post commenti
  • Le miniere di Corchia

    Si tratta di un altro angolo nascosto e perciò poco conosciuto della nostra valle, sono le miniere metallifere di Corchia, splendido borgo medievale posto nel Comune di Berceto. Grazie ad un’escursione organizzata dalle guide di Trekking Taro e Ceno, ho avuto l’occasione di visitarle e conoscerne la storia.

    La notizia più antica documentata riguardo alle miniere di Corchia è datata 23 Agosto 1856 dove in un decreto Ministeriale veniva formalizzata la scoperta della mineralizzazione e se ne dichiarava la concessibilità. L'inizio effettivo dei lavori nelle miniere, ebbe però luogo nel 1886, ma durò solamente per 15 giorni soltanto. Negli anni successivi diverse società minerarie si cimentaono nell'impresa.
    Le poche informazioni che si hanno relative a quegli anni segnalano l'apertura di due cantieri principali: il Donnini-Speranza alle falde del Groppo Maggio e il Cantiere Pozzo, alle pendici del Monte Binaghè. I lavori compiuti furono saltuari e caotici e lo sfruttamento procedette di pari passo con le ricerche.

    Un nuovo impulso allo sfruttamento delle miniere di Corchia ebbe inizio nel 1937 con il conferimento della concessione alla Società Newton Canovi di Milano. A partire da questa data vennero installate due piccole ferrovie minerarie con locomotore e vagoncini ribaltabili, adibite al trasporto all'estero del minerale estratto, venne così costruita la “Polveriera” e venne messo in funzione un motocompressore a gasolio che azionava due martelli.
    Fino al 1938 il minerale estratto veniva portato al punto di raccolta a dorso di mulo, a questa data fu installata una teleferica lunga 1.400 metri costituita da due tratti rettilinei che trasportava il materiale estratto fino al paese di Corchia, più o meno in prossimità dell'attuale cimitero.

    Nell'aprile 1939 la concessione passò alla Società Metallurgica Italiana la quale incaricò la Società Mayer di Venezia di proseguire i lavori, non più in galleria, ma a “giorno”, cioè attraverso sbancamenti all'aperto su più piani della montagna.
    La massa mineralizzata che venne messa a giorno era composta principalmente da pirite cuprifera e marcasite molto alterabili e soggette ad autocombustione.
    Fu proprio in seguito ad un incendio di notevoli quantità di minerale estratto, avvenuto nel settembre 1939, che si passò alla predisposizione di roste per il trattamento in luogo del minerale e alla costruzione di vasche e forni per la cottura.
    Le ricerche vennero proseguite, sempre con esiti poco fruttuosi, finché nel 1943 la società concessionaria, considerando concluso il programma di lavoro, diede comunicazione della cessazione definitiva dei lavori.

4 Commenti

  • Marco Biasotti

    27/04/2018

    Bellissime, da vedere!
    ...ci sono le miniere di rame a Santa Maria, ma sono lasciate allo sfascio più totale, peccato.

  • Lucio

    30/04/2018

    Da bercetese non sapevo che fossero ancora in questo stato e che si potessero visitare, ora che è possibile mi organizzerò per farlo, grazie

  • Remo Ponzini

    30/04/2018

    Conoscete qualcuno della nostra Valle che non è mai stato a Corchia ? Ebbene quello sono io. Sono decenni che mi rimprovero ma non ho mai preso l'iniziativa di andarci. Mi ha battuto persino mia moglie che ci andò con una sua amica. Mi fece una descrizione assai mirabolante ma io sono ancora qui avvolto nella mia pigrizia. Mi affascinano anche le miniere dismesse con il loro colore bronzeo che ci fa comprendere quanto siano impregnate di minerali.
    L'estate è alle porte ed una visita è d'obbligo.

  • Dolores

    03/05/2018

    Remo, vegnu anca mè....

 

Commenta

Newsletter
Scrivi la somma dei due numeri e poi invia: 12 + 12 =
Accetto Non accetto

(*) Trattamento dei dati personali
Il form messo a disposizione sul sito ha il solo scopo di consentire ai visitatori del sito di publicare post, qualora lo desiderino. La presente informativa riguarda i dati personali inviati dall'utente visitatore al momento della compilazione del form. La informiamo del fatto che i dati che conferirà volontariamente tramite il form verranno tramutati in una email che eventualmente potrà essere conservata all'interno del sistema di ricezione di e-mail utilizzato dal titolare del sito.
Potrai cancellare i tuoi post inviando una tua mail all'indirizzo esvaso@gmail.com
Iscrivendoti alla NEWSLETTER riceverai le novità del sito e i nuovi post - Potrai cancellarti direttamente all'url www.esvaso.it/newsletter.php



Cancellazione POST

Se desideri cancellare e gestire i tuoi post clicca qui ed accedi alla tua area riservata.
Se non utilizzi piu' la mail con cui hai scritto il post che vuoi eliminare contattaci e cercheremo di aiutarti: esvaso@gmail.com