Geni o Genio?

Continui lavori alla "diga" in località Borio di Bedonia
Io e li mio amico “Geom”, durante le nostre passeggiate della domenica pomeriggio, l’avevamo detto: “a durerà da Natele a San Stevi”. Questa premonizione l’avevamo fatta esattamente sette mesi fa e i fatti non ci hanno smentito.

Ricostruiamo l’accaduto. Nell’inverno 2008 la diga di Borio era ceduta sotto la forza del fiume in piena, vista la veneranda età poteva anche essere probabile che accadesse.
Nella primavera del 2009 è stata ricostruita, ma con un metodo diverso dal precedente, questa volta sfruttando una medologia moderna, ossia, quella di sbarrare il fiume accatastando con lo scavatore dei grossi massi.

La precedente, ad onor di cronaca, era invece stata costruita a mano e con materiale povero, semplici traversine in legno e binari della ferrovia, con la sola differenza che la prima è durata quasi cinquant’anni, la seconda solo pochi mesi. Allora sì che erano dei geni. Adesso no, Genio Civile!

Ad un anno di distanza...



0 Commenti

Commenta

Somma e invia : 13 + 4 =
Accetto Non accetto


Resta aggiornato

Post simili

Quella sfida tra Moser e Saronni a Compiano

Un ricordo del Campionato di Ciclismo Italiano del 1981, mentre a Giugno tornerà nuovamente in Valtaro

Gianna "la Nuda"

Un ricordo di una delle tante turiste parmigiane che trascorrevano i mesi estivi a Bedonia

Gino, Partigiano e Capo Stazione

Il giornalista Stefano Rotta ricorda la figura e la vita del borgotarese Gino Caccioli

Il Maurizio Costanzo Show

Cinquant'anni di presenza televisiva e qualche ricordo personale

Quello che i concerti raccontano

Doppio quarantennale per due storici album della musica italiana