) erano prigionieri da deportare in Canada dalla Gran Bretagna: detenuti tedeschi, soldati britannici e 800 civili italiani. Gli italiani furono arrestati dopo la dichiarazione di guerra di Mussolini all’Inghilterra, perciò divenuti nemici dalla sera alla mattina, nonostante fossero emigrati da diversi decenni e ormai parte integrante della società britannica. Tutte persone che non avevano nulla a che fare con il fascismo e con i giochi della politica e dei governi.

    La comunità di Bardi ha avuto il più alto numero di vittime: 48 capifamiglia. È anche per questo motivo che la testimonianza più considerevole spetta al territorio della Valceno, lì è infatti nato il “Comitato Vittime Arandora Star di Bardi”. Un’organizzazione rappresentata fin dal 1985 da Beppe Conti, persona fortemente coinvolta nella vicenda (lo zio Guido era una delle vittime bardigiane) e da sempre disponibile a far conoscere ai più i dettagli di questa sciagura, soprattutto per non farla inabissare una seconda volta nel mare del silenzio.

    Recentemente è stato pubblicato dalla giornalista Caterina Soffici, per la casa editrice Feltrinelli, un romanzo dedicato a questa drammatica vicenda: “Nessuno può fermarmi". Il testo fa riferimento a fatti e personaggi realmente esistiti e ogni episodio è il risultato di un’attenta ricerca e ricostruzione storica.
    Domenica 2 luglio, in occasione del 77° anniversario dell'affondamento, sarà presentato il libro presso la Casa della Gioventù di Bardi (vedi link).

5 Commenti

  • Sonia Berni

    29/06/2017

    Nella valle del Ceno questa storia è ancora “forte”. Emoziona ancora perché resta tra i fatti di guerra tra i più drammatici della storia della nostra emigrazione. I miei nonni e i miei genitori ne hanno sempre parlato, poco, con rispetto, ma hanno sempre fatto in modo di non far spegnere la fiammella della candela accesa nei cimiteri di Bardi. Ho già letto il libro della Soffici e ne consiglio lettura

  • Laura Carpani

    29/06/2017

    Non ne avevo mai sentito parlare...

  • Beppe Conti

    29/06/2017

    Grazie Gigi.
    Invito, molto cortesemente, la comunità di Bedonia, Associazioni, Amministrazione, a ricordare, anche con una piccola, semplice cerimonia, il sedicenne BEDONIESE LUIGI GONZAGA. Sarebbe un gesto importante e pieno di grande significato.

  • Margreet Krul

    29/06/2017

    C'è una bellissima storia di questo evento nel libro di Marcello Fois: Stirpe

  • Dolores

    29/06/2017

    Ho letto il libro omonimo.... sulla nave stipata all'inverosimile, gli italiani erano stati sistemati nella parte più bassa e con impedimenti, dove non avrebbero potuto avere nessuna via di fuga e scampo, in caso di affondamento, anche perchè, oltre ad impedimenti oggettivi, non avrebbero avuto sufficienti mezzi e attrezzature...
    Quando alle 6.58 il siluro colpi la nave, ebbero 40 minuti per disperarsi, per pensare a casa, per piangere, per pregare....
    Nella lunga lista dei dispersi, al n° 115 c'è un nome di uno scopolese: CHIAPPA EMILIO DOMENICO (16.9.1900) dei PILATI.

    Nel 2008 nel porto di Liverpool è stata messa una lapide-targa a ricordo dell'evento con foto e nomi dei periti nell'affondamento e in rispetto sono state gettate in acqua delle corone di fiori, ma anche per rappresentare Austria e Germania all'insegna dell'Europa unita e della pace.

    ARANDORA STAR (F.Musa)

    Fari di paura sula mare
    un rottame di nave a turbine
    di cavalli impazziti
    squarci di cielo.
    Una nebbia di uomini
    remota la sfinge di guerra
    errante un'ombra
    un figlio cercava suo padre.

 

Commenta

Newsletter
Scrivi la somma dei due numeri e poi invia: 11 + 5 =
Invia