Un piccolo mondo incantato

La ricorrenza di Maria Bambina viene celebrata per mezzo di una funzione religiosa nel pomeriggio dell'otto settembre
La tradizionale ricorrenza di “Maria Bambina”, vale a dire la benedizione dei bambini, ha un fascino a dir poco incomparabile. Il luogo dove si svolge la solennità è a due passi dal centro storico di Bedonia, ma “lontanissimo” per molti. E’ un posto “magico”: silenzio e tranquillità sono i veri padroni di quell’incantevole angolo di terra preservato dal cemento.

Si tratta del bosco "del Serpaglio", anche se per molti bedoniesi era e rimane il “CIF”. Il “Centro Italiano Femminile” era una casa di villeggiatura riservata alle sole donne cattoliche, ciò è avvenuto fino alla metà degli anni sessanta, e da allora, tranne una breve parentesi riservata al campo estivo dei finanzieri, è praticamente inutilizzata, in concreto è in decadimento. La proprietà del podere è la “Fondazione Bellentani”, la stessa dell’asilo infantile bedoniese.

Torniamo però alla festività celebrata nel tardo pomeriggio dell’otto settembre. Tutto avviene in modo essenziale, quasi in punta di piedi, sembra di rivivere dei momenti sottratti ad una fiaba, tutto è così piccolo, minuscolo: bambini che giocherellano con le pigne; una chiesetta ottagonale con la torretta; la statua della Madonna è di proporzioni inusuali, “neonata”; persino la processione avviene in maniera infantile, è un breve girotondo, ed ovviamente sono piccini anche i portantini della Madonna. Ciò si svolge all’interno di una fitta boscaglia di castagni e pini, quasi a voler preservare quel “piccolo mondo incantato” che, per un solo giorno all’anno, rinnova la lunga tradizione.

Alcuni momenti della processione...



1 Commenti
  1. butterfly green

    ...c'è qualcosa di veramente magico nel sorriso di un bambino...
    sono sicura che se riuscissimo a guardare ancora il mondo con giovani occhi sarebbe molto più facile distinguere il bene dal male, i buoni dai cattivi.
    A volte ci illudiamo forse per comodità, pigrizia, od anche solo distrazione, ma la realtà è semplice se impariamo a gurdarla,
    è davvero semplice....... Vorrei avere acora sette anni.

Commenta

Somma e invia : 15 + 2 =
Accetto Non accetto


Resta aggiornato

Post simili

Lettera da un matrimonio

Il racconto di un matrimonio celebrato oltremanica nel 1974. A narrarlo è Arturo Curà attraverso una lettera inviata ai genitori della sposa

Unicuique suum? - A ciascuno il suo?

Fa molto discutere la scelta del Vescovo piacentino di gestire separatamente Seminario e Santuario

Fioritura dell'artigianato, dell'industria e dell'arte in Alta Val Taro

Il borgotarese Romano Costa racconta l'avvento della "Pontremolese" e delle opere architettoniche lasciate da Aldo Tagliavini

"La passione di Cristo" secondo Arturo

Nella cripta della Basilica di San Marco di Bedonia è presente un dipinto murale realizzato da Arturo Curà... e non senza sorprese

L'infiorata

Dietro le quinte della tradizionale processione del Corpus Domini, oltre ad antiche credenze popolari che ancora oggi sopravvivono