Pilo Albertelli e Bedonia

È stato un insegnante, partigiano e poi vittima dell'eccidio delle Fosse Ardeatine. La sua storia passa anche per Bedonia
Pilo Albertelli nacque a Panna nel 1907, figlio dell'onorevole socialista Guido, eletto per più legislature negli anni tra il 1900 e il 1920, rappresentante delle attese operaie della Bassa Parmense, avversato dai fascisti e costretto a lasciare la sua città nel 1925, dopo che le squadre fasciste gli incendiarono lo studio.
In questa atmosfera familiare, impregnata dal culto del Risorgimento e di Giuseppe Mazzini egli si formò ed aprì la mente ad alti ideali ed alla concezione che la vita va vissuta come una missione. Pilo si laureò a Roma nel 1930 in filosofia, dopo avere avuto in Guido Calogero uno dei suoi maestri e in seguito suo compagno di lotta nella Resistenza. La lotta al fascismo era cominciata presto nella vita di Pilo Albertelli. Nel 1928 fu uno degli organizzatori della rivista "Pietre" che avrebbe dovuto essere un organo di diffusione della concezione liberal-socialista. L'iniziativa lo portò ben presto in carcere, nell'aprile del '28, (allora aveva appena più di 20 anni) con i suoi amici. Tra essi Ugo La Malfa, Lelio Basso, Gino Luzzatto, Mario Vinciguerra, Umberto Segre e altri. Fu condannato a 5 anni di confino, poi tramutati in 3 anni di sorveglianza speciale.

Il 1' marzo 1944, dietro denuncia di un delatore, fu arrestato e portato alla Pensione Oltremare, covo della Banda Kock, dove cominciarono le torture nel vano tentativo di farlo parlare. Due volte tentò di togliersi la vita. Martoriato, con tre costole rotte, non parlò. Il 20 marzo lo trasferirono a Regina Coeli. Poi fu fucilato nell'eccidio delle Fosse Ardeatine alla periferia di Roma. In Pilo Albertelli il Paese ha riconosciuto, oltre all'uomo di azione, le straordinarie qualità morali e le capacità di trasmetterle ai suoi allievi, facendogli l'onore di intestare al suo nome tre scuole e tre strade, a Parma, a Livorno e a Roma.

A Bedonia il padre ebbe casa fin dal 1910. La casa fu venduta dopo la seconda guerra mondiale sul finire degli anni quaranta e questa casa, ancora oggi, viene ricordata come la “Villa Albertelli”, ed è posta in località Costa di Borio (ex proprietà del signor Agostino Rossi). Pare che il luogo per la costruzione sia stato scelto per la vicinanza con la casa della famiglia Lagasi, essendo Guido Albertelli amico del Senatore Primo Lagasi.

Foto: l'incontro a Bedonia...



0 Commenti

Commenta

Somma e invia : 15 + 7 =
Accetto Non accetto


Resta aggiornato

Post simili

Le fragole di Assan

La storia di un ragazzo ventenne che ho ascoltato, senza giudicare, solo per capire la sua scelta

La pagnotta della carità

A Cereseto di Compiano sopravvive una curiosa usanza da praticare dopo un funerale

Alle 4 fucilateli

Un orologio che segna ancora l'ora di un tragico episodio avvenuto il 20 luglio del 1944 a Sidolo di Bardi

Il coprifuoco dei nostri giorni

Le possibili analogie tra il vissuto del tempo di guerra e quello provato in questi ultimi mesi

25 dicembre 1916

La lettera di Natale inviata dal fronte alla propria moglie un secolo fa

Correva l'anno 1932

Le condizioni di isolamento del comprensorio bedoniese emerse per mezzo di un articolo pubblicato negli anni '30

Gino, Partigiano e Capo Stazione

Il giornalista Stefano Rotta ricorda la figura e la vita del borgotarese Gino Caccioli