post commenti
  • Lettera a un sogno

    Sono appena rientrato dal consueto giretto serale. L'aria questa sera era veramente mite e i profumi d'erba e di fioriture erano piacevolmente esuberanti.
    Nella luce giallognola di via Corridoni ho incrociato, con solito passo spedito, Giuliana (Anelli), la saluto e contraccambia, dopodichè aggiunge: "Vado ad aprire il Museo delle Mura", un pò come a dire "Ti conviene seguirmi" e io, a mò di cagnolino, non me lo faccio dire due volte.
    In due parole mi spiega il tema della mostra collettiva: '"Sogni di un bambino". In pratica tratta di poesie scritte da un gruppo di ragazzi ed affidate alla mano fantasiosa di altrettanti pittori. Quello che ne uscito è stato stupefacente, sono rimasto davvero sorpreso da così tanto talento.
    Un'indiscutibile corrispondenza creativa per entrambi.
    Tra le tante opere esposte due mi hanno veramente colpito: "Rapimento di un sogno" di Pattoneri Silvia e "Di crescere me ne sono dimenticata" di Renzo Costella. Le ho ritenute entrambe frutto della fantasia più sfrenata, quella appartenente ai sogni, appunto.
    Cosa c'è di più onirico e fantastico di fregare la Luna per poi portarsela a casa dentro un'esile barchetta o quella di appoggiare una scala alle nuvole per poterci salire quando ti pare e piace?

0 Commenti

 

Commenta

Newsletter
Scrivi la somma dei due numeri e poi invia: 1 + 10 =
Invia