Il Festival del Tartufo della Valceno

Un riscontro di pubblico senza precedenti per questa terza edizione bedoniese
L'inebriante aroma del tartufo ha invaso Bedonia in occasione del 3° Festival del Tartufo: ad alcuni fa storcere il naso, ad altri fa venire l'acquolina in bocca. Certo è che per gli amanti di questo prezioso fungo ipogeo della nostra terra non sono mancate le occasioni per conoscerlo, assaggiarlo ed apprezzarlo.  Tra le tantissime bancarelle di ambulanti, in gran parte di artigianato, hobbystica e prodotti biologici, il protagonista è stato il tartufo locale appena colto, oltre a qualche “pepita” di bianco non autoctono. Molti di questi ritrovamenti provenivano dall'Alta Val Ceno, patria del nostro tartufo, dove i cercatori, riuniti sotto l'insegna della neonata rete di imprese LocaLab, hanno fatto della valorizzazione e della qualità dei prodotti una vera missione.

Nel PalaTartufo, cuore pulsante della manifestazione, è stato un susseguirsi di eventi: al mattino durante un interessante convegno, moderato da Nicolò Oppicelli, direttore della rivista “Passione Funghi e Tartufi”, sono state presentate le testimonianze dei cercatori e passate in rassegna tradizioni e proprietà del tartufo. Il pranzo di degustazione, curato dall'Hotel San Marco, ha poi registrato il tutto esaurito, 130 i commensali seduti a tavola. Al pomeriggio, invece, degustazioni, spettacoli di artisti di strada e “TartufArte”, laboratorio per bambini.
L'intero paese coinvolto, con bar e ristoranti che hanno proposto aperitivi e menu a tema, anche sabato 15, durante l'anteprima del Festival, non ha voluto mancare il critico enogastronomico Edoardo Raspelli.

Tanti spunti, tante idee, tante associazioni unite nella realizzazione di questa giornata di festa, volta a valorizzare una delle tante eccellenze che la nostra terra ci regala.
Era dai tempi della prima edizione di Cioccolataro che non si vedevano così tanti partecipanti e le numerosissime persone, intervenute da paesi vicini e province limitrofe, hanno dimostrato che la promozione su larga scala ha i suoi effetti, specialmente quella programmata attraverso i social e in particolare quella pianificata dal Consorzio Lovetaro&Ceno: centomila le persone raggiunte in 20 giorni.
Sono certo che gli sforzi, il lavoro e la volontà dell’Amministrazione Comunale di Bedonia, dell’Ufficio Turistico Comprensoriale, della Pro Loco Bedonia e del Centro Commerciale Naturale saranno ben presto ripagati e che il “Festival del Tartufo della Valceno” può diventare la degna chiusura del periodo fieristico autunnale valtarese dedicato ai prodotti del sottobosco.
LINK al sito istituzionale

FOTO: le giornate dedicate al Tartufo



4 Commenti
  1. Patrizia Tagliavini

    Non ho partecipato ma l'articolo veramente coinvolgente mi ha convinto a partecipare alla prossima edizione, bravo Gigi e brava Bedonia!

  2. Giuly

    Bellissimo il festival del tartufo, ben riuscito. Vorrei ringraziare Serena Previ, perche' direi che e' soprattutto merito suo. grande serena

  3. Claudio G

    Ricordo che il tartufo bianco cresce anche nella nostra Val ceno, lo confermo in quanto citato come non autoctono

  4. Alberto Squeri

    La giornata, baciata da un caldo sole, ha evidenziato una fiera ben riuscita con tanti banchi e tanta-tantissima gente. Complimenti all'organizzazione che ha portato il paese agli onori della cronaca della vallata con un manifestazione sicuramente da ripetere!!

Commenta

Somma e invia : 1 + 10 =
Accetto Non accetto


Resta aggiornato