post commenti
  • Liceali fai da te

    "Avevamo una brutta classe e abbiamo deciso di pitturarla.". 
    È con questa determinazione che gli studenti della quarta A, del liceo scientifico “Zappa-Fermi” di Borgotaro, hanno deciso di porre rimedio alle condizioni, non proprio ottimali, della loro aula.
    “A mali estremi, estremi rimedi”, devono aver pensato.
    Chiesta l’autorizzazione alla Preside hanno iniziato a raccogliere i fondi per acquistare il colore e tutto il materiale occorrente (3 Euro a testa), cosicché nel weekend potevano già dare inizio ai lavori, come da buona regola: “Femmine da una parte, maschi dall’altra”, mentre a coordinarli c’era Massimo, il papà di una studentessa.
    Spatola, rullo e pennello nelle mani delle ragazze per dipingere le pareti, mentre ai ragazzi è andato il compito di fissare le mensole, riparare le tapparelle e posizionare i mobili. Domenica sera tutto era già finito, l’aula aveva le sue nuove tinte e da quei quattro muri erano scomparsi graffiti, scritte e screpolature. Dio voglia che possa essere imitata.

10 Commenti

  • Stefania

    27/11/2014

    La mia classe ha chiesto per anni di poterlo fare e non ci è mai stato permesso, che ingiustizia.

  • Sara E T

    27/11/2014

    Anche noi in terza ci siamo pitturati la classe, sono belle iniziative, visto che nessuno se no l'avrebbe ripitturata

  • Trilusssa

    27/11/2014

    Ragazzi come sono cambiati i tempi! Se penso che noi portavamo la legna da casa per accendere la stufa dell'aula..

  • Virgy

    27/11/2014

    E poi dicono che i nostri giovani sono pelandroni! Bravi , chi ci governa dovrebbe vergognarsi....

  • Lina Piscina

    27/11/2014

    Sai cos'alto hanno fatto?? Per un migliore accostamento del colore dei banchi ai nuovi colori della stanza rinnovata, hanno concordato lo scambio con un'altra classe che aveva banchi con il piano avorio. Decisamente più in tinta !!! Pegno: quando la IV andrà via la classe che ha concesso lo scambio potrà usare i locali !!! ...sono forti i nostri ragazzi quando vogliono vero ??!!!

  • Elisabetta Ariata

    27/11/2014

    I ragazzi lo hanno già fatto ma anche da parte mia come genitore un grosso GRAZIE a Massimo Piscina detto "Lena" che ha sacrificato il weekend per aiutare e coordinare le nostre ragazze durante i lavori

  • Alessandro

    27/11/2014

    Nel bene e nel male questo è il triste specchio della nostra sgangherata Italia

  • Giovanni Doro

    27/11/2014

    Onori dovuti anche alla Preside! Per avere sfidato norme e regolamenti, vetusti, che sono vigenti, senza parlare del lato assicurativo e possibili infortuni agli studenti. Motivi, per cui tanti Presidi o Direttori Didattici non concedono il permesso.

  • Andy

    28/11/2014

    In un paese in cui le scuole sono l'obiettivo della barbarie piú infame (vedi notizie di questi giorni dalla Campania), iniziative come queste rincuorano e danno speranza per andare avanti in un'Italia in cui, troppo, troppo spesso, ci si sente davvero spacciati in termini di avanzamento della nostra civiltá, partecipazione attiva dei cittadini, rapporto con beni/servizi "pubblici" o anche piú semplicemente nel posizionamento dei giovani nei confronti del futuro del loro paese. Germi per una futura rinascita della nostra disastrata Italia? Congratulazioni, quindi, agli studenti della quarta A del mio ex-liceo, alla loro coraggiosa Preside (eh, si, in un paese come l'Italia ci vuole paradossalmente coraggio anche per intraprendere simili azioni) ed al genitore che ha investito il suo tempo nell'appoggiare questa civilissima iniziativa.

  • Bosi L

    07/12/2014

    Prima assolutamente indecente, ma "qualcuno" l'avrà resa così. Adesso proprio bella peccato che...non si sia tenuto conto del colore in modo psicologico: il rosso non tranquillizza né favorisce la concentrazione, ma certamente l'allegria. Alla faccia della depressione!

 

Commenta

Accetto Non accetto
Scrivi la somma e invia: 6 + 6 =
Resta aggiornato


Cancellazione POST

Se desideri cancellare e gestire i tuoi post clicca qui ed accedi alla tua area riservata.
Se non utilizzi piu' la mail con cui hai scritto il post che vuoi eliminare contattaci e cercheremo di aiutarti: esvaso@gmail.com