Il Generale Inverno

Ci siamo. In punta di piedi e con il viso quasi coperto da un berretto di lana bianca grossolana è arrivato. Non ci sono più dubbi: naso rosso ed aguzzo, un ampio cappotto verdastro col bavero alzato, una lunga sciarpa grigia attorno al collo, due grandi mani che si possono intuire dai guanti di pelle nera, e passo lento ma deciso.

E' lui. E' il Generale Inverno. Ma la sua venuta l'avevamo già intuita. I suoi emissari, stormi di cornacchie nere come la pece, già da qualche tempo gracchiavano energicamente contro al cielo ed altri suoi fedelissimi avevano spogliato gli alberi dai loro verdi vestiti. Il suo smisurato potere lo si poteva anche scorgere al mattino sui prati, resi bianchi e scintillati dal suo gelido alito, e il suo candido ed ampio mantello lo si poteva individuare disteso sulle cime dei monti più alti.

Del suo arrivo ne ha parlato anche il telegiornale della sera, il servizio ci mostrava un'abbondante nevicata, quelle dai fiocchi grandi come fazzoletti, che aveva già ricoperto un bosco di pini del nord. Ci ha preso tutti alla sprovvista, come sempre, ma non c'è da meravigliarsi, è sempre stata una delle sue tattiche meglio riuscite.

Solo qualche giorno fa il sole riusciva ancora a tenerlo a bada, ma ora è debole, spossato, manca di energia. Lo si può anche intendere guardando le persone lungo le strade o nelle piazze, si fermano a dialogare solo se sono inondate dai suoi raggi, e se lo scambio di idee va per le lunghe, si spostano piano piano, seguendo quel fascio di luce come un soffio vitale.
Alla sua forza dovremo sottostare fino a quando i primi fiori azzurri bucheranno la sua corazza e un caldo bacio primaverile gli ammalierà il cuore.


1 Commenti
  1. quattro stagioni

    questa mattina ero in macchina. Aprendo il finestrino ho acceso la sigaretta. Cazzi miei per la testa. La radio sintonizzata su radiodj, ad un certo punto parlano della pioggia di oggi, dell'autunno che ci sta pionbando addosso.... se non era per le parole della dj ti avevo già rimosso. Adesso invece sono qui in ufficio a cazzeggiare con il tuo blog aperto davanti.. e ti rileggo volentieri..... speriamo nessuno se ne accorga....
    perchè questo blog si chiama esvaso?

Commenta

Somma e invia : 9 + 15 =
Accetto Non accetto


Resta aggiornato

Post simili

Il valzer della mezzanotte: la balera di Franchi

Un ricordo della famosa balera bedoniese, un omaggio al suo 'storico' gestore Pietro Franchi

La signorina Acroleina

Una presenza che ricorda tanto

Il tempo siamo noi

La lunga storia della Croce Rossa di Bedonia-Compiano-Tornolo racchiusa in un libro scritto da Gigi Cavalli per raccontare i primi 50 anni della Delegazione

La croce di Scopolo

Riposizionata sul colle la croce lasciata dai missionari nel 1946

La Mondello di Rischiatutto

La bedoniese Gabriella Mondello fu una delle campionesse del famoso quiz di Mike Bongiorno

In nome di mio padre

La storia di quei dodici ebrei ospitati in Valceno

Siamo in guerra

Il nemico è potente e non rispetta nulla e nessuno, se non il buon senso