Sapore di Natale

La cucina e il teatro celabrano i dieci anni degli Amici della Valle del Sole
Dieci attori e due scene. Una cucina e un garage. Un gruppo di anziani e una compagnia di giovani amici. Due tavoli in due luoghi differenti, ma un solo posto dove ci si ritrova a mangiare, parlare e confrontarsi: il punto d’incontro tra due generazioni. Lo spazio ideale per raccontare storie, parlare di ricette e creare nuove esperienze.

Il cibo, nella nostra cultura ed ancor di più in queste zone di montagna, è aggregante naturale per le comunità, è ispiratore di ricordi legati alla famiglia e può essere un ponte tra generazioni che molte volte sembrano più distanti di quel che in realtà sono.
Per i giovani organizzare una “mangiata” rappresenta oggi un fattore sociale di aggregazione, mentre la “tavolata” dei nostri nonni era un’occasione di festa e mangiare più del solito.

È stato questo il menù di “Sapore di Natale”, lo spettacolo teatrale ideato da Maria Lavezzi, psicologa dell’hospice, che ha visto come protagonisti gli studenti dell’Istituto Alberghiero di Bedonia. Il tema è stato inscenato da Mauro Mozzani al Teatro Farnese di Borgotaro per celebrare i dieci anni dell’Associazione “Gli Amici della Valle del Sole”.

Gli studenti dell’Eno-Gastronomico hanno fatto visita nelle settimane scorse agli ospiti dell’hospice e della lungo assistenza cercando di capire quali erano i gusti, ma anche i loro ricordi riguardo il cibo. Hanno poi cucinato un pranzo che hanno servito direttamente nei reparti, leggendo poesie e racconti che presentavano i piatti proposti. La rappresentazione teatrale è stata perciò il momento finale del progetto nato tra i ragazzi dello Zappa-Fermi e infermieri, dottori, volontari dell’hospice.

FOTO: dall'Hospice al Teatro



1 Commenti
  1. Remo Ponzini

    Non sapevo di questa rappresentazione e me ne dolgo assai perchè conosco l'operosità dei coniugi Mauro Mozzani e Maria Lavezzi. Una coppia che è "piovuta" sulla nostra valle (da Piacenza) come manna dal cielo.
    Persone splendide e di grande nobiltà d'animo che si sono sempre prodigate a favore dei più bisognosi profondendo tutte le loro energie.

    Ci hanno dispensato cultura (film e teatro) e ci hanno fatto comprendere il senso del termine "altruismo".
    C'è un detto latino che recita : "magnus animus adversam fortunam non timet".
    Nel senso che loro tracimano di bontà senza alcuna tema.
    Ed hanno saputo coinvolgere nel loro operato uno stuolo di giovani a cui va tutta la nostra riconoscenza.
    Grazie !!!


Commenta

Somma e invia : 6 + 15 =
Accetto Non accetto


Resta aggiornato

Post simili

Il teatro per il prossimo

Ridendo e cantando si possono fare piccoli e grandi miracoli, anche su di un palcoscenico

La cantatrice calva

In scena la nuova avventura teatrale della Compagnia della Pieve

Le donne secondo... loro

In scena lo spettacolo teatrale dedicato al mondo femminile

Sapore di Natale

La cucina e il teatro celabrano i dieci anni degli Amici della Valle del Sole