post commenti
  • Sagra della Trota 1954-2004

    Arrivati a questo punto è giusto parlare di una delle feste di paese più longeve dell’Appennino parmense: si tratta della Sagra della Trota, che si svolge la terza domenica d’agosto a Bedonia, e che quest’anno ha festeggiato il suo cinquantesimo anniversario.
    La prima edizione, ideata da alcuni pescatori locali, risale al 1954 e l’effettiva paternità è da attribuire al compianto Carletto Biasotti.
    L’edizione di quest’anno ha avuto un paio di simpatiche modifiche al protocollo: la durata di due giorni e l'arrivo  della padella più grande del mondo.
    Questa variazione è stata possibile grazie al gemellaggio con la Pro-loco di Camogli (GE) che si è resa disponibile a prestare il suo grosso padellone e a friggere nella serata di sabato ben 800 kg di fritto misto, tutto pesce fresco proveniente dal mar Ligure. Questo fuori programma è stato colto con successo dai bedoniesi, le file alle casse raggiungevano i cinquanta metri e l’esaurimento delle ottocento razioni disponibili è avvenuto in un paio d’ore, ragion per cui l’intero staff è stato messo in ginocchio.
    A questo punto è d’obbligo fornire qualche dato curioso sulla padella più grande del mondo: 4000 kg il peso; 4 metri il diametro e 8 metri la lunghezza con il manico; 800 kg la quantità di olio necessaria al funzionamento, tantè che l’iniziativa è sponsorizzata dall’azienda “Friol”; il suo spostamento necessita di un trasporto eccezionale, in questo caso offerto dall’azienda “Emiliana Trasporti”.
    La manifestazione è poi proseguita come di consuetudine nella giornata di domenica con la canonica degustazione della trota fritta servita con la polenta calda di paiolo. Anche qui i numeri non sono stati da meno: 1.400 trote fritte e 600 quelle vendute a crudo e 50 kg di farina per la polenta.
    Visti i grandi numeri di questa edizione la festa è stata resa possibile, oltre che dai ragazzi della Pro-loco, con l’aiuto delle associazioni bedoniesi: Cacciatori, Alpini, Ma-Ciapai, AVIS, Croce Rossa.
    A metà serata c’è poi stata la consegna di una decina di riconoscimenti. Il Sindaco Sergio Squeri, l’Assessore Cristin Squeri e il Consigliere Barbara Zerbini hanno donato un trofeo alle varie associazioni di volontariato che si sono rese disponibili, nonché ai ragazzi della pro-loco di Bedonia e di Camogli. Ma i colpi di scena non sono ancora finiti. Carlo Marciano, insieme ai pasticceri e panificatori di Bedonia, ha realizzato una torta di compleanno quadrata, i cui lati misuravano tre metri, il dolce è stato poi offerto a tutti presenti. La festa è proseguita fino a tarda ora in compagnia dell’Orchestra Paolo Bertoli.
    Il ricavato di questa manifestazione è andato a favore del restauro della Chiesa Parrocchiale e l’ammontare devoluto, al netto delle spese, è stato di 10.000 Euro, una lodevole iniziativa vista l’entità della cifra.   
    Adesso nell’aria c‘è già uno sdebitamento con la pro-loco di Camogli, vale a dire portare in Liguria le nostre trote di fiume o i funghi dei nostri boschi. Non resta che stare a vedere.

0 Commenti

 

Commenta

Accetto Non accetto
Scrivi la somma e invia: 8 + 14 =
Resta aggiornato


Cancellazione POST

Se desideri cancellare e gestire i tuoi post clicca qui ed accedi alla tua area riservata.
Se non utilizzi piu' la mail con cui hai scritto il post che vuoi eliminare contattaci e cercheremo di aiutarti: esvaso@gmail.com