Perfetta sconosciuta

L'attrice Anna Foglietta ha trascorso le festività in Val Taro con la famiglia, ospiti del bedoniese Domenico Zambelli
Se sono amici di Domenico sono anche i miei, quindi si fa tutto il possibile per farli sentire “a casa”. Capita spesso che lo vengano a trovare persone inconsuete, quelle cosiddette “dello spettacolo”: e così, quando accade, c’è l’occasione di conoscerle più approfonditamente, magari dando un po’ sfogo a quel pizzico di curiosità umana. Di queste sue peculiari frequentazioni, che poi nel tempo possono tramutarsi in amicizia e financo in “persona fidata”, il bedoniese Domenico Zambelli ne ha fatto il suo lavoro da oltre trent’anni, organizzando eventi e conventions, principalmente nell’ambito della moda milanese.

Nelle festività appena trascorse è stata la volta dell’attrice romana Anna Foglietta, la quale ha soggiornato, assieme al marito Paolo e ai tre figli, per una settimana a Bedonia: “Desideravamo riposarci, lontano da tutto e tutti, e trascorrere questi giorni in totale relax… Così abbiamo colto al volo e con piacere l’amichevole invito di Domenico”.

Anna e famiglia si sono così immersi, anima e corpo, in ritmi e abitudini locali, non facendosi mancare nulla. Oltre a provare la nostra cucina di piatti tradizionali, hanno avuto modo di visitare “in giornata” i luoghi di maggior richiamo raggiungibili dalla Val Taro: Forte del Marmi, le Cinque Terre, Chiavari e Parma: “Il complesso della Pilotta e il Teatro Farnese sono qualcosa che non dimenticheremo”. Ma non è tutto: grazie a Nicola, l’attivissimo e instancabile tour operator del nostro gruppo di amici, hanno potuto fare escursioni nei nostri monti, passeggiate a cavallo, assistere alle fasi di produzione del “Parmigiano Reggiano”, conoscere i musei del nostro Seminario, fare il sopralluogo al tratto di fiume del “Groppo” per probabili bagni estivi ed infine visitare il castello di Compiano con i suoi musei: “Ma quanto è bella questa nostra Italia! Più la scopri e più ti sorprende con i suoi tanti tesori, specialmente quando ti imbatti in quelli meno noti”.

Perfetti sconosciuti di Paolo Genovese, uno dei film in cui proprio Anna Foglietta è protagonista, condensa un aforisma di Gabriel García Marquez: “Ognuno di noi ha tre vite: una pubblica, una privata e una segreta”. Però ci sono sempre le eccezioni, come nel nostro caso, poiché è emersa prima di tutto una persona: persona che di lavoro fa l’attrice cinematografica, televisiva e teatrale, ma che – va sottolineato – è ben lontana dai canoni “costruiti” dallo Star System, ossia, per intenderci, da quegli atteggiamenti che sempre più spesso le celebrities assumono per sostenere il “personaggio”.
Con Anna abbiamo quindi potuto apprezzare una sola personalità, quella di una donna educata, gentile e rispettosa, oltre che familiarmente molto presente e diretta, lontana dalle omologate apparenze, dalla frenesia scandita da cellulare, selfie e social – caratteristiche la cui presenza, oggi, non è poi così scontata.

Infine, credo si possa dirlo, è risultata una bella persona, dove le sue modeste origini famigliari trapelano piacevolmente in tante circostanze quotidiane. Si intuisce che è felice di sentirsi normale, e altrettanto lo siamo noi per aver potuto afferrare la sua normalità, andando oltre all’immagine di una brava e apprezzata attrice proiettata sullo schermo.
LINK: la biografia di Anna Foglietta

Il trailer di Perfetti sconosciuti



1 Commenti
  1. Nicola Cattaneo

    Cosa si può aggiungere? Forse di essere fortunati ad avere Domenico come amico, perchè ci ha permesso di conoscere "la moglie di Paolo" come ha abbastanza ossessivamente chiamato Anna in questi 5 giorni... e Paolo e i loro incredibili figli... ragazzi/bambini, che stanno per ore a giocare fra loro senza un cellulare fra le mani (escluso quello di Domenico che improvvidamente e contro il parere "della Moglie di Paolo"... ha consegnato loro per creare immagini ecc...).

    Bambini/ragazzi che seppur molto diversi fra loro stupiscono per la curiosità, per la passione per osmosi familare verso il cinema... sentire una ragazza di 10 anni parlare di film di Hitchcock o di Woody Allen... veramente apre il cuore... potrei citare altri episodi di questi giorni per dire quanto la stima nei confronti della Anna attrice (come persona ha detto tutto Gigi) siano solo aumentati dopo aver conosciuto lei... cosa che spesso invece conoscendo di persona personaggi noti, va di molto a diminuire, ma invece preferisco ringraziare Domenico che ci ha reso partecipi, con grande delicatezza e scrupolo della loro privacy e del loro desiderio di fare una vacanza in famiglia, della loro compagnia per qualche giorno.

    Dal punto di vista personale diciamo che alcune pecchè ci sono state... intanto Domenico appena parlava di qualcuno che ha fatto televisione o qualsiasi apparizione di tipo "attoriale" e di cui non condivideva qualcosa... insolentiva Anna con "è una tua/o collega..." per stuzzicarne reazioni in realtà sempre piuttosto pronte e misurate... quasi sempre via... (ahahhaha), poi le pecche ci sono state vere... il clima veramente inadatto a una vacanza nelle nostre valli, qualche febbre e malanno di stagione... (a cui comunque con un atteggiamento davvero positivo hanno rimediato alla grande) e poi questo tifo sfrenato per la Lazio... ma Paolo...dai!!!

    Comunque a parte le battute... unico upgrade che spero ci sarà, se ci sarà, una prossima visita in valle da parte di Anna, sarà quello di poter avere anche un momento pubblico (il sogno sarebbe un suo spettacolo teatrale) ma anche un incontro, perchè a chi ancora ama il cinema (ho visto la sua amarezza e tristezza quando le abbiamo detto che per andare al Cinema dobbiamo fare un'ora di strada...) e il teatro... troverebbe in lei quella passione e quella competenza che fanno sì che quando parli con persone così, la tua passione per le cose della vita ti prendano e ti appassionino ancora di più.

    Non mi resta che Ringraziare per la mia attività di tour operator nostrano il caseificio Porcari e Tambini, il maneggio Castellaro Ranch, lo staff del Castello di Compiano e lo Staff del Seminario di Bedonia, oltre che ovviamente il ristorante La Pergola... perchè aiutandosi e dando disponibilità credo si renda una immagine della nostra valle un po' migliore di quella che appare a volte a noi dall'interno.
    Concludo questo lungo, eccessivamente lungo, commento dicendo che di questi giorni siamo rimasti "Confusi e Felici" e che per quanto abbiamo fatto per farli sentire a loro agio... "Nessuno ci può giudicare"

Commenta

Somma e invia : 15 + 4 =
Accetto Non accetto


Resta aggiornato

Post simili

Per non dimenticare Pier Carlo Ponzini

Oltre alle iniziative culturali che saranno a lui dedicate, perché non riconoscere a questa figura un dignitoso spazio pubblico a futura memoria?

Oggi ti presento ai miei

Un ricordo in "bianco e nero" per rivivere il matrimonio di Luciana e Romolo. La cerimonia si svolse a Tornolo e il pranzo a Pansamora di Bedonia. Era l'estate del 1964

Il cielo ha la forma della finestra

Cronaca casalinga di una quarantena annunciata: ora dopo ora, giornata dopo giornata, per quaranta giorni, notti comprese

Pier Carlo Ponzini: un poeta

La vita, le opere e la poetica di Pier Carlo Ponzini per consentire di coglierne i suoi tratti fondamentali

Gli amici ritrovati

Dal fondo di un cassetto sono uscite una serie di diapositive degli anni '80 che ritraggono ragazze/i allora ventenni o giù di lì, storielle comprese

Tutta colpa del paradiso

Per non dimenticare Francesco Nuti, uno dei protagonisti dei giorni più belli, sia suoi che miei

Foodie love: una serie ben cucinata

Un incontro tra due buongustai attraverso un'app di incontri tra appassionati di buon cibo

Perfetta sconosciuta

L'attrice Anna Foglietta ha trascorso le festività in Val Taro con la famiglia, ospiti del bedoniese Domenico Zambelli