Sfere, cerchi, globi e schiuma

Sono ancora lì dentro da quando ero bambino, le ho sempre conservate, custodite, perderne una poteva voler dire 'smarrire' un pezzo del mio passato. Sono le biglie di vetro, ora, per i più, solo un piacevole ricordo. Loro non mi guardano direttamente, sono io che ogni tanto mi 'poso' su di loro. La loro circolarità, la loro 'anima' colorata, è capace di trasportarmi ovunque, anche nel tempo, dentro ai ricordi. In effetti viviamo in un mondo di sfere, cerchi e globi.

Comunichiamo uno con l'altro attraverso cerchi che, come onde, si allargano e si espandono su questa palla enorme che è l'Universo: figurativamente, un disegno fatto con un compasso cosmico. Le tradizioni sono sfere che i nostri nonni ci tramandano da sempre. Sono anelli invisibili infilati nelle dita di genitori e parenti, ignari assimiliamo queste sfere attraverso carezze, schiaffi e strette di mano.

Anche il ripetersi dei rituali è circolare. Tutta la vita è "rotonda". Siamo imprigionati in una sfera, in una bolla Improvvisamente ecco, ne appare una all'orizzonte, ha qualcosa di attraente. Gli passi accanto, vorresti carezzarla, ma o perchè girandoti su te stesso la perdi di vista, o perchè è lei a farlo, o perchè improvvisamente ci si mette di mezzo una palla di biliardo che l'allontana una dall'altra, fatto sta che si perde.

E allora cominci a lanciare cerchi a tutto spiano, a girare più forte su te stesso sperando di riuscire a intrufolarti nel pertugio giusto, quello che ti possa far riavvicinare. Magari poi ti ritrovi in un formaggio svizzero, oppure finisci in un'ondata di bolle di sapone, belle, colorate ma ancor più vuote dell'Emmental; oppure vai a cadere in un cilindro e allora lì sei in trappola.

Ci sono anche le sfere-giostra, spirali che ti intontiscono e alla fine ti fan venire un gran giramento di testa: che razza di schiuma ti rimane poi nel cervello... Nel frattempo sto ascoltando la musica dei "The ballistic brothers", balistica anche questa ha a che fare con le sfere, i proiettili. E' tardi ho un buco allo stomaco vedo però la soluzione, è lì da questa mattina, un Krapfen zuccherato: tondo pure quello.


2 Commenti
  1. ...un'amica

    Mi piace questo pezzo, rispecchia anche la mia vita...il susseguirsi degli eventi, le magnifiche biglie che ci son state e quelle che verranno. La vita è come una giostra, gira sempre nello stesso senso, bisogna prenderla come un gioco, un piacevole gioco, movimentato, pieno di forti emozioni e variopinti ricordi.
    ...ora, ho voglia di dolce...mangierà quel Krafeb zuccherato!

  2. butterfly green

    ...si anche la mia vita è rotonda ...le biglie mi hanno semre magicamente affascinata, se ne guardi una girare veloce percepirai un unico colore, è quando rallenta la sua corsa che inizi ad intravvedere i colori che ne formano veramente il cuore...non dobbiamo mai smettere di saper guardare oltre...

Commenta

Somma e invia : 13 + 9 =
Accetto Non accetto


Resta aggiornato

Post simili

Sagra delle torte bedoniesi

Il 5 giugno ritorna l'appuntamento per affermare la nostra cultura culinaria contadina

Dolce Napoli

Vedi Napoli e poi... assaggia

Una "Miss" all'Orfeo

Carla Bordone da Brescello si aggiudicò nel 1962 il titolo di Miss Eleganza

Martina dal bel canto

La prima donna valtarese ad essersi laureata al Conservatorio in canto lirico oltre a qualche ricordo del passato

Carpano Carpani, un uomo tutto d'un pezzo

Un simpatico ricordo di una storica figura bedoniese

La casa di famiglia

Ci sono luoghi dove il tempo sembra essersi fermato e in quel caso c'è sempre una storia da raccontare

Settimo

Settimo Anelli era nato nel 1938 e per l'intera vita ha vissuto in casa della famiglia Biasotti