post commenti
  • Scalini, vigneti e sudore

    L’obiettivo della giornata era quello di affrontare 4.000 scalini, questo il “sacrificio” per guadagnarsi il mare in quel tratto di costa. Si parte da Campiglia, sobborgo arroccato tra Portovenere e Riomaggiore, per raggiungere Schiara e Monesteroli. Una manciata di case raggiungibili attraverso due meravigliose e suggestive scalinate, interamente create da mani sapienti: mille gli scalini da scendere, mille scalini per conquistare ognuna di queste “perle”, duemila scalini che sono poi da risalire con il rischio di rompersi l’osso del collo ad ogni passo.
     
    Il percorso è molto panoramico, aperto ai venti di tramontana e il mare un fedele compagno per tutto il tragitto. Si oltrepassano terrazzamenti con orti, vigne ed ulivi, divenuti nel corso dei secoli veri e propri simboli legati alla pazienza e al sacrificio di questi abitanti. Il tratto più suggestivo è quello che attraversa i celebri vigneti di Albarola, Bosco e Vermentino per la produzione del prezioso “Vin duse”, lo Sciacchetrà DOC delle Cinque Terre. Un vino passito eccelso, tra i più ricercati al mondo, stretta conseguenza di quel microclima, frutto di una simbiosi che si crea tra il mare e la roccia, tra il vento e il calore del sole, tra l’uomo e la sua caparbietà.
     
    Tra quelle viti, ormai ingiallite e pronte per essere potate, incontro Giuseppe. Un ligure anomalo, si è persino girato per capire chi lo stava salutando, rispondeva alle mie domande e a un certo punto ha persino smesso di tagliare i tralci per prestarmi maggiore attenzione. Ne approfitto quindi per fare due chiacchiere: “E quando mi ricapiterà più un fatto simile”.
    Mi conferma che ormai la produzione di quelle uve è talmente ridotta che gran parte dei proprietari si occupano del vigneto solo nel tempo libero e non come lavoro principale: “Negli anni ‘50 c’erano 500 ettari coltivati a vite, oggi sono meno di 100”.
     
    Per capirne i motivi è sufficiente guardarsi intorno per vedere che quella terra non è come le altre terre, lì ogni metro quadrato è organizzato per domare la natura: le viti si aggrappano ai terrazzamenti strappati alla pendenza, le casse piene di grappoli appena raccolti si spostano attraverso un’ingegnosa monorotaia, per non parlare poi delle avversità quotidiane fatte di animali selvatici, venti e temporali. È soprattutto per questi motivi che la produzione di questo vino è molto limitata per non dire eroica, perché lì è davvero tutto complicato.
    Giuseppe scrolla la testa, si gira verso il mare e poi alza le braccia: “Adesso è più facile affittare gli appartamenti a 500 Euro a settimana che stare con la schiena a terra per poche palanche”.

4 Commenti

  • Maria Rosa

    27/11/2018

    Io da bambina andavo al mare il mese di settembre a vernazza .....la vendemmia è un ricordo bellissimo e indelebile!

  • Stefano Filippi

    27/11/2018

    Bel pezzetto suggestivo, da 500 ettari a meno di 100, da un lavoro d'eccellenza per molte persone ad un lavoro " con la schiena a terra per poche palanche".
    L'ineluttabile destino di una terra faticosa e difficile, ma dal risultato eccezionale, sta alla politicacentrale fare delle leggi ed alla politica locale applicarle, la manodopera ci viene da tutto il mondo e ne abbiamo in eccesso, ed allora ? Chi sa insegni e chi può lavori !
    Alla politica sana sta il conciliare le due cose affinché l'eccellenza del suolo italiano rimanga tale e sia remunerativa. Il difficile sta nel fatto che per creare eccellenza deve essere virtuosa tutta la catena, dal politico al bracciante, la terra è li che aspetta che la virtù la coltivi e la ami.

  • Antonella

    27/11/2018

    Innanzi tutto ti faccio i miei complimenti per essere sopravvissuto ai 2000 scalini - andata e ritorno 😅. E ti ringrazio per aver condiviso (con la consueta sensibilità ed ironia dei tuoi racconti), la dedizione, l’amore per la terra, e la fatica presente in ogni goccia di quel vino, tra l’altro squisito. È sempre un piacere leggerti!

  • Giampaolo S

    28/11/2018

    Mio suocero ha le vigne lì vicino ... lui però prepara il "rinforzato", non lo sciacchetra' (nulla da invidiare al più pubblicizzato vino dolce). É solo il procedimento di appassimento dell'uva che cambia.

 

Commenta

Newsletter
Scrivi la somma dei due numeri e poi invia: 14 + 10 =
Accetto Non accetto

(*) Trattamento dei dati personali
Il form messo a disposizione sul sito ha il solo scopo di consentire ai visitatori del sito di publicare post, qualora lo desiderino. La presente informativa riguarda i dati personali inviati dall'utente visitatore al momento della compilazione del form. La informiamo del fatto che i dati che conferirà volontariamente tramite il form verranno tramutati in una email che eventualmente potrà essere conservata all'interno del sistema di ricezione di e-mail utilizzato dal titolare del sito.
Potrai cancellare i tuoi post inviando una tua mail all'indirizzo esvaso@gmail.com
Iscrivendoti alla NEWSLETTER riceverai le novità del sito e i nuovi post - Potrai cancellarti direttamente all'url www.esvaso.it/newsletter.php



Cancellazione POST

Se desideri cancellare e gestire i tuoi post clicca qui ed accedi alla tua area riservata.
Se non utilizzi piu' la mail con cui hai scritto il post che vuoi eliminare contattaci e cercheremo di aiutarti: esvaso@gmail.com