Le scarpe di Belagamba

La lunga storia di un negozio di calzature bedoniese e sempre gestito dalla famiglia Raggi
Oggi mi sono infilato nella bottega di Raggi o meglio di "Belagamba", come la chiamano i bedoniesi. Il negozio di scarpe per antonomasia. C'è persino chi dice che una signora, molti anni fa, comprò lì un paio di scarpe, e quando la domenica mattina se le infilò scoprì che erano di una misura in meno, ma era talmente contenta dell'evento che disse "Stringono un pò, ma come si fa a non portare le scarpe di Belagamba?"

Nonostante i tre quarti di secolo non sembra aver difficoltà a mostrare i suoi anni, è là immutato e nella stessa posizione di un tempo, in via Garibaldi, proprio dove finisce l'ombra del campanile. Me ne accorgo fin dal momento del mio ingresso. Il pavimento in lastroni di pietra, lucidato ad "olio rosso", riflette le pareti interamente ricoperte da scaffali di legno scuro, stracolmi di scatole di scarpe, i vetri della porticina che immette sul retro riportano ancora delle vecchie 'reclam' della Superga, in un angolo un calendario ingiallito, quelli con la rotellina sul fianco per far scorrere la data, "fermo" a un ipotetico 03 febbraio di chissà quale anno, e dietro all'ingresso, appese allo stesso chiodo che sorregge un 'santino' della Madonna di San Marco, alcune paia di scarpe, di quelle fatte a mano, ancora lì a testimoniare le antiche tradizioni della famiglia Raggi.

Infatti il tempo sembra non aver cancellato nemmeno gli odori, nell'aria si respira tuttora quel profumo tipico di colla mischiata al cuoio 'saranno ormai cinquant'anni che qui dentro non si lavora più il corame', aggiunge Romano, occasione buona per iniziare la nostra chiacchierata, ovviamente dagli inizi, dal nonno. Pasquale aveva iniziato l'attività durante il primo decennio del secolo come venditore ambulante di chincaglierie, in Lombardia nella zona dei laghi, e questo durò per una decina d'anni.

Nel 1925 decise di aprire un'attività stabile a Bedonia. Il nuovo negozio non trattava di sole scarpe, smerciava tomaie, cuoio, colla, 'brocchette' e chiodi, gomma, spago, pece, camici da lavoro e qualche drappo di velluto e fustagno. Poi nel 1930 fa subentrare il figlio Livio, da lì inizia l'espansione dell'attività anche verso le valli limitrofe. Decide allora di ripartire come fornitore, a dorso di mulo, verso altri negozi di Varese Ligure, Chiavari e Bettola fino al 1936. Livio tenne duro fino al 1978, anno in cui lasciò il posto a Romano, nipote del fondatore Pasquale, che ancor oggi, generazione dopo generazione, tiene saldo il nome del negozio dei "Belagamba".

Altre foto



0 Commenti

Commenta

Somma e invia : 7 + 14 =
Accetto Non accetto


Resta aggiornato

Post simili

La Rosita di Setterone

L'incontro con l'ultima abitante stabile del paese per ascoltare la sua vita e quella degli altri suoi paesani

Facevo il cameriere alle Torri Gemelle

Una testimonianza diretta e locale in occasione dell'anniversario dell'attentato di New York

Carlo, Nicoletta e Gabriele

Il fratello di Carlo ha voluto ringraziare i bedoniesi con una lettera e una donazione alla CRI

Renato Ponzini: il ciclista campione

La lunga storia del ciclista valtarese: 1932-2014

L'arte a casa Lazzarelli

Un appartamento abbandonato da quarant'anni è stato riaperto per ospitare una galleria d'arte e nel contempo è riemersa la storia della famiglia che lo abitò

Una lunga estate calda

Giacomino traccia i dettagli meteorologici della stagione appena passata

Diego e Marzia: i compagni di merenda

Nell'alta Val Ceno di Bedonia ha aperto un nuovo locale all'insegna del bio e del fatto in casa

Io sono quella del puntino

Non è solo una foto scattata a Bedonia nel 1951, partita per San Francisco e oggi tornata a "casa"