post commenti
  • Libertà ce n'è anche troppa!

    In un certo senso mi andrò a ricollegare a quanto ho (e abbiamo) espresso nel precedente post dedicato al Papa e a La Sapienza. Se n'è parlato molto di questa 'cosa' tutta italiana, i vostri interessanti commenti, esposti in maniera pacata ed intelligente, ne sono una conferma.
    La colpa o il merito di quanto accaduto è stato ormai chiarito. La lettera dei sessantasette professori e consegnata al Rettore era stata scritta a novembre, ma il suo effetto lo ha avuto solo qualche giorno fa, dopo che era stata pubblicata su 'Il Manifesto'. Questo quotidiano, organo del partito di Rifondazione Comunista (credo), e amico fedele di no-global, gay, trans e lesbiche (indubitabile), ha fatto da cassa di risonanza a quello che doveva essere uno 'stop' al Papa all'Università.
    Come ben sapete ci sono riusciti.
    Ma ecco che arrivo al punto, a uno dei punti, al perchè di tanta avversione verso il Papa da parte della frangia estrema della sinistra. Basta vedere cosa si aprirà questa sera a Roma il Giubileo Gay, ovvero: 'Un anno giubilare, di gioia, un anno gay', è questo lo slogan della manifestazione organizzata presso la discoteca capitolina 'Muccassassina', culla e patria dell' 'Onorevole Drag Queen' Vladimir Luxuria.
    Per chi non avesse idea in cosa consistesse questo loro 'giubilo', lo prego di cercare in rete perchè potrebbe anche non credermi se dico che vi sarà l'apertura della 'Porta Frocia', con tanto di martello rosa battuto dal Presidente del 'Circolo di cultura omosessuale', la 'Frocessione' con le 'Camerlenghe' impersonate da un paio di 'drag queen', ecc, ecc.
    Per ideare e organizzare un simile evento, atto a sbeffeggiare anche tutti coloro che si sentono cristiani, bisogna aver molto coraggio e soprattutto nutrire molto odio verso una persona, in questo caso sappiamo chi, e questo lo potrei anche comprendere, ma perchè devono fare i buffoni adottando termini religiosi come 'Anno Santo, Porta Santa e Giubileo'?
    Di libertà non ce n'è mai abbastanza, ma di buon senso invece ce ne vorrebbe di più, ma molto di più, a 'belle carrettate' direbbero alla 'Pieve'.

6 Commenti

  • fiascotti

    18/01/2008

    Al peggio non c'è limite...................

    ...........forse un bel lanciafiamme...........

  • Luciano

    18/01/2008

    Un'altra cosa che secondo me capita solo in Italia è che in nessun altro paese civile si puà vedere quello che una certa ala politica riserva alla religione cristiana. Ditemi quale altra religione viene sfottuta quanto questa o chi la permette? E quella tollerenza con cui si riempiono sempre la bocca dov'è andata a finire.... o quella deve essere riservata solo ai poveri gay, ai loro matrimoni bizzarri o alle loro adozioni senza senso?

  • Lullaby

    19/01/2008

    Ma quando alcuni omosessuali capiranno che 'ostentare' la propria inclinazione sessuale li allontana dal loro intento? E' fare autogol! E ancora perchè sentono la necessità di mettersi in ridicolo e soprattutto coinvolgere la Chiesa con provocazioni su provocazioni?
    Gli omosessuali che conosco, (fra cui il mio miglior amico) non hanno bisogno di manifestare così. forse perchè sono loro , i primi, a non sentirsi 'diversi' (il termine è davvero infelice).
    Mi è capitato di frequentare persone omosessuali e come donna eterosessuale non ho mai sentito l'esigenza di ostentare loro la mia inclinazione sessuale. Vorrei veramente capire da dove nasce questa obbligatorietà? Come cristiana non mi sento tanto offesa da questa manifestazione, quanto invece amareggiata per l'occasione persa. vivere un momento di aggregazione senza dover forzatamente coinvolgere, sbeffeggiando, altri che pensano diversamente.

  • Davide

    19/01/2008

    Facendo cosi ottengono l'opposto di quello che vogliono. Checche isteriche! Quand la merda la monta in scagn, o la spusa o la fa dagn. A tutti i cittadini di Roma fate attenzione quest'anno...prima di abbassarvi guardate sempre chi sta dietro di voi!

  • Serena

    20/01/2008

    Quasi mai non mi trovo d'accordo con te, ma questo è uno di quei casi.
    Penso di non dire fesserie ad affermare che i gusti sessuali siano cose personali. Ma in questo caso c'è da dire che la Chiesa si è sempre schierata contro i gay e ha sempre fatto di tutto per opporsi a leggi tipo Dico , Pacs, mentre in Spagna le hanno approvate senza tanti clamori. Questo vorrebbe voler dire che l'Italia è più cattolica o più credente della Spagna? Non penso proprio, tuttavia qui in Italia il 'comando' della Chiesa fa di tutto per farlo sembrare uno scandalo inaudito. La Spagna è certamente un paese più moderno. E poi la Chiesa non potrà mai essere bendisposta verso l'aborto, il divorzio, alle coppie di fatto, ai matrimoni gay, quindi fa di tutto per ostacolare i governi ad approvare queste leggi.
    però potrebbe anche scegliere di non far nascere contrasti e di non creare ostilità con le leggi di uno Stato moderno. La Chiesa sappiamo benissimo con che velocità avanza, credo sia una delle strutture più retrograde che esistano sulla faccia della Terra. Puà benissimo difendere i suoi principi, ma non per questo deve far rinunciare a queste nuove leggi gli atei, i non credenti, i praticanti di altri religioni che con le idee della Chiesa cristiana non hanno nulla a che spartire. Poi le carnevalate che fanno questi 'due gatti' romani si commentano da sole.

  • pippi70

    23/01/2008

    La propria libertà è un bene prezioso ma ancora più prezioso è il rispetto della libertà altrui... Peccato che al giorno d'oggi questo succeda raramente!

 

Commenta

Accetto Non accetto
Scrivi la somma e invia: 11 + 4 =
Resta aggiornato


Cancellazione POST

Se desideri cancellare e gestire i tuoi post clicca qui ed accedi alla tua area riservata.
Se non utilizzi piu' la mail con cui hai scritto il post che vuoi eliminare contattaci e cercheremo di aiutarti: esvaso@gmail.com