Contile di Varsi

Una passeggiata autunnale nell?antico borgo di Contile: ricco di storia, tutta scritta e incisa sulle sue pietre
Arrivato l’autunno, riprendo in mano la macchina fotografica per scoprire nuovi angoli e rivivere emozioni tra le nostre valli: questa volta mi dirigo a Contile, piccolo borgo situato alle pendici orientali del Monte Dosso, nel Comune di Varsi (PR).

Ad accompagnarmi, Ida e due amici del posto, Lucia ed il piccolo Luca, che mi faranno da guida, mostrandomi gentilmente, l’interno della Chiesa e spiegandomi la vita passata e presente di questo suggestivo borgo di montagna.

Appena entro in paese, rimango colpita dall’ospitalità delle anziane signore, ognuna delle quali si mostra disponibile a farmi fotografare la sua proprietà; ed io con il naso all’insù, inizio a riprendere case, portali, finestre, forni e tetti in piane: sulla pietra è scolpita la nostra storia, il passato, ieri.
 
Arrivata al belvedere della Chiesa, percorrendo i viottoli appena ristrutturati, scopro che il panorama è da mozzafiato; peccato solo che la giornata non sia limpidissima.

Mi colpisce il massiccio campanile in sassi, con le sue tre finestrelle di grandezza diversa e con accanto l’epigrafe del poeta Francesco Zanetti, battezzato nel luglio 1870 a Contile, nella chiesa compresa nel patrimonio terriero della sua nobile famiglia.

La chiesa è dedicata a S. Leonardo, che si trova ben raffigurato, nell’abside, insieme a Francesco di Paola e alla Madonna col Bambino; si ritrova nei documenti antichi, come Cappella della Pieve di Varsi, già nel lontano 1352; l’attuale struttura è, come accade spesso, il risultato di modifiche avvenute lungo i secoli. Oltre che per la sua spettacolare posizione geografica, la chiesa assume valore per i dipinti che vi sono conservati, datati XVII e XVIII secolo e per il pregevole arredo sacro.

Lucia mi spiega che durante la II° guerra mondiale una cannonata, proveniente da Vianino, sfondò un lato della chiesa, (ora restaurato ad intonaco e non più in sasso), che pur sfiorando la grotta di Lourdes, non recò danno alla statua della Madonna. Per gli abitanti questo fu un vero e proprio miracolo ed ancor oggi i fedeli sono devoti e grati a Maria e la festeggiano nella ricorrenza dell’ 11 febbraio.

Oggi la chiesa è aperta solo alla domenica e la messa è celebrata alle ore 11,00 da Padre Dosi, proveniente da Piacenza, della cui Diocesi la parrocchia fa parte. Le signore del posto, aiutate anche dai giovani rimasti a Contile, a turno, accudiscono questo luogo di culto e l’ordine, la pulizia e l’amore per questo posto suppliscono ai lavori di manutenzione che dovrebbero presto esser fatti.

Luca mi segue incuriosito dalla mia stessa curiosità e mi spiega che a Contile le campane vengono ancora suonate manualmente: è proprio lui, che ogni domenica, aiuta il nonno campanaro.

Camminando tra questo complesso in pietra si percepisce che gli abitanti, ma anche i villeggianti, collaborano tra di loro e lavorano da anni per mantenere vivo e bello il borgo; anche l’Amministrazione Comunale sta facendo la sua parte, per correggere certi interventi del passato, con premurosa attenzione verso questo significativo esempio di architettura spontanea.

Il borgo di Contile



0 Commenti

Commenta

Somma e invia : 15 + 13 =
Accetto Non accetto


Resta aggiornato

Post simili

Quattro passi nel vento

Una passeggiata "contraria" alla costruzione di un impianto eolico sul crinale del Santa Donna

Tra i faggi, dove nasce il Ceno

Una passeggiata sul Monte Penna lungo le sorgenti del Ceno

Corchia, la perla dell'Appennino

Uno splendido borgo medievale ben ristrutturato, un esempio di recupero di architettura rurale

Quando si faceva il giro dei monti

Cronaca di un trekking di 70 anni fa compiuto da una comitiva di giovanissimi ragazzi

Il quarto Giro della Pieve

Edizione 2013 dell'escursione ad anello attorno al capoluogo bedoniese

Dalla Costa di Borio

Una passeggiata "imbiancata" che si sviluppa attorno al capoluogo bedoniese

Tremosine: la strada più bella d'Italia

Il paese guarda il Lago di Garda dall'orlo dell'altopiano, un paesaggio che non ti aspetti