post commenti
  • Nel blu dipinto di blu

    Poco importa se il paese di Borgotaro conta settemila anime (7092 per la precisione) e se il traffico, quello vero, non sappia nemmeno cosa sia, infatti non esistono semafori e tanto meno rotonde o se il paese abbia ottenuto il certificato ISO 14001 per la qualità delle risorse ambientali o abbia voluto contrassegnarsi con lo slogan di 'Città Slow'. E poco importa se il centro storico fosse già tutto disciplinato dal disco orario, e che a vegliare sulla nostre 'brave maniere' ci fossero già cinque irreprensibili 'sceriffi urbani' e importa ancora meno se non ci sono parcheggi veri e propri, intendo liberi, agibili e pratici.
    Fatta la dovuta premessa, ecco la realtà e vi anticipo che non è uno scherzo di carnevale. A dispetto dei miei ammiccanti presupposti ieri Borgotaro è diventata una vera e propria città. Infatti da 24 ore non è più quel paesino turistico dell'Appennino parmense, ora potrebbe essere un sobborgo o un quartiere di una qualsiasi città, domenica e festivi compresi!
    La ragione di questo repentino cambiamento va attribuita ad una vera e propria stravaganza comunale: sono arrivate le righe blu, i parchimetri e i volontari del traffico. Tre gran brutte parole per quella che era una zona ancora "inviadiabile" come la nostra.

    P.s. Dimenticavo... fate attenzione, è 'tolleranza zero', infatti una multa da 36 Euro è stata elevata oggi alle 14.35 da due già indaffarate ausiliarie, una leggeva e l'altra scriveva.

    > Per saperne di più...

21 Commenti

  • Vita

    25/01/2008

    perchè... ci vogliono due persone per fare una contravvenzione?
    Lo sapevo che oggi ci si va sempre più specializzando in una disciplina, ma che addirittura uno si specializzi nella lettura e uno nella scrittura...mbè, questa mi mancava! :-)))

  • max

    25/01/2008

    Non c'è problema. Digeriamo tutto, digeriremo anche questa.
    Se abiti in centro e devi parcheggiare per salire un attimo in casa ti costa 30 centesimi. Ma almeno trovi parcheggio (Sarcasmo? SI!). Se ti devi fermare di più, paghi di conseguenza. Se non vuoi pagare ti arrangi. Puoi sempre andare ad abitare da qualche altra parte. Chissà come mai i centri storici si spopolano?
    E non è finita. Aumenta la fame di soldi? Non c'è problema basta inventarsi un nuovo balzello. Peccato che qualche cittadino in difficoltà non possa inventarsi nessuna nuova entrata per farvi fronte. Tiriamo la cinghia.
    Sarei curioso di sapere una cosa: Ma quanto rendono i parcheggi a pagamento? Bisogna ammortizzare i costi delle colonnine, che per darsi un tono sono ecologiche (con pannello fotovoltaico), come li vedo male e la loro manutenzione. Bisogna pagare le ausiliarie. Se resta qualcosa al comune in cosa li investirà?
    Viva il progresso.

    max

  • Manu

    25/01/2008

    al righi blu a borter....ma chi sivvv????

  • tito

    25/01/2008

    bravo mauro così posso dire la mia..... il mio è un negozio del centro storico e adesso mi sento più ancora sfavorito di avere qui la mia attività. Con questa nuova sorpresa dei cari amministratori borgotaresi il supermercato di avalli sarà l'unico a guadagnarci anche perchè le righe blu le hanno messe anche davanti all'altro supermercato di piazza farnese.e per me adeso cosa fate mi diminuite l'ICI? il cervello lo usate o vi serve solo per inventare nuove tasse?

  • il gatto

    25/01/2008

    Questa è la prova che al comune di Borgotaro non frega più niente di quel che pensa e dice la gente. Ormai è chiaro che è solo un problema di far casa con ogni mezzo, però mi piacerebbe sapere quanto renderanno poi questi parcometri. Le righe blu sono un'idiozia oltre che una prepotenza verso i commercianti del centro del paese e per i cittadini residenti e per i turisti. Queste regole ci riportano al medioevo quando si inventavano i dazi

  • PK

    26/01/2008

    La confusione impera in queste ore, da L'Informazione di oggi 26 gennaio:

    Sindaco Oppo: "La società sta completando l'installazione dei Totem" (mai nome è stato più adatto, gloria al Totem che dispensa denare per le casse comunali); e prosegue: "a breve partirà il servizio e sarà nostra premura far sapere il giorno esatto a tutta la cittadinanza"

    Ma le multe fatte e i soldi incassati erano finti, erano uno scherzo di carnevale?

  • Kim

    26/01/2008

    anch'io ho letto il quotidiano L'Iinformazione e confermo che il Sindaco Oppo ha rilasciato nell'intervista le dichiarazioni citate da PK........ a questo punto c'è da chiedersi se sta prendendo per il culo il giornalista o tutti noi borgotaresi.........????

  • Peonia

    26/01/2008

    orrore! già era "noioso" parcheggiare in viale Bottego con il disco orario, ma questa è proprio una brutezza!!! le righe blu e i parcometri sono cià che mi fanno fuggire dalla città e trovarli in una città definita slow, nella "mia" Borgotaro, è uno scempio...e poi gli ausiliari del traffico, gran brutta professione...forse sarà esagerata, ma credevo che a voi non sarebbe mai toccato convivere con righe blu e bigliettini di sosta, che sarebbero rimasti al di fuori dalla realtà Borgotarese...

  • Ale

    26/01/2008

    Ieri sera il nostro caro sindaco ha confermato chel a nuova "tassa" entrerà in vigore dopo la conferenza stampa che lui presiederà, non si sà quando, quindi le multe prese.....provate a mandarle a Oppo!

  • fiascotti

    26/01/2008

    Al di là dell'inutilità della cosa, lo scandalo è che il comune ci perderà, mi spiego, da quello che sà gestisce il tutto una società di Pontremoli e al comune andrà solamente il 30% degli introiti. Non ci vuole un genio a capire che avrebbero fatto più soldi con le multe per il disco orario.
    Sempre da quello che sà, mi è giunta voce che "Insieme per Vivere" di era fatta avanti per gestire la "Cosa", che invece è andata ad una società di Pontremoli, se così fosse è SCANDALOSO, almeno i soldi sarebbero andati ad un ente benefico, mah............
    Ricordo, però, che tantissimi anni fa, fù tentato un'analogo esperimento davanti al cinema farnese, se non sbaglio, conclusione:.........i parcometri scassati nel giro di una notte, rimessi nuovi........scassati ancora.....fine dell'esperimento, forse, forse...............

  • Lorella

    27/01/2008

    Mi sembra si vada a mode..anche per quanto riguarda l'amministrazione delle nostre città ;) Ora sono di moda strisce blu ed "Ecopass" (che di Eco hanno ben poco devo dire). Sono davvero poco presente lì ed è possibile che le mie obiezioni non siano corrette.
    Mi chiedo se il "gioco valga la candela" ossia se quanto speso per "mettere in piedi il tutto" creerà abbastanza introito nelle casse borgotaresi. Non sarà invece un ennesimo spreco? (Come se ne vedono tanti in varie città) dove coi soldi dei cittadini si installano parchimetri e quant'altro e poi il tutto viene abbandonato dopo breve perchè si scopre che non ha dato i risultati sperati..e la manutenzione costa! così finisce che queste "attrezzature", così carine quando sono nuove, diventano ben presto sgangherate e fuori uso perchè costa troppo tenerle in funzione
    (fantasmi che rimangono a "imperitura memoria di amministratori per niente lungimiranti").
    Queste misure comunque dovrebbero essere prese solo se il Comune puà permettersi di offrire servizi alternativi che non penalizzino troppo i cittadini. E i servizi alternativi lì dove sono? Dove sono i mezzi pubblici che ti permettono di lasciare l'auto a casa?
    Sugli ausiliari della sosta permettimi di astenermi.. più di una volta ci ho fatto quasi a botte; è vero che sono lavoratori anche loro ma direi che sono dei veri e propri "istigatori a delinquere": essendo pagati a "numero di multe effettuate" con questi "signori" proprio non si riesce a ragionare (ho provato a trovare una multa mentre andavo all'edicola per recuperare il tagliandino per la sosta... ti lascio immaginare quante imprecazioni gli ho lanciato dietro, e quanto mi ci è voluto per trattenermi dal strappargli tutti i capelli).
    Auguro a Borgotaro un luminoso avvenire... dove il blu, possibilmente, sia solo quello del cielo, dove gli amministratori lavorino PER e non contro la gente che lì lavora, abita, vive.

  • della Legna

    27/01/2008

    a videotaro ho visto il sindaco OPPO un po' sbattuto e imbarazzato e con la faccia del pentito...... mea culpa????
    Ti sta bene, dovevi pensarci prima!!!!!

  • cimotto

    28/01/2008

    Sono d'accordo con chi dice che le righe blu a borgotaro sono un eccesso, ma non son d'accordo quando si dice che non si puà parcheggiare senza pagare , come recita la legge ci deve essere anche una percentuale di parchegi liberi, ora il viale bottego è a pagamento solo nella prima parte ( i primi 20 vicino ai taxi) , poi sino al supermercato sono a disco orario , il parcheggio ( tanto criticato ) dalle scuole è tutto libero , via montegrappa è per metà a pagamento , credo che la possibilità di parcheggiare senza pagare ci sia.
    Sul fatto che , come dice tito , i negozianti sono sfavoriti da questa decisione posso essere d'accordo , ma aspetterei almeno qualche settimana per vedere se è veramente così.
    Una cosa è sicura , adesso se si vuole andare in centro con la macchina il parcheggio si trova , e chi prima prendeva la macchina per fare 200 metri adesso esce a piedi con i favori dei cardiologi.
    speriamo che i soldi che vengono raccolti servano a fare un bel parcheggio al coperto pubblico ... a pagamento , così diventiamo una città vera e propria...
    p.s.: peccato che il comune prenda solo il 20% di questi soldi...

  • actarus

    07/02/2008

    Credo che dopo la scelta, parecchio discutibile, di costruire quell'orribile ascensore che collega il parcheggio zona palazzetto con "il centro storico",(non sarebbe stato meglio una bella stradina panoramica sotto le mura?) quella delle righe blu sia un'altra pestata dell'amministrazione Oppo. E' solo un modo per complicare la vita ai cittadini borgotaresi, che già si dovevano difendere da Montagna 2000, ufficio tributi, eon gas, postini sbadati ... e dagli sceriffi... Se le righe blu sono state istituite per fare "cassa", cià avrebbe senso se il tutto fosse gestito direttamente dal comune e con personale in forza (tanto sono già bravi, allenati e senza paura)e non con una gestione esterna e due nuove figure da pagare anche se part-time. Almeno speriamo che se "resta" qualcosa degli incassi delle multe venga usato per mantenere in salute la nuova pista ciclabile, e non magari per dare un fondo decente al parcheggio della casa protetta...

  • Joker

    07/02/2008

    BRAVO ACTURUS.... CI HA RUBATO LE PAROLE DI BOCCA!!!!
    E PENSARE CHE QUELLO CHE CI DICI TU SAREBBE LA COSA PIU' SEMPLICE DA PRATICARE..... INVECE NO! DEVONO SEMPRE FARE IL CONTRARIO DELLA LOGICA..... VALLI A CAPIRE..... MA INTANTO NOI PAGHIAMO

  • actarus

    07/02/2008

    A proposito dei totem... vogliamo parlare del posizionamento di quello messo al centro del "muretto"? non che io sia purtroppo ahimè da tempo un frequentatore assiduo del muretto ma a me sembra una posizione alquanto infelice, e da borgotarese sinceramnete è una posizione che mi fa incazzare. sembra quasi un dispetto! d'estate è la zona più frequentata dai giovani di borgotaro, dal lunedi alla domenica. che il sindaco voglia usare il totem oltre che per spillare Ä ai cittadini anche come deterrente per far sparire "movimento" dalla zona più accogliente del borgo? mah?!.....

  • max

    23/05/2008

    Ho comprato la mia casa a Borgotaro, in centro.
    Buona parte delle mie entrate sono destinate al pagamento del relativo mutuo. Qualche rinuncia, qualche sacrificio, ma va bene così, ho realizzato un sogno. Ho tante comodità, negozi, servizi, molto bene. Da quest'anno sembra addirittura che non debba pagare l'ICI, vedremo, è un bel sollievo.
    Ma qualcuno, un pà di tempo fa ha deciso che io non debba godermi la mia casa fino in fondo, che comunque debba avere qualche fastidio, un tarlo continuo, di colore blu. Quelle maledettissime righe blu, era il mio colore preferito. Ore 08.00 primo allarme, il bimbo ha deciso di dormire un pà di più, finito il biberon, ci si veste di corsa e via dai nonni o al nido. Dieci minuti di ritardo è andata bene, non è ancora passato nessuno degli inflessibili tutori dell'ordine. Per stamattina niente caffè al bar, è andata bene, meglio non sfidare la sorte. Oppure mi tocca pagarlo 1,30 Ä. Lo prenderà lungo la strada dove non devo pagarlo con il supplemento sosta. Rientro a casa alle ore 13.00: ho tempo fino alle 14.30. Mi va abbastanza bene, alle 15.00 riprendo a lavorare per cui mi basta anticipare la partenza e ridurre la permanenza a casa di un quarto d'ora e tutto si risolve. Faccio da mangiare per me ed il mio ragazzo, ma oggi si verifica un imprevisto, che mi fa perdere circa un quarto d'ora. Il ritardo è fatale: uno degli inflessibili tutori del decoro urbano è passato e mi ha lasciato un saluto da 36,00 Ä più le spese del bollettino. Si chiama Ausiliario 1 (se penso che è stato assunto apposta), comunque lui ha ragione ed io torto. Lungo la strada non mi fermo neanche a prendere il caffè (bruciori di stomaco). Finisco di lavorare alle 18.30, ma torno a casa dopo le 19.00, finisce la sosta a pagamento, almeno fino a domattina alle 08.00. Spero che mio figlio si svegli per tempo. Il sabato a mezzogiorno parcheggio l'auto lontano dal centro, che bello ne potrà fare a meno fino a luned'. E questo succede tutti i giorni: per fortuna che sono abbastanza puntuale altrimenti oltre che ai miei figli dovrei mantenere anche gli "inflessibili" . Non pensavo che le mie giornate sarebbero state scandite dagli orari delle righe blu.
    Ora ho un altro sogno: riuscire a vendere casa e comprarne una dove l'unico blu sia quello del cielo.

  • max

    26/05/2008

    # 19 da max - 26/05/2008 09:23

    Ieri c'è stata la "Straburgu"!
    Bellissima manifestazione, c'era molta gente.
    Le previsioni del tempo hanno scoraggiato molti che avrebbero dovuto venire da fuori,
    ma in ogni caso un ottimo livello per le caratteristiche dell'avvenimento.
    Alla fine, tutti sono riusciti a completare il percorso, anche quello più lungo di dodici chilometri,
    senza prendere l'acqua, il tempo è stato clemente.
    Non sono stati altrettanto clementi, però, gli inflessibili tutori delle righe blu.
    Il famigerato Ausiliario 1 ha colpito ancora.
    Non me, che sapendolo avevo messo la vettura al sicuro, ma alcuni atleti che venivano da fuori.
    Primo perchè pensavano che, come succede quasi ovunque, la domenica non si pagasse il posteggio;
    secondo non conoscevano lo zelo dei nostri "Guardiani del blu".
    così, dopo la fatica, l'amara sorpresa.
    Per fortuna che il rinfresco offerto dai volontari dell'AVIS è stato ricchissimo e ha un pà mitigato la rabbia.
    Ma non so se i malcapitati torneranno l'anno prossimo.
    Chi deve farlo, mediti e buone righe blu a tutti!

    max

  • Alessio

    26/05/2008

    Max lo dici a me?? anch'io abito nel centro del Borgo. Sono passati un paio di mesi ma non riesco ancora a digerire e a comprendere perchè devo pagare qualcosa che è già mio. Non sopporto nemmeno la grinta delle volontarie del traffico che con il loro sorrisseto sarcastico ti suggeriscono che ormai sono necessarie a garantire l'ordine nel centro storico (a suon di balzelli). Tutto funzionava già e bene, il disco orario era un metodo civile e tollerato ma hanno voluto pensionarlo, forse perchè un pà demodè o perchè gratuito?

  • max

    31/05/2008

    Leggo su La Stampa di oggi 31.05.2008, pag. 19:
    "Roma cancella la sosta a pagamento". "Accolto dal TAR del Lazio un ricorso del CODACONS". E se ne possono fare a meno a Roma... Ma il titolo che mi colpisce di più è il seguente: "Residenti beffati 'che idiozia a noi servono, avevamo chiesto di estenderle'", a questo punto approfondisco e leggo l'articolo che mi chiarisce il tutto: "I residenti dell'Ostiense... sono molto ma molto arrabbiati. La considerano un'idiozia. Ma come, non erano loro ad aver armato la Battaglia? Assolutamente no ... Come possiamo noi aver voluto una cosa del genere quando ABBIAMO IL PERMESSO DI PARCHEGGIARE GRATIS e, anzi, abbiamo chiesto un'estensione dell'orario di tariffazione della sosta?" Conclude il rappresentante del CODACONS: "non credo che a Roma sia opportuno abolire le strisce blu... ma serve certamente una nuova delibera che esamini quartiere per quartiere, strada per strada, per individuare dove sono veramente necessarie... La parola ai Sindaci."
    Esatto la parola ai sindaci, forse anche quello di Borgo Val di Taro, dovrebbe cominciare a dire qualcosa su un'argomento che tanti malumori sta creando.
    Non credo che tutto il capoluogo Valtarese possa essere considerato ZONA DI PARTICOLARE RILEVANZA URBANISTICA, come previsto dal CdS, ma questo dovrebbe deciderlo il TAR.
    Io spero che, almeno, le Righe blu vengano regolamentate in maniera diversa da quella attuale e che siano prese in considerazione le tante proposte dei cittadini.
    Buon lavoro al Sindaco ed a tutta la Giunta.
    Anche questi sono nostri piccoli ma quotidiani problemi:

    "Questi sciaurati, che mai non fur vivi,
    erano ignudi e stimolati molto
    da mosconi e da vespe ch'eran ivi."

    max

  • max

    30/07/2008

    Di ritorno da qualche giorno di vacanza, ho notato che è stato bianchettato il simbolo della croce nel cartello che regolamenta la sosta nelle zone con le righe blu. Questo vuol dire che si puà parcheggiare, senza versare l'obolo e senza patemi d'animo, nei giorni di festa. Inoltre, la tariffa minima è stata portata da 30 a 20 centesimi di euro. Che io sappia, nulla è cambiato per i residenti: ci sarebbe da discutere, ma per il momento mi accontento del fatto che l'Amministrazione non è stata completamente sorda alle richieste mie e di tanti cittadini. Nel ringraziare, chiedo che venga ulteriormente discusso il tema, e che si diano risposte anche su altre questioni.
    Buon lavoro.

    max

 

Commenta

Accetto Non accetto
Scrivi la somma e invia: 3 + 9 =
Resta aggiornato


Cancellazione POST

Se desideri cancellare e gestire i tuoi post clicca qui ed accedi alla tua area riservata.
Se non utilizzi piu' la mail con cui hai scritto il post che vuoi eliminare contattaci e cercheremo di aiutarti: esvaso@gmail.com