Borgotaro o Borgo Val di Taro?

Il solito dubbio ricorrente sull'origine e sulla correttezza del nome del paese della Valtaro: origini e cause storiche
Borgotaro o Borgo Val di Taro? Il dilemma non è solo il mio, anzi... molte persone si chiedono se si tratta dello stesso paese o di due luoghi differenti.

Facciamo un po' di chiarezza. In partenza era Burgus Vallis Tari, fino al '700, mentre con l'inizio di questo secolo si comincia ad usare Borgo Taro e, più raramente, Borgotaro.

A metà '800 si consolida la forma Borgotaro, e così quando, nel 1861, nasce il nuovo Regno d’Italia, il nome ufficiale è Borgotaro. Borgotaro la stazione ferroviaria, Borgotaro la carta intestata del Comune, Borgotaro negli atti di nascita, morte e matrimonio.

Il 13 giugno 1928 avviene quel cambiamento responsabile dei nostri guai. Succede che una legge, una finanziaria del tempo, obbliga i comuni più piccoli ad aggregarsi ad altri per formare un unico comune, e ciò per ragioni di risparmio.

Da noi accade che il Comune di Albareto debba aggregarsi a quello di Borgotaro. Ma cosa dicono quelli d'Albareto.
Noi siamo costretti ad accettare che si formi un unico nuovo comune, ciò significa che anche il Comune di Borgotaro non esiste più.

Quindi il nuovo dovrà avere un nuovo nome dal quale si dovrà capire che ne facciamo parte anche noi. Detto, fatto: il comune di Borgotaro diventa Borgo Val di Taro.

D'altra parte così si chiamava nel passato quando anche il territorio di Albareto ne faceva parte. Piccola coda: finita la guerra (1945), cade il vecchio regime. Dietro l'ondata di libertà, Albareto si ricorda della sua passata autonomia e avanza richiesta al Governo di staccarsi dal Comune di Borgo Val di Taro. Domanda accettata nel 1946.

Al Borgo ci si chiede: ora che Albareto si è staccato, dobbiamo ritornare alla dizione Borgotaro? Questione, al tempo, assai dibattuta.
Polemiche, anche sui giornali, alla fine si decise per Borgo Val di Taro. E da lì cominciarono i problemi.

Ora ringrazio lo storico borgotarese Giacomo Bernardi per avere fornito le delucidazioni occorrenti.

Ha collaborato a questo post:



0 Commenti

Commenta

Somma e invia : 8 + 6 =
Accetto Non accetto


Resta aggiornato

Post simili

Il dialetto, la lingua del cuore

Giannino Agazzi e Sara Raffi Lusardi hanno realizzato un dizionario del nostro dialetto

Maledetta primavera

Effetti, usi e costumi legati ai periodi di siccità, raccontati da Giacomino e Maria Pina

Settimo

Settimo Anelli era nato nel 1938 e per l'intera vita ha vissuto in casa della famiglia Biasotti

Il Club

Ripescata una delle tante curiosità bedoniesi cadute nel dimenticatoio

San Martino nella nostra civiltà contadina

Una tradizione secolare legata alla vita dei campi rispettata in tutta la Valtaro e la Valceno

Contile di Varsi

Una passeggiata autunnale nell?antico borgo di Contile: ricco di storia, tutta scritta e incisa sulle sue pietre

Il linguaggio delle campane

Un suono antico e da sempre messaggero dei momenti cruciali della vita di paese, oggi come allora

Lettera a Santa Lucia

Un ricordo di com'era vissuta negli anni '40 questa lunga e magica notte, oggi come ieri con emozione, ma certamente lontana dal consumismo che conosciamo