Caro amico ti scrivo

Una lunga amicizia nata sui banchi di scuola e "coltivata" poi nel tempo
Non pubblicherò una tua foto e non scriverò il tuo nome. Mi affido solo ad un'imaggine che ci legava. Andare oltre non ce n’è bisogno. Voglio rispettare anche ora quello che è stato il tuo modo di vivere: sempre un passo indietro, ma con la consapevolezza di trovarti ogni volta dietro le quinte.
Ti conoscevo praticamente da sempre. Le migliori amicizie nascono tra i banchi di scuola. È lì che una persona si dimostra per quello che è, quello che sarà in futuro. È un periodo senza filtri o secondi fini: lì sei come sei. A differenza di molti di noi, tu, non sei mai cambiato, la coerenza è stata il tuo punto di forza, da allora fino ad oggi. Una persona autentica di cui fidarsi, sotto tutti gli aspetti. Non hai mai digerito i social, non avevi nemmeno WA e i pettegolezzi non ti sono mai appartenuti, avevi basi ben più solide: i tuoi amici, il lavoro, la parrocchia, il volontariato e la tua Famiglia. Eri una persona a cui voler bene e condividere la nostra amicizia l’ho sempre ritenuto un privilegio che anche ora mi tengo ben stretto. Sarà una notte di pensieri. Ciao amico mio!


0 Commenti

Commenta

Somma e invia : 13 + 10 =
Accetto Non accetto


Resta aggiornato

Post simili

Il ritorno del Disc Jockey

Dalla Piramide al Bar Lucia, il ritorno di Gigi DJ

A Zacchi

Un amichevole ricordo di Giampiero Zanichelli

Sergio Ferrari

Personaggio istrionico e "Grande conoscitore ed esperto di cose belle"

Viaggio sentimentale nell'Italia dei vini

Le Langhe di Piero Busso: terra, viti e un profumo di vino autentico

Ti chiamerò Presidente

La borgotarese Cecilia Metra ricopre ora un incarico unico al mondo

Mi ritornate in mente

In questo mese di marzo, ottant'anni fa, nacquero due persone fondamentali per la musica italiana: Lucio Dalla e Lucio Battisti