Un po' artista e un po' poeta

Luigi Veronelli quando scoprì Romano Levi lo definì il “Grappaiol’angelico”.

post commenti