post commenti
  • Domenico Zambelli: i miei primi 40 anni

    La festa per il quarantesimo compleanno di Domenico Zambelli è stato senza dubbio un evento mondano. L’appuntamento era a Milano nella serata di domenica 18 Aprile alla Suite Presidenziale dell’ottavo piano dell’hotel “The Westin Palace” in piazza Repubblica, per poi concludere la serata in Corso Como nell’area “VIP” della discoteca “Hollywood”.
    Un’avvisaglia di ciò che sarebbe poi avvenuto in serata c’era stata durante la trasmissione pomeridiana di “Quelli che il calcio”, dove alcuni ospiti già indossavano la maglietta nera con il logo in oro della festa “LXIV” (‘64 anno di nascita) e Gene Gnocchi citava scherzosamente Domenico su quanto sarebbe poi successo.
    Oltre agli amici di sempre, quelli del “paesello”, c’erano anche quelli del suo ambito lavorativo “… e c’erano proprio tutti”, solo per citarne alcuni: Simona Ventura con Stefano Bettarini; Cristina Parodi con il marito Giorgio Gori; Flavio Briatore; Luisa Corna; Lele Mora con il suo staff (Alessandra Caccioli e Luca Alghisi); lo stilista Carlo Pignatelli; la velina Elena Barolo; Miss Italia 2004 Francesca Chillemi; l’annunciatrice di RAI 2 Arianna Marchetti; a seguire Eleonora Pedron, Alessandra Balletto, Ana Laura Ribas, Mascia, Alessia Fabiani; i milanisti Inzaghi, Pancaro, Kaladze, ed altri calciatori come Vieri, Galante, Barone, Ferrari, Lippi, Savoldi; mentre le varie “Letterine”, “Schedine”, “Ereditiere” non si contavano.
    Come sapete il bedoniese Domenico è da una decina d’anni il prezioso e fidato collaboratore di Simona Ventura, periodo nel quale ha saputo emergere con intelligenza, professionalità e onestà in un ambiente notoriamente rivale, ostile e complesso come è quello dello spettacolo.
    Queste sue capacità, a giudicare dalle presenze, sono state recepite ampiamente da molti di quei personaggi che ogni giorno fanno “televisione” o riempiono pagine di giornali. Prendere disinteressatamente parte ad una festa di compleanno è anche un segno di stima e amicizia, soprattutto quando si vive in quella “Milano da bere” dove la partecipazione agli eventi mondani è solo un imbarazzo di scelta.
    L’aria che si respirava era invece di profonda e stimata amicizia, nessuna presenza di circostanza; di “paparazzi” non c’era traccia, se non qualcuno appostato nella “hall” dell’hotel in attesa di qualche ambita “preda”. L’unica eccezione è stata fatta, quest’anno, per la “mia digitale”; in accordo con Domenico ho potuto scattare un po’ di fotografie per documentare l’evento… un po’ di “gossip” penso che non disturbi nessuno.
    Mi scuso anticipatamente sulla qualità delle immagini che seguiranno, ma la luce era davvero poca e la mia scelta di non usare il flash ha fatto sì che il risultato non sia dei migliori, potrete comunque osservare, o meglio intravedere, molti di quei personaggi che Domenico frequenta quotidianamente e che ogni giorno affollano televisioni, cronache rosa e campi di calcio.

0 Commenti

 

Commenta

Accetto Non accetto
Scrivi la somma e invia: 6 + 12 =
Resta aggiornato


Cancellazione POST

Se desideri cancellare e gestire i tuoi post clicca qui ed accedi alla tua area riservata.
Se non utilizzi piu' la mail con cui hai scritto il post che vuoi eliminare contattaci e cercheremo di aiutarti: esvaso@gmail.com