post commenti
  • MI M'IN VO'

    La figura di Flaminio Musa a Bedonia la ricordo semplicemente d'estate, quando si sedeva tranquillamente in poltrona sul suo balcone, con la camicia aperta e lo sguardo fisso sulla sottostante via Garibaldi.
    Poi, da qualche anno, visto il suo passato da partigiano, era subentrato al celeberrimo Sante Caramatti, ormai ultranovantenne, nei discorsi ufficiali legati alle ricorrenze del 25 aprile o del 2 giugno.
    Io mi soffermo su una sua poesia, 'Mi m'in vo'' (Io me ne vado), scritta in dialetto e presente nel libro 'Scarfuje', edito negli anni '70 dall'Associazione Socio Culturale Val Zirana, dove interpretava appunto una sua ipotetica dipartita. Quale momento migliore per leggerla assieme?

    MI M'IN VO'

    Urmai, urmai m'in và lucciula umana in t'ina notte d'estaie stellà e sure atri prai atra funtan-na a me darà da beive se pr'u 'nà sarà suda e straccu. Ma quandu, a munterà, i sassi i me faran d'i sfrizi ai pè ' e man e fadigusi i saran i me passi, mi penserà a v¸ e l'induman, luntan, u sarà cr¸du.
    Stè ben, amighe, me care muntagne dunde i surisi de belle fiˆre i lezer'vena e pen-ne: cumpagne gh'à sempre e straie: urmai e viˆre au fossu i ne gh'èn p¸. U va u contadèin a semenà, i cantu e jurnandère in t'a campagna, l'è pien d'erba, de fiuri u vostru prà. Lassè ch'anca m' sia ina campagna rigugliusa de frutti. E s'avrà dattu, vutève lass¸: ve varderà cuntentu e v'amerà cumme quandu tra v¸ s'era ch' z¸. Ma incˆ custe me lacrime impietr'e a j'anguli de j'ˆcci i ve ricordu e me canson pre v¸ urmai fen'e.


    Flaminiu

0 Commenti

 

Commenta

Accetto Non accetto
Scrivi la somma e invia: 10 + 2 =
Resta aggiornato


Cancellazione POST

Se desideri cancellare e gestire i tuoi post clicca qui ed accedi alla tua area riservata.
Se non utilizzi piu' la mail con cui hai scritto il post che vuoi eliminare contattaci e cercheremo di aiutarti: esvaso@gmail.com