In nome di mio padre

La storia di quei dodici ebrei ospitati in Valceno
Non c’è niente da fare, quando qualcosa ce l’hai in testa, prima o poi bisogna arrivarci in fondo. Dev’essere quello che ha pensato la signora Lina Labadini di Varsi, nonostante quel pensiero le frullasse per la mente dal Settembre del ’43.
A quel tempo Lina aveva sette anni e ricorda che l’ultimo desiderio del papà era quello di poter rivedere la famiglia Fargion, dodici ebrei che ospitò, anzi nascose nella propria casa poiché costretti a fuggire da una pensione di Salsomaggiore. Evitare la deportazione o ancor peggio la fucilazione era la priorità.

Un tormento che Lina si portava dentro e dietro da oltre settant’anni, prima per non averli mai rintracciati e poi per non essere riuscita a soddisfare un desiderio. 
Per questo motivo, proprio in nome di suo padre, ha scelto di mettersi al computer e tentare di porre rimedio a quel senso di colpa che di tanto in tanto l'angosciava. L’amico Google, come tutti sappiamo, non tradisce mai le aspettative, così scrive una lettera all’Associazione degli Ebrei milanesi e dopo qualche giorno le squilla il telefono di casa: “Buona sera, sono Liliana Treves Alcalay… dei Fargion”.

Si trattava proprio di un membro di quella famiglia, la bambina che all’epoca aveva tre anni, ed oggi settantaquattro, in pratica era l’unica rimasta, la stessa ospitata dai Labadini e in seguito dalle famiglie Cordani di Varsi e Croci di Valmozzola. Dopo aver trovato protezione nelle campagne della Valceno, nel 1944, grazie ad alcuni documenti falsi, tutti i membri della famiglia raggiunsero la Svizzera e vi rimasero fino alla fine della guerra, per poi tornare nella loro Milano. Oggi Liliana è cantante e scrittrice, ha pubblicato anche due libri autobiografici sulla sua esperienza di bambina nel parmense.

Di questa storia a lieto fine, per mezzo della Consulta Culturale di Varsi e la realizzazione video di Flavio Nespi, è stato realizzato un filmato con le testimonianze delle due protagoniste, incontratesi nuovamente a Varsi il 14 settembre scorso.

Video: la testimonianza delle due protagoniste, Lina e Liliana



0 Commenti

Commenta

Somma e invia : 3 + 6 =
Accetto Non accetto


Resta aggiornato

Post simili

Dodici mesi per raccontare una guerra

Il Gruppo Alpini realizza il Calendario 2015 per il 100° anniversario della Grande Guerra

Il 4 novembre, l'asilo e u Richettu

Alcuni ricordi bedoniesi legati a questa ricorrenza, dalla costruzione dell'asilo ad un aneddoto di guerra

Emilia, una donna al volante

8 marzo, la giornata ideale per raccontare una storia dedicata a una donna speciale

La Rosita di Setterone

L'incontro con l'ultima abitante stabile del paese per ascoltare la sua vita e quella degli altri suoi paesani

1944: quel luglio di sangue

In 26 giorni sono stati eseguiti 122 omicidi tra i civili: il libro narra avvenimenti della II Guerra Mondiale in Valtaro/Valceno

Ugo Betti, Pretore in Bedonia

Una pagina sconosciuta del nostro passato, ma non del tutto priva di interesse e certamente curiosa

Matilda: la donna che salvò nostro padre

Ci sono storie che quando le scrivi riescono ancora a farsi sentire dopo 74 anni

La famiglia Carpani

La storia della famiglia del Cav. Lino Carpani, a partire dall'arrivo a Bedonia nel 1919