post commenti
  • Questo matrimonio s’ha da fare - Atto III

    È sempre difficile andarsene quando si è amato tanto. La vita a volte ce lo impone. E così a fatica si mettono insieme i nostri quattro stracci e si trascina il corpo altrove. Molto spesso il cuore preferisce rimanere. E aspettare.
    E cosi il tempo passa, inesorabile e a te non resta che dimenticare. La gente intorno a te si guarda bene dal toccare l’argomento. Solo silenzio… doloroso. Cuore mio rassegnati và.
    Ma poi… succede… quando meno te l’aspetti… ecco che lui torna. Torna e dice che è cambiato. Che è migliorato. Ora è più forte. Ha capito gli sbagli. E ti rivuole.
    Sentite… in amore non esistono regole, la dignità, l’orgoglio e tutte queste belle cose ve le regalo. Lui mi rivuole, io lo rivoglio e allora sposiamoci e non se ne parli più!

    Io sono fiero del mio sognare, di questo eterno mio incespicare” (F. Guccini)

5 Commenti

  • Stella Nascente

    28/10/2015

    E adesso non ci resta che aspettare gli ospiti al pranzo nuziale. Sai quanti saranno quelli che 'il merito è mio'

  • Marco Biasotti

    28/10/2015

    Speriamo solo che non sia l'ennesima toppa....

  • NDM

    29/10/2015

    Per chi non ha capito niente, legga il sottotitolo.

  • Raffaele

    31/10/2015

    Da crederci? Le elezioni a Borgotaro sono alle porte e questi signori sono capaci di tutto!

  • Remo Ponzini

    02/11/2015

    Mi sono stupito della riapparizione della ditta Kale con una quota di minoranza ma corposa (49%). Mi pongo tante domande ma non ho risposte certe.
    Però qualche considerazione mi frulla nel cervello.

    Perchè mollare una azienda lasciando a casa tutti i dipendenti per poi tornare a bussare alla porta della stessa infrastruttura ?
    Quali interessi o giochi di prestigio si nascondono dietro questo comportamento ?
    Sarà veritiera questa manifestazione di intenti o solo aria fritta ad uso di qualcuno ?

    Però, mentre faccio questi pensieri un po' nebulosi, prevale in me il solito pragmatismo ottimistico che mi fa intravvedere lo possibilità che ciò possa verificarsi. Magari con un numero di dipendenti ridotto nella fase iniziale per poi proseguire a pieno regime se la crisi edilizia, che ha avuto un piccolo sussulto, abbandonerà le incertezze riprendendo il cammino come ai bei tempi.
    Naturalmente non per costruire nuove case ma per ristrutturare, anche totalmente, quelle esistenti.

 

Commenta

Accetto Non accetto
Scrivi la somma e invia: 10 + 15 =
Resta aggiornato


Cancellazione POST

Se desideri cancellare e gestire i tuoi post clicca qui ed accedi alla tua area riservata.
Se non utilizzi piu' la mail con cui hai scritto il post che vuoi eliminare contattaci e cercheremo di aiutarti: esvaso@gmail.com