post commenti
  • In Val Gelana al chiar di Luna

    Qualche giorno fa ho fatto una passeggiata in Gelana, zona di Bedonia che non finisce mai di stupire, nè in estate con la sua frescura e le cascate d'acqua limpida, tanto meno in inverno, quando lassù tutto rimane immutato fino al disgelo.
    Appena ho imboccato la stradina, quella che dal Vecchio Mulino porta all'allevamento di trote, lo spettacolo che mi si è aperto davanti è stato a dir poco magnifico, se non l'avessi visto avrei stentato a crederci. Lì tutto è rimasto come negli attimi successivi la nevicata, sembrava proprio che un soffio d'aria artica avesse 'fermato' tutto quanto.
    Intorno nessuna casa abitata, solo il turbinio del torrente e per terra solo tracce di daini e cinghiali che raggiungono il corso d'acqua. Le piante chine su loro stesse formano una galleria naturale, ai lati del rio i 'candelotti' appesi ai vari ponticelli e alle rocce richiamano ancor più l'effetto che trasmette quel luogo, al frigorifero appunto, e il freddo pungente, alle quattro del pomeriggio c'erano dieci gradi sotto zero, lo confermava.
    Certo, se quel luogo si chiama Gelana un motivo ci sarà pure, anzi per un attimo ho persino temuto di trovarmi in Siberia.

0 Commenti

 

Commenta

Accetto Non accetto
Scrivi la somma e invia: 4 + 2 =
Resta aggiornato


Cancellazione POST

Se desideri cancellare e gestire i tuoi post clicca qui ed accedi alla tua area riservata.
Se non utilizzi piu' la mail con cui hai scritto il post che vuoi eliminare contattaci e cercheremo di aiutarti: esvaso@gmail.com