post commenti
  • Fare e disfare

    A questo punto, dopo essermi soffermato scherzosamente sulle fioriere antistanti la chiesa parrocchiale, mi sposto un pò più avanti, arrivo in fondo a Via Garibaldi.
    Lungi da me dal voler 'sparare sulla croce rossa', però quando vedo certe realtà ne vengo stimolato. Oggi ho notato che stanno risistemando le fioriere poste tra la via principale e la piazza municipale. Di questo miglioramento dovrei esserne compiaciuto, invece no, mi fa rimanere perplesso. E anche molto. Il motivo è semplice, dal 2000 sono già state rifatte tre volte, sì, in soli otto anni è la terza volta che viene rifatto il rivestimento in 'Pietra di Carniglia' (credo però che questa sia la volta buona, la mano d'opera è locale e capace).
    A questo punto la prima considerazione spontanea che faccio è quella di confrontare un lavoro svolto per un ente pubblico e quello per un privato, dopodichè mi chiedo: ma perchè le opere pubbliche devono resistere da 'Natale a Santo Stefano', mentre quelle di un buon padre di famiglia per tutta una vita? Che la soluzione vada ricercata in un modo dire tipicamente bedoniese? Mio nonno ripeteva sempre: 'perchè fè e disfè l'è sempre tùttu in lavurè'.

5 Commenti

  • Pelino

    10/06/2008

    Tutto vero, preciso e ben documentato.
    Ma dopu tuttu u lavurè, a chi ghe tucca paghè?

  • ciaosonorita

    10/06/2008

    .... Bedonia a parte, io credo ci sia un ENORME fraintendimento generale nella popolazione..... Mi accorgo, con orrore e un po' di desolante senso di impotenza, che sempre più spesso il significato di "cosa pubblica" è: proprietà di altri o, ancor meglio, di nessuno. Lo vedo ogni giorno in piccole cose: luci accese, rubinetti che perdono, termosifoni accesi con finestre aperte, pc utilizzati in modo inadeguato (tanto se si rompono non pago io il tecnico). Uscendo dal mio ambito specifico, ma limitandomi ad osservare il paese non posso non notare rifiuti a terra, piccoli gesti di vandalismo o di incurie... Insomma, certo è triste vedere asfaltare un pezzo di strada in cui si sono allacciati i tubi della fognatura e vederlo distruggere 3 giorni dopo dal'enel o da chi altro...e questo per 3 o 4 volte di seguito, ma chi deve dare il buon esempio a chi? Mi sento tanto un cane che insegue la propria coda e non si diverte nemmeno più tanto a farlo....

  • GIANKA

    10/06/2008

    CHI PAGA? PANTALON....

  • maria patrizia

    11/06/2008

    e la" pietra di carniglia" mi ha fatto ricordare gli scalpellini e mio padre che era scultore... e così amico di Bedonia....
    ....lo scalpellino, vicino alla montagna,
    siede fra dure pietre a lavorare,
    stringendo nella mano lo scalpello,
    come il pittore fa con il pennello
    ...............................
    lo scalpellino ha la mano stanca,
    la fronte imperlata di sudore,
    cede la pietra alle callose dita,
    fiorendo di immagini e parole
    ..........................................
    sono alcuni versi di una poesia che ho dedicato a mio padre e a tutti gli scalpellini della Valtaro.

  • NDM

    11/06/2008

    Sono rimasto anch'io piuttosto incredulo nel vedere l'ennesimo intervento sul muretto in questione. Che dire... è la storia che si ripete! Una ventina d'anni fa infatti qualcuno cantava: "Alla pieve di Bedonia, va tutto regolare... Non capita mai niente un pà fuori dal normale... Ma a pensarci bene, il diversivo c'è... se veida cerche ruspa ogni tantu a lavurè... alura u sindacu u cumandu dù o trei lavuri in cursu... per dà inna man ai zuni e ai veci anà in soccursu... [Lavori in Corso - Arturo Curà]

 

Commenta

Newsletter
Scrivi la somma dei due numeri e poi invia: 2 + 1 =
Accetto Non accetto

(*) Trattamento dei dati personali
Il form messo a disposizione sul sito ha il solo scopo di consentire ai visitatori del sito di publicare post, qualora lo desiderino. La presente informativa riguarda i dati personali inviati dall'utente visitatore al momento della compilazione del form. La informiamo del fatto che i dati che conferirà volontariamente tramite il form verranno tramutati in una email che eventualmente potrà essere conservata all'interno del sistema di ricezione di e-mail utilizzato dal titolare del sito.
Potrai cancellare i tuoi post inviando una tua mail all'indirizzo esvaso@gmail.com
Iscrivendoti alla NEWSLETTER riceverai le novità del sito e i nuovi post - Potrai cancellarti direttamente all'url www.esvaso.it/newsletter.php



Cancellazione POST

Se desideri cancellare e gestire i tuoi post clicca qui ed accedi alla tua area riservata.
Se non utilizzi piu' la mail con cui hai scritto il post che vuoi eliminare contattaci e cercheremo di aiutarti: esvaso@gmail.com