post commenti
  • E' diventata tutta rossa

    Vederla lassù, in quel cielo buio, sembrava un palloncino rosso scappato di mano ad un bambino.
    Tutte le circostanze misteriose, strane o semplicemente inconsuete, colpiscono la fantasia popolare, compresa la mia. Così è stato anche con l'eclissi di Luna nella notte di sabato tre marzo. Sono convinto che ogni tanto sia costretta ad inventarsi qualcosa di nuovo, di inusuale, per attrarre di nuovo a sè un'infinità di sguardi. Per molti ormai fa parte del paesaggio come il profilo notturno di una montagna o di un albero. Eppure così facendo c'è riuscita, è stato inevitabile fermarsi ad ammirarla, vederla scomparire lentamente, a poco a poco, finchè non si è mostrata di nuovo, ma con la faccia tutta tinta di rosso, mi sorge però un dubbio: mentre si negava alla nostra vista, cosa avrà fatto di così tanto vergognoso?

3 Commenti

  • l'amica di Lunetta

    07/03/2007

    lunetta cara, sabato non ti ho vista, scusami ero fuori di me, ero al matrimonio di un mio amico... è solo per questo motivo che non ho potuto ammirarrti.... non lo farà + te lo giuro!!!!

  • Verba Volant

    07/03/2007

    Romantica Luna fra un nimbo leggiero, che baci le chiome dei pioppi, arcata siccome un sopracciglio di bimbo.
    Il sogno di tutto un passato nella tua curva non sorta sei da una stampa del Novelliere Illustrato?
    Signora solo apparentemente incurante dei nostri dubbi e delle nostre cure, rimani serena lassù, la bella faccia tonda e un po’ attonita china ad osservare noi, sempre più simili a formichine omologate costrette a camminare in fila seguendo non più istinti, ma comandi.
    Talvolta ti commuovi e per risvegliare la nostra fantasia tenti di stupirci vestendoti di rosso fuoco.
    Sembri posta nel cielo da qualche Cupido che voglia ammaliarci: chi è che in una placida notte di chiaro di luna non ha almeno sognato di poter dare o ricevere un bacio, due o mille ancora?

    ciao... Verba volant, scripta manent

  • Butterfly Green

    09/03/2007

    Eccomi qui, di nuovo col naso all'insù... ti aspetto paziente, ma vedo solo la tua ombra ed immagino il tuo profilo mentre un vento leggero mi soffia tra i capelli, che sia il tuo passaggio?...
    Poi mi accorgo che è solo il movimento dei miei pensieri, pensieri ormai ammorbiditi dal tempo.

    Quante volte, innumerevoli, ti ho cercato nel buio della notte, quante volte ho sperato che mi aiutassi indicandomi il cammino da intraprendere per avvicinarmi a te, quante volte ad occhi chiusi ho sperato di sfiorare, sfiorare te.
    Impossibile
    Impossibile
    Impossibile è solo un passaggio di ombre che mi disorienta...

    Eppure eccomi qui, di nuovo col naso all'insù, ti cerco, indietreggio fiduciosa, mi giro e mi rigiro, intanto il buio mi si cuce addosso e non ti trovo più.

    E poi, all'improvviso, un bagliore tra le nuvole leggere, eccoti finalmente stupenda luna a farmi compagnia, inguaribile romantica, in questa interminabile magica notte scarlatta.

 

Commenta

Newsletter
Scrivi la somma dei due numeri e poi invia: 7 + 9 =
Invia