post commenti
  • Mozart alla chiesa parrocchiale

    In una serata di fine agosto, quando tutte le altre musiche “spensierate” si sono smorzate, le note “classiche” di W. A. Mozart hanno fatto eco nella chiesa parrocchiale di Bedonia.
    I Maestri Paolo Bracchi e Daniele Cacchioli hanno organizzato e diretto un concerto, “pro restauro” della stessa chiesa, che ha ripercorso alcuni brani del grande compositore salisburghese.
    Gli strumentisti provenivano dal corpo bandistico bedoniese "Glenn Miller", mentre le voci erano affidate al coro delle ragazze di Isola di Compiano.
    Manifestazione riuscita sotto ogni aspetto, un centinaio gli ascoltatori presenti.
    Un vero peccato però che l’organo a canne, posto sul palco cantorio, non sia più in grado di dare emozioni, in realtà è da molto tempo che non "respira" più. Sarebbe stato un effetto acustico senz’altro più consono alla serata, infatti molti degli strumenti impiegati per il concerto nella seconda metà del settecento non esistevano neppure.
    L’organo risale alla metà dell’800 e nei progetti futuri del Comitato, sorto per il restauro strutturale della chiesa, c’è comunque l’intenzione di porre rimedio anche a questa carenza.

0 Commenti

 

Commenta

Accetto Non accetto
Scrivi la somma e invia: 10 + 6 =
Resta aggiornato


Cancellazione POST

Se desideri cancellare e gestire i tuoi post clicca qui ed accedi alla tua area riservata.
Se non utilizzi piu' la mail con cui hai scritto il post che vuoi eliminare contattaci e cercheremo di aiutarti: esvaso@gmail.com