post commenti
  • Prevenire è meglio che curare

    Mai più avrei creduto che una firma fosse così doverosa. L’idea me la sono fatta in questi giorni, osservando la determinazione delle persone a prendere la penna in mano e firmare senza indugi: “Non voglio che questa situazione peggiori”. Sì perché davanti al dubbio non hanno scelta, se non di affidarsi a quella più logica: “Meglio prevenire che curare”.
    Dopo aver appoggiato la penna si lasciano andare ai propri timori, a quelle paure che hanno sostituito i dubbi, si perché davanti alla possibilità di triplicare una produzione, già invasiva allo stato attuale, la risolutezza e la lungimiranza è d’obbligo. A ritenerlo un atto dovuto e saggio lo testimoniano le oltre mille firme raccolte in venti giorni.
     
    Davanti alla salute, al dubbio di quello che potrebbe capitare, non si scherza, in questo caso si pensa più a noi stessi e non a chi vuole convincerci del contrario. A fare questo ragionamento equilibrato, da buon padre di famiglia, sono in gran parte i borgotaresi, seguono poi a ruota le famiglie di Albareto, Bedonia, Ghiare di Berceto e chi a Borgotaro ci sosta per più motivi, tutte persone preoccupate del loro futuro, di quello dei propri figli o nipoti. La ragione è semplice, ai propri cari si cerca sempre di lasciare in eredità gioie e non dolori.
     
    Ormai sappiamo tutti che la richiesta della fabbrica, quella sottoposta agli Enti tramite una nuova VIA (Valutazione Impatto Ambientale), riguarda la concessione a passare da una produzione di 190 tonnellate al giorno a 600.
    Un cambio di passo sconsiderato o come dicono ormai in molti “Da fuori di testa”, se si considerano le evidenze portate all’attenzione negli ultimi tempi da esperti del settore ceramico, i quali sostengono che nelle emissioni delle industrie ceramiche ci sono numerose sostanze (formaldeide, acroleina, acidi, ecc.) che potrebbero avere un impatto dannoso per la salute dei cittadini (vedi video allegato), tanto che il “Caso Borgotaro”, così si dice nel modenese, stia scuotendo il settore ceramico regionale.
     
    I continui tentativi di ridimensionare tali evidenze hanno l'unico scopo di imporre ad una comunità il proseguimento di una attività industriale che sul territorio ha sempre fallito, laddove la comunità non la sente propria ed è consapevole che la vita e l'aria di prima non potrà più essere conciliabile: l’insediamento è a due passi da case, scuole, impianti sportivi, ospedale, il tutto all’interno di una valle chiusa come la nostra.
    Il problema in due anni non è stato risolto e nonostante tutto si vuole triplicare; richiedono di moltiplicare nonostante non si sia ancora fatta luce sulle cause e gli effetti dei disturbi odorigeni e dei malesseri registrati dai medici locali; senza attendere i risultati del lavoro del Tavolo di Garanzia (a garanzia di chi?) istituito dalla Regione Emilia Romagna e finanziato con 400.000 Euro di soldi pubblici (per un problema privato?); nonostante le indagini della magistratura siano ancora in corso.
     
    Che si tratta di una pretesa insostenibile, di un vero paradosso, lo capirebbe anche un bambino. A sostenere questa ipotesi di “sviluppo” restano loro, gli artefici politici, quelli che sostengono ancora oggi “Non ci sono problemi”, proprio gli stessi che nell’ombra della loro codardia cercano ancora consenso per sostenere le loro scelte assurde e ormai indifendibili.
    Ecco perché firmare in calce all’osservazione collettiva approntata dal Comitato, da inviare poi in Regione entro il 30 novembre nel rispetto della privacy, è rilevante per la causa. Una semplice firma su un pezzo di carta ė un'antica dimostrazione della propria identità di pensiero, oltre ad essere la più primitiva manifestazione di libertà e perciò fortemente temuta da chi si elegge decisore delle nostre vite.
     
    Per firmare entro il 30 novembre è possibile rivolgersi ai membri del Comitato “Aria del Borgo”, presso i banchetti in via Nazionale, oppure nei seguenti esercizi pubblici: Bar Centrale, Abbigliamento Panta Rei, Libreria Borgo Libri e Immobiliare Valtaro.

4 Commenti

  • Anna

    20/11/2018

    Una semplice firma può veramente fare la differenza: abbiamo nella mano uno strumento apparentemente banale ma potentissimo, l'unico in grado di fare veramente la differenza! In tanti hanno già espresso il loro NO a parole, ma non basta: purtroppo nel nostro mondo la parola ha perso valore, purtroppo si ragiona solo con i numeri, pertanto serve mettere nero su bianco il nostro desiderio che vengano garantiti i più elementari diritti umani, perché non possiamo pensare sempre che altri risolveranno la situazione per noi. Ed è giunto il momento che anche chi finora inspegabilmente ha deciso di non prendere posizione, faccia apertamente e senza timore la propria scelta. Coraggio!

  • Italo Vignali

    20/11/2018

    Perfetto come sempre.
    Gigi,
    scusa se vedi che ultimamente non pubblico nulla o mi limito a dire mi piace senza commento, per due ordini di avvenimenti:
    il primo, ho avuto problemi di salute per tutto settembre,
    il secondo...te lo dirò a voce!
    Comunque state facendo un ottimo lavoro.
    Ad agosto avevo avuto un incontro con Marco, avrei dovuto perseguire un percorso che non sono stato in grado di seguire.
    Ho head!
    Ciao, ci sentiamo appena possibile.
    Grazie
    Italo

  • Ilona

    20/11/2018

    Domani arriva mio figlio da Castellammare e porta firme di tutta la famiglia di sua moglie e la loro. Perche non possono più venire a trovarci perché il bimbo è stato male a pasqua... sangue dal naso per 4 giorni e anche la notte.. E questo fa incazzare. Grazie mille Ilona

  • M.Cacchioli

    20/11/2018

    Al di là delle varie sfumature di pensiero sull'argomento, ritengo che su questo aspetto debba prevalere il principio di precauzione. Ci sono dei problemi irrisolti - a cui le istituzioni stanno provando a far fronte con il tavolo tecnico - che non possono far prendere a cuor leggero l'ipotesi di triplicazione.
    Per questo chiediamo, soprattutto ai residenti di Borgotaro, di dare un piccolo ma significativo contributo al problema, firmando l'osservazione collettiva e partecipando all'istruttoria pubblica, che si terrà venerdì 23.11 alle ore 17.30 in Palazzo Tardiani.

    Marco Cacchioli
    Presidente L'Aria del Borgo
    www.ariadelborgo.it

 

Commenta

Newsletter
Scrivi la somma dei due numeri e poi invia: 7 + 5 =
Accetto Non accetto

(*) Trattamento dei dati personali
Il form messo a disposizione sul sito ha il solo scopo di consentire ai visitatori del sito di publicare post, qualora lo desiderino. La presente informativa riguarda i dati personali inviati dall'utente visitatore al momento della compilazione del form. La informiamo del fatto che i dati che conferirà volontariamente tramite il form verranno tramutati in una email che eventualmente potrà essere conservata all'interno del sistema di ricezione di e-mail utilizzato dal titolare del sito.
Potrai cancellare i tuoi post inviando una tua mail all'indirizzo esvaso@gmail.com
Iscrivendoti alla NEWSLETTER riceverai le novità del sito e i nuovi post - Potrai cancellarti direttamente all'url www.esvaso.it/newsletter.php



Cancellazione POST

Se desideri cancellare e gestire i tuoi post clicca qui ed accedi alla tua area riservata.
Se non utilizzi piu' la mail con cui hai scritto il post che vuoi eliminare contattaci e cercheremo di aiutarti: esvaso@gmail.com