post commenti
  • Un blog dal nome Esvaso

    Oggi Paolo, del sito Belrogo.it, mi ha chiesto se potevo rispondere a qualche domanda per poi postarle sul sito e volentieri gli ho risposto.
     
    - Ciao Gigi, ti puoi presentare per gli amici che ancora non ti conoscono ?

    Mi chiamo Gigi Cavalli e la mia vita di tutti i giorni si divide, inevitabilmente, tra Bedonia, dove sono nato e cresciuto, e Borgotaro, dove vivo e lavoro. Il mio andirivieni è giustificato dal fatto che si tende sempre ad andare là... “Dove ti porta il cuore”.

    - Tu gestisci il blog Esvaso.it e Forumvaltaro.it, entrambi siti di successo; da dove nasce la tua passione per la comunicazione?

    Dire di “Successo” è un parolone, diciamo che sono siti seguiti e ne sono felice…
    Tutto nacque nel 1997, grazie a Mauro Delgrosso dell’allora Infomont, quando mi sottopose il progetto di vendere “case on line” ( www.immobiliarevaltaro.it ). Da lì la necessità di far conoscere meglio le peculiarità delle nostre valli ai visitatori del sito Immobiliavaltaro.it, gran parte di loro non conosceva la Valtaro e la Valceno, da lì l’idea di aprire il sito www.valtaro.it e dare informazioni sul nostro ambiente, oltre a dire cosa accadeva di bello in queste terre.
    Poi nel 2002, insieme a diversi amici fondammo una vera e propria società per gestire Valtaro.it, personalmente fino al 2005, dopo uscii.
    www.forumvaltaro.it nasce invece nel 2010 per una necessità locale di dare una voce alternativa al mondo dei forum, lo slogan era ed è: “Taci se ritieni di non migliorare il silenzio”.

    - Quando hai avuto l’idea di creare un Blog e perché l’hai chiamato Esvaso?

    Dopo l’abbandono (con dispiacere) di Valtaro.it sentivo l’esigenza di continuare a “chiacchierare” in rete e cosa c’era meglio di un Blog? Nel 2006 nasce Esvaso.it e dopo un solo anno già arrivavano le soddisfazioni, al Premio Web Italia vince il premio di “Miglior blog” e quello che accade dopo si vede chiaramente, sono ancora qui a divertirmi, il blog lo considero un bel passatempo.
    Il nome Esvaso è invece nato da un racconto che scrissi nel 1997 “Esvaso70” ( www.esvaso.it/racconti.php ), in pratica era una parola molto ricorrente negli anni ’70, che nulla voleva dire, bastava sostituirla al momento opportuno facendo così fesso l'amico con lo scontato “Eee...?”, seguiva risposta e il chiaro rimando era ad un bisogno fisiologico, che per buon gusto è meglio tacere.

    - Parli di attualità, di politica, di tradizioni e ricordi. Ma c’è un argomento che ti interessa più degli altri e su cui preferisci scrivere? Se sì, perché?

    L’argomento a cui sono più affezionato è quello legato ai ricordi, sono quelli che tengo stretti dentro di me e che il solo parlarne mi rende sereno, poi ci sono quelli legati a Bedonia, alla ricostruzione storica del suo passato, aneddoti legati a persone, fotografie storiche e alle consuetudini del paese. Il motivo è semplice, provo amore per il mio paese.

    - Come hai cominciato la tua attività-hobby di fotografo ?

    La passione per la fotografia è nata dalla frequentazione di un amico fotografo, ora scomparso, Remo Belli, da lui non ho imparato a fotografare, ma cosa fotografare, a cogliere l’attimo.

    - Quali sono i fotografi a cui ti ispiri e perchè ?

    Ne ammiro molti, soprattutto quelli del passato, quelli del bianco e nero, ma a nessuno m’ispiro, anche se, a dire il vero, negli anni ‘80 una fotografa c’era, Alberta Tiburzi.

    - Cosa è per te la fotografia ?

    La fotografia rappresenta la forza di fermare un attimo, un ricordo specifico e poterlo prolungare nel tempo, all’infinito, e qualsiasi mezzo è lecito per farlo. Non m’interessa la tecnica raffinata, la post-produzione o quant’altro, questi passaggi sono necessari ai fotografi, personalmente non lo sono, mi ritengo solo un “Cacciatore di attimi”. Vedi la pagina: http://www.esvaso.it/attimi.php

    - La tua foto preferita, perché ?

    La scattai con il cellulare, in gran parte le faccio con il mio Sony (è sempre in tasca), ed era una chiazza di gasolio che colava sulla strada bagnata… una circostanza durata pochi secondi, ma infinitamente bella, quasi da perdercisi dentro.
    http://www.esvaso.it/dati/attimi/attimi_240411154442_giuliano-olio.jpg
     
    - Un consiglio per chi vorrebbe intraprendere la tua strada ?

    Scattare, scattare e scattare, con qualunque mezzo, ma scattare!

0 Commenti

 

Commenta

Accetto Non accetto
Scrivi la somma e invia: 6 + 9 =
Resta aggiornato


Cancellazione POST

Se desideri cancellare e gestire i tuoi post clicca qui ed accedi alla tua area riservata.
Se non utilizzi piu' la mail con cui hai scritto il post che vuoi eliminare contattaci e cercheremo di aiutarti: esvaso@gmail.com