Ritorno al futuro

E se un notiziario del 1988 ti scaraventasse in un passato che non è nient'altro che l'oggi e forse anche il domani?
Stavo facendo tranquillamente colazione, quando ascolto due notizie: i problemi legati alla ferrovia "Pontremolese" e di un'auto caduta giù da un ponte a Pontestrambo. Mi giro verso il televisore per prestare più attenzione e vedo che i conduttori sono i giovani Carlo Brugnoli e Gabriella Olari: "Ma come… non è di oggi?". Si trattava infatti di due notiziari di VideoTaro del 1988, rimessi in onda all'interno della bella e interessante rubrica "Rivediamoli".
 
Nel primo servizio si parlava del raddoppio dei binari della ferrovia Parma-La Spezia, quindi di una linea strategica per i pendolari e dei conseguenti investimenti atti allo sviluppo del comprensorio. Il secondo servizio illustrava una disgrazia appena avvenuta: "Incidente mortale questa mattina sulla strada per Chiavari, nei pressi di Pontestrambo, la Fiat 126 sfondava la fragile barriera di legno del ponte fino a precipitare nel greto del Taro e la mancanza di un guardrail regolamentare ha favorito l'incidente mortale". Ma non solo: "L'autogrù dei pompieri, intervenuta per recuperare il mezzo, mentre si dirigeva verso Santa Maria del Taro, è uscita a sua volta di strada precipitando per oltre una sessantina di metri". In allegato il video dei due servizi.
 
Sono passati trentaquattro anni (34 ANNI) e i problemi di allora sono gli stessi di oggi (GLI STESSI). Eccoli gli unici segni del tempo che nel frattempo sono mutati: la Festa dell'Unità, la Democrazia Cristiana e l'Assessore ai Trasporti della Regione Emilia Romagna Renato Albertini.
 
Ora avrei un desiderio, quello di salire a bordo della mitica DeLorean -la macchina usata nel film Ritorno al futuro per viaggiare nel tempo- e scrivere sul cruscotto la data in cui desidererei catapultarmi. Lì nel futuro mi tratterei solo per il tempo necessario, quello per assistere al notiziario di RTA del 2056 e raffrontare ancora una volta le notizie di quell'anno con quelle di inizio millennio e magari ascoltare il politico che sarà di turno ribadire: "Strade? Dove stiamo andando non c’è bisogno di strade!".
 
Ringrazio per la gentile collaborazione Gian Luigi Bazzani di RTA-VideoTaro.

Ha collaborato a questo post:


VIDEO: i TG di VideoTaro del 1988


Altre foto



4 Commenti
  1. Trilussa

    E' la tipica espressione di incompetenza e di arroganza di una classe politica dilettantistica che ci ha rappresentato dal dopo guerra ad oggi. Nessuno escluso, la memoria ci è da garante.

  2. Isa

    34 anni passati invano... la Pontremolese è ancora lì in attesa di sviluppo se non agonizzante...e si continua a morire cadendo giù da un ponte con le ringhiere marce...sulla stessa strada...che infinita tristezza

  3. Mario Pezzini

    Fare di ogni erba un fascio non è forse la migliore soluzione: ne’ dal punto di vista morale ne’ da quello sociale. Ognuno di noi dovrebbe contribuire, per quello che gli è possibile, al miglioramento della qualità della vita della nostra valle. Con passione, con capacità partecipando a tutto quello che può migliorare il nostro futuro senza altro fine se non il benessere di tutti. Le guerre, soprattutto quelle postume , aprono nuove ferite e non rimarginano le vecchie. Insieme dovrebbe essere la parola d’ordine, mi pare che ancora oggi invece predomini , contro.

  4. Micol

    Gigi, da Zemechis a Grignani il passo è breve!

    E' questo il treno che viene e va
    un nuovo treno che binari non ha
    copre distanze che conosco di già

Commenta

Somma e invia : 5 + 13 =
Accetto Non accetto


Resta aggiornato

Post simili

Lettera a Babbo Natale dai pendolari

La tratta ferroviaria Parma-La Spezia lamenta sempre più ritardi e disservizi

La malarotaia

La cosa scontata è che alle stazioni c'è chi scende e c'è chi sale. Ma non sempre va così

Bedonia Bedonia, stazione di Bedoniaaa

Il progetto di una via ferroviaria alternativa per collegare l'Emilia Romagna con la Liguria

La Stazione senza tempo

Sulla linea Pontremolese, non ci sono solo ritardi...

Storie di ordinaria ferrovia

Ritardi, guasti e cancellazioni senza preavviso sono la colonna sonora della linea Pontremolese

Ritorno al futuro

E se un notiziario del 1988 ti scaraventasse in un passato che non è nient'altro che l'oggi e forse anche il domani?

Gino, Partigiano e Capo Stazione

Il giornalista Stefano Rotta ricorda la figura e la vita del borgotarese Gino Caccioli