Mi ritornate in mente

In questo mese di marzo, ottant'anni fa, nacquero due persone fondamentali per la musica italiana: Lucio Dalla e Lucio Battisti
È bello ascoltare musica perché ha il potere di rievocare ricordi, circostanze e specifici momenti avvenuti negli anni passati, un po’ come la scossa elettrica fa accendere la lampadina in una stanza buia. È un pensiero di questi giorni, complice la nascita di due giganti della musica italiana: Lucio Dalla e Lucio Battisti. E pensare che entrambi sono nati sotto una buona stella: il 4 e il 5 marzo del 1943, ed oltre a portare lo stesso nome, sono anche diventati le "Luci" della musica. Destino.

Pur avendo stile e musica differenti, non saprei se prediligere uno o l’altro, in fondo sono cresciuto con i loro dischi. Siamo sul finire degli anni ’70, per la precisione tra il 1978 e il 1980, e il mio “svezzamento” musicale è avvenuto con quattro LP importanti, personalmente li considero i più belli, quelli che porterei con me dovessi mai affrontare un viaggio interstellare: Una donna per amico; Lucio Dalla; Una giornata uggiosa; Dalla. Ad esaminarli oggi sembrano delle compilations, invece sono una decina di brani che compongono il lato A e B di un album. Negli ultimi anni è raro trovare simili analogie.  

È per questo motivo che sono qui oggi per ricordarli, a fargli gli auguri nel loro ottantesimo compleanno, per dimostragli, doverosamente, che in qualche modo stanno ancora vivendo, esattamente come accade quando ci aprono il “cassetto dei ricordi” e riappaiono il jukebox a 'Las Vegas' o del 'Mellini', i falò nelle notti al Groppo o il viso della ragazza dell’estate. Mondi lontanissimi, ma magicamente vicini, incorniciati come quadri dentro di noi.

Le loro canzoni rimangono qui, a noi solo il compito di ascoltarle come e quando ci pare, mettendo la puntina sul disco o premendo il tasto play, il potere della musica resta sempre lo stesso, oggi come allora: farsi trasportare ovunque, a nostro piacimento.

Se pur in ritardo, ma siamo comunque ancora nel mese di marzo: “Auguri miei cari”.
A Lucio Dalla A Lucio Battisti

'Mi ritorni mente' interpretata da Giorgio Gaslini



3 Commenti
  1. Nicola Cattaneo

    Dedicheremo una serata ad una "degustazione" orizzontale dei classici dei nostri due Ottuagenari per stabilire finalmente chi abbia prodotto quelli più persitenti nel tempo, valutandone ad oggi la loro forza, freschezza, e limpidezza, stilando poi un giudizio definitivo e incontestabile.
    Buon Compleanno ovunque voi siate, forse nei "giardini di Marzo" o forse dove è "Profondo il mare"... o in tutti quei luoghi incantati di cui ci avete cantato.

  2. Be

    “Luci” mai termine più appropriato per definire due geni del cantautorato Italiano, da sempre e per sempre ad illuminare la vita di ognuno di noi; tra i contemporanei difficile trovare così tanta accuratezza, emozione veritiera e fine sentimento. “Ai posteri l’ardua sentenza”.

  3. Lorena Calzi

    In una Giornata uggiosa è sufficiente ascoltare Con il nastro rosa e tutto va meglio.
    La poesia di Mogol e l'armoniosità di Battisti sono inscindibili

Commenta

Somma e invia : 3 + 7 =
Accetto Non accetto


Resta aggiornato

Post simili

La Val Gelana

Una passeggiata al "Chiar di Luna" lungo il torrente Gelana

Sul Pelpi a sentire che aria tira

Scoprire il monte in una giornata invernale

Il meteo: dalle calende a Zambrelli

Quando il clima si valutava in base a certi segni della natura, per taluni presentimenti legati alla tradizione contadina oppure per mezzo di persone preveggenti

Facevo il cameriere alle Torri Gemelle

Una testimonianza diretta e locale in occasione dell'anniversario dell'attentato di New York

Fattoria della Carità: istruzioni per l'uso-III Atto

Al via i lavori per realizzare tutti assieme il meleto solidale di Bertorella