I geni dell'autostrada

Le immancabili colonne sulla A15 Parma-La Spezia, ma almeno questa volta si potevano evitare?
Ci amministrano degli incompetenti! Non è una frase buttata lì, ma a sostenerla è la realtà. Domenica 21 giugno, ore 19. Autostrada della Cisa: 27 km di coda in direzione Parma. Provinciale 523: altri 4 km di coda direzione Parma.
I rallentamenti in A15 si sono formati tra Berceto e Fornovo. La coda sulla strada normale è al semaforo di Valmozzola Stazione (ponte). La prima per i soliti e interminabili lavori, la seconda per la non apertura della variante sul tratto della ex ferrovia: 2 anni di semaforo e tratto stradale alternativo ancora fase di realizzazione.
Ci sono stati 90 giorni di tempo durante il lockdownm per fare i lavori: dai primi di marzo alla fine di maggio.
Ricordo che tanti cantieri stradali, ad esempio il ponte a Genova e la tangenziale di Roma, non si sono mai fermati, proprio per approfittare dell’assenza di traffico e guadagnare così tempo, ma soprattutto per causare meno disagi ai cittadini/viaggiatori.
Pensate sia finita qui? No, dalla prossima settimana chiuderanno anche la strada provinciale 523 del Passo Cento Croci per lavori alla galleria di San Pietro Vara... proprio in pieno periodo degli spostamenti in direzione mare/montagna.
Sono o non sono dei geni?


0 Commenti

Commenta

Somma e invia : 9 + 5 =
Accetto Non accetto


Resta aggiornato

Post simili

L'uomo degli Stradivari

Il concerto bedoniese del Maestro Matteo Fedeli e Andrea Carcano

Le miniere di Corchia

Sfruttate dal 1886 al 1943 sono ancora oggi affascinanti così come i bellissimi dintorni del borgo bercetese

Il Collegio del Castello di Compiano

Una mostra per rievocare il convitto femminile condotto delle suore ed istituito tra le mura del castello dal 1900 al 1962

Un viaggio trionfale

Nel 1936 venne realizzata e poi recapita a Piacenza una statua della Madonna di San Marco, un episodio tanto curioso quanto storico

Quel ponte sul fiume Taro

Piane di Carniglia: un'opera la cui costruzione risale ad oltre un secolo fa e mai adeguata ai tempi

Per brevità lo chiameremo ar Burgu

Ora sono tre le scelte per indicare la località valtarese lungo la strada provinciale. La storia di un nome

Dall'UFO al nucleare

Un testo del 1977 di Fausto Serpagli basato su tesi, ricerche, misteri e avvistamenti extraterrestri locali

L'antico borgo di Casacca

Un paese nato nel X secolo, abbandonato negli scorsi anni '50 e oggi tornato alla vita