post commenti
  • Banana Republic

    Non sempre è facile trovare argomenti interessanti da riportare sul blog. Se però mi fermo un attimo a osservare quello che le televisioni o i giornali non dicono, gli spunti giungono da soli.
    Ad esempio, il 12 ed il 13 giugno c’è un importante referendum, ciò nonostante, come sempre succede nel nostro bel paese, si tende a non parlarne, la nostra classe politica non vuole, così il traguardo del 50% rimane e rimarrà sempre la solita chimera.
    Proprio per questo motivo sarebbe anche ora di abolire il quorum e tenere per buono il risultato conseguito dagli elettori, così chi decide di non andare a votare non potrà più lagnarsi del risultato.
    Il fatto che abbiano deciso, per l’ennesima volta, di non volerlo accorpare alle elezioni amministrative, che si svolgono solo qualche settimana prima, la dice tutta. Credo che la valutazione di buttare nel cesso 400 milioni di Euro, questo il costo per predisporre nuovamente le urne, sia una scelta da Repubblica delle Banane, dove il rispetto e la considerazione del popolo vale meno di nulla (alla faccia della crisi e della tanto acclamata Roma Ladrona).
    Non riesco a credere come si possa esortare il proprio popolo a non esprimere la propria opinione e temere i risultati che si potrebbero avere da una consultazione popolare? 

    Questa preoccupazione denota il livello del paese in cui viviamo, ma non solo, si cerca proprio di evitare che il popolo abbia la capacità decidere… vedi mai che possa contare qualcosa.   
    E pensare che il referendum è uno dei pochi mezzi dove il semplice cittadino può realmente contare qualcosa, compiere una sua scelta personale, proprio alla faccia di tutti quei giochi di potere con cui ogni giorno abbiamo a che fare e puntualmente ci fanno incazzare!

    Se ritieni questo post utile o interessante condividilo!
    Facciamo sentire che ci siamo...

20 Commenti

  • Elisa Chiapparini

    14/04/2011

    Caro Gigi, grazie! .......è facile intuire perchè qualcuno non voglia che venga raggiunto il quorum....
    Al punto in cui siamo penso che la rete sia uno dei pochi mezzi validi che ci rimangono e chi ha ancora a cuore la democrazia di questo paese non può più girare la testa dall'altra parte. Cerchiamo tutti di fare circolare più notizie possibili riguardo al referendum e su tutto quello che si cerca d'insabbiare.

  • E. Mazzadi

    14/04/2011

    Bravo Gigi.. e grazie!
    Manu

  • Andrea Ferraglia

    14/04/2011

    Proprio per i motivi che hai messo in luce non dobbiamo perdere di vista l'appuntamento con il referendum e ricordarlo a tutti quelli con cui ci capita di parlare senza farci distrarre da eventi creati a doc per riempire le cronache e le discussioni.
    La rete è un grande mezzo di comunicazione e di divulgazione di idee, ma, proprio per questo, in Italia è ostacolata in tutti i modi per cui credo sia necessario utilizzare anche altri veicoli come la voce e le manifestazioni.
    Ciao a tutti e non mollate mai.

  • Sandro Galli

    14/04/2011

    1 – I cittadini si informano attraverso la Tv.
    2 – Metà delle Tv appartengono a Berlusconi.
    3 – Il governo, per i motivi sopra indicati, non vuole che il Referendum passi.
    4 – Il Referendum non sarà pubblicizzato in TV.
    5 – I cittadini, non sapranno nemmeno che ci sarà un Referendum da votare il 12 giugno.
    6 – E i cittadini andranno a votare il Referendum?

  • Elisa Chiapparini

    14/04/2011

    Se posso posso fare qualcosa per darti una mano nell'ottimo lavoro che già stai facendo, non hai che da chiedere. Tu è da tempo che fai già la tua parte e bisogna cercare di coinvolgere più persone possibili.
    Se stiamo ancora a guardare questi smontano l'Italia un pezzo dopo l'altro.
    Sai cosa mi diceva un amico giornalista proprio ieri sera? che in Germania sta passando un spot elettorale con la faccia di Berlusconi e di fianco c'è scritto "volete anche voi questa libertà d'informazione?", come anche mi raccontava che un giornalista del
    corriere si è infiltrato per il presidio organizzato davanti al palazzo di giustizia promosso dal PDL. Sai che sono stati pagati 50 euro a testa più panino e coca...... so che le sai anche tu queste vicende, ma sono sempre più allibita per l'indifferenza che continua ad esserci di fronte alle cose più aberranti.
    Quando vado all'estero per lavoro, molti mi chiedono, ma come fate a sopportare tutto questo? perchè la gente non fa nulla?....... è difficile rispondere.

  • Remo Ponzini

    14/04/2011

    Caro Gigi, mi sa che il tuo abituale "aplomb" sia stato scosso nel comporre questo spaccato di vita pubblica della nostra vituperata italietta. Dal tuo scritto traspare quell'avversione, quel rancore e quella indignazione che ogni persona ragionevole non può che condividere. Se dovessimo descrivere tutte le nefandezze che gli scellerati del nostro parlamento compiono, dovremmo fare come i giornalisti Stella e Rizzo che seguitano a sfornare libri accusatori senza mai riuscire a comporre la parola: FINE.
    Tutta la nazione si indigna e "loro" continuano imperterriti a fare gli infingardi, i neghittosi ed i finti sordi.

    Ma non è finita qui caro Gigi. Ti ricorderai benissimo che negli anni novanta ci furono numerosi referendum. Se non ricordo male una volta entrammo in cabina con ben nove schede.
    Ma che fine fece questa massima forma di democrazia ??? Fu semplicemente cestinata. I cittadini si espressero in una direzione con maggioranze bulgare ed i nostri politici le ignorarono ignominiosamente.

    Ne cito solo qualcuno per non occupare troppo spazio:

    1) Assegnazione di responsabilità ai MAGISTRATI (NON se ne fece nulla).

    2) Abolizione ministero AGRICOLTURA. Fu cambiata la denominazione e tutto rimase come prima. (Però la Corte Cost. non avrebbe dovuto sottoporlo a consultazione in quanto un governo non può fare a meno di questo ministero).

    3) Abolizione del FINANZIAMENTO ai PARTITI. In questo caso si compì un autentico spregio verso la volontà popolare. Fu chiamato " rimborso elettorale " e negli anni successivi questa già enorme spesa salì del 500%. Proprio qualche giorno fa il tesorerie del PD on. Misiani voleva proporre un ulteriore incremento di spesa !!!!!!!!!!!!!!

    Eccetera, eccetera, eccetera !!!!!!!!!!!

    Ed allora ????' Dove è finita questa massima forma di democrazia ????

    Nella RUMENTA.

    Per oggi mi sono incazzato abbastanza.

  • Arturo Curà

    14/04/2011

    Caro Gigi, il mio rancore verso un popolo ( non tutto per fortuna ) che delega ogni responsabilità ad una sola Voce ( altrove la chiamano Dittatura ) aumenta di giorno in giorno. Chi ti ha risposto ha centrato l'argomento, ma moltissime saranno le voci che tacciono.
    E' di ieri sera ( Linea Notte TG3) la dichiarazione imbarazzante del nuovissimo Ministro della Cultura Galan, persona riconosciuta come sensibile, moderata e intelligente. Ha detto che la Legge del Processo Breve appena votata in Parlamento è una "bellissima legge" che eviterà le lungaggini di molti processi, dimenticando che tutta questa corsa affannata aveva anche ( ma direi "soprattutto") lo scopo di salvare per l'ennesima volta il nostro Premier. Mi sono sentito imbarazzato per lui poichè in quel momento Galan faceva le due parti in commedia.
    L'Italia oggi è furiosamente spaccata in due: basti pensare ai gruppi pagati o meno che osannano Berlusconi appena uscito dall'udienza di Milano che spudoratamente arringa il popolo contro la Magistratura ( vedere l'ultima sequenza de "Il Caimano" ) e a quelli che, un po' più in là, urlano "vergogna,vergogna!".
    Questo Governo che opera tagli indiscriminati, che dovrebbe combatttere gli sprechi, come qualcuno ha detto, "spreca" un bel po' di soldi spostando il Referendum in modo che gli Italiani, stanchi di recarsi alle urne, dimentichino un loro diritto sacrosanto e le cose rimangano come sono.
    E quindi siamo alle solite: da un lato chi pretende non solo che il referendum sia fatto ma che venga pubblicizzato a dovere e dall'altro la coltre grigia della voluta dimenticanza per non far raggiungere il Quorum. Nel frattempo va in onda uno spot dalla lunghezza deleteria che pubblicizza ( malissimo) le prossime elezioni amministrative. Attendiamo pazienti che abbia uguale risonanza il Referendum di giugno.... Ma credo che questa volta una buona parte del Paese, quella non del tutto addormentata, si recherà alle urne replicando il successo tanto osteggiato per il Divorzio. Stiamo saldi e facciamo uno sforzo di civiltà poichè un Referendum popolare, massima manifestazione democratica, non dovrebbe colorarsi nè di azzurro, nè di rosso, nè di verde.

  • Fausto

    14/04/2011

    I soliti mezzucci, Gigi, sfruttano solo la mancanza di senso civico.

    Astenersi è un diritto... ma farlo perchè si preferisce andare al mare è mancanza di rispetto nei confronti delle istituzioni.

    Perciò il problema non è tanto, quando farlo, che comunque se si risparmia è certo meglio, quanto responsabilizzare chi non adempie al proprio ruolo e non rispetta il suo status di CITTADINO, che non prevede solo diritti ma anche doveri.

    Una volta chi non andava a votare (non è il caso del referendum) doveva avere valida giustificazione... ora il lassismo imperante l'ha fatto diventare moda...

    Caro CITTADINO se vuoi la cittadinanza ti presenti, poi fai come vuoi.

    Perciò il problema vero siamo noi e non il quando farle....

    Certo che se diamo retta ad opinionisti per cui tutto fa schifo e nulla si può cambiare... la gente si adagia e non ci prova nemmeno.

  • FIORELLA

    14/04/2011

    Sarà ma non riesco a capire perchè....... anche se fino adesso non ho trovato una persona che voterà diversamente.... (Sì)

  • Fabio

    14/04/2011

    Concordo, pertanto non rimane che:
    1) fare informazione
    2)andare a votare a giugno, a costo di entrare al seggio con le pinne e la ciambella ai fianchi! (non certo quella da tavola, quella purtroppo non la perdo)
    3)non dimenticare...

  • Stefano Bruschi

    14/04/2011

    ... che dire ...

    ... a quando il DITTATORE illuminato ...?

    Il nostro sistema "politico" è assolutamente ed esclusivamente autoreferenziale !!!
    Il cittadino è lo schiavo che si alza al mattino ed ha sulle proprie spalle SOLO una montagna di strutture burocratico/amministrative costose, ridondanti e spesso altamente inefficienti !
    Il cittadino è lo schiavo che deve SOLO produrre le risorse per far "funzionare" la macchina suddetta: un vera idrovora di soldi.

    · Comune
    · Comunità Montana (quando c'è)
    · Provincia
    · Prefettura
    · Regione
    · Authority
    · Ministeri
    · Camera dei Deputati
    · Senato (oggi come oggi un inutile doppione)
    · Presidenza del Consiglio
    · Presidenza della Repubblica

    ... non credo che l'elenco sia esaustivo ... !?!

    ... ora sfido anche il miglior consulente aziendale a far funzionare un simile impianto !!!

    Ma voi credete che possa bastare ... NOOOOOOOOOOOOO !!!!!
    Notizia di ieri è che Ugo Sposetti, ex tesoriere dei DS, ha portato in aula una propsta, naturalmente firmata da rappresentanti di entrambi gli schieramenti, per un ennesimo finaziamento ai partiti !!!

    Vedi link:
    http://archiviostorico.corriere.it/2011/aprile/13/boccia_proposta_Sposetti_Insensato_dare_co_8_110413001.shtml

    ... che dire ...
    ... sono io che sono pessimista ... ?

    Stefano

  • Daniela Costa

    14/04/2011

    Bravi.... ognuno di noi deve fare il massimo per far conoscere i referendum. Dobbiamo raggiungere ad ogni costo il quorum per far capire ai cari nostri governanti (e mi riferisco sia a destra che a sinistra che ha governato il nostro paese negli ultmi 20 anni) che l’Italia non è roba loro ma è un bene di tutti e comune!

  • Sofia

    14/04/2011

    E' inutile sfogarsi, imputare colpe a chi ci rappresenta... solo noi, cittadini "citoyens" (termine che aveva un senso nel lontano 1789 e che dovremmo imparare a riesumare in quel senso) siamo in grado di voltare pagina, di svegliare un paese che si è addormentato su se stesso, di scuotere le coscienze se ancora.
    Purtroppo è "l'italiano" che non cresciuto come cittadino, che delega ogni cosa perché "impegnarsi" nel senso lato del termine, costa. Significa riflettere, prendere posizioni, occuparsi di "politica", che non è una parolaccia, uno spregiativo come ormai potrebbe sembrare ma una parola con un alto significato finita in una pozzanghera torbida e maleodorante, per colpa nostra...

  • manfredi marino

    15/04/2011

    a volte mi capita di non capire i miei fratelli italiani, criticano il nostro sovrano e sultano che nulla vuole oltre che fare i propri interessi ma alla fine lo votano, tanto "poverino" ad ognuno di noi piacerebbe avere certe modelle.
    votano a destra e votano a sinistra (ormai ex sinistra) e non capiscono che la maggioranza dei politicanti fa solo i propri interessi e si guarda bene dal tagliarsi lo stipendio o diminuirsi la vergognosa pensione che si sono assegnati dopo solo pochi anni mentre un lavoratore normale muore prima di andarci.
    ai nostri politici quello che diciamo nei referendum, uno dei pochi strumenti di democrazia diretta, non importa nulla, se non sbaglio ci eravamo già espressi contro le centrali nucleari ma se non capitava il disastro giapponese il sultano le avrebbe fatte, guardandosi bene però di farle sotto casa sua.
    a mio discapito c'è che non vedo soluzioni alla presente situazione ben peggio della prima repubblica, dove i politici rubavano ma lo facevano per il partito, adesso rubano solo per i loro tornaconti personali.
    poveri noi e poveri i nostri figli

  • Ruggero Raggi

    15/04/2011

    Caro Marino quella dei politici della prima Repubblica che rubavano solo per il partito e NON per loro e' una delle piu' belle battute da bar che tu abbia mai fatto!!! Che ti succede??
    Puoi dare di piu' come hai fatto nella lotta scolastica!!

  • Ruggero Raggi

    15/04/2011

    Allora ragazzi qui pero' ormai dovete prendere una decisione secca tutti quanti: volete fare la storia dell'Italia (con le banane o senza anche se penso che siamo piu' portati a limoni e arance!!) a suon di referendum e relativi costi astronomici per il paese mentre in carica stanno governi con i cerotti che si trascinano o volete un governo saldo e forte frutto del voto popolare ma che duri almeno una legislatura senza tante pagliacciate!! Vi faccio presente che le pagliacciate ci sono adesso con Berlusconi ma c'erano anche prima con Prodi...siamo passati dai trans alle escort ma è sempre un bel vedere!!!
    Qui la vera e unica riforma con referendum che va fatta è quella che porti a eliminare tanti piccoli partiti e che crei le condizioni perche' l'Italiano vada a votare sapendo se andare di qui o di la' e che sia una riforma che soprattutto leghi il parlamentare eletto allo schieramento di elezione cosi' che non possa spostarsi da una parte all'altra in base a come sia alza al mattino!!
    Poi nei mesi prima delle elezioni si mostra agli Italiani cosa si intende fare per economia, sviluppo, scuola e tutto il resto compreso sto NUCLEARE e uno puo' SCEGLIERE!! Ma poi basta!!!
    Il referendum fin dai tempi di Segni che lo cavalcava perche' non sapeva che cosa dire di nuovo al paese, NON è mai stato digerito dai politici nè di destra e nè di sinistra perche' toglie loro potere e questo lo sanno tutti per cui cosa vi aspettavate se non una data da vacanze estive?? Mi sembra lampante!! Gigi si incazza sempre e ha ragione ma si incazzera' anche in futuro!!
    Il vero problema è che i tanti odiati politici non sono altro che lo specchio di questa Italia ovvero in pochi hanno voglia davvero di lavorare per cambiarla come ben scrive Sofia qui sopra!! E poi diciamoci la verita', tutti gli italiani vorrebbero godere di quei privilegi e lavorare 17 giorni al mese...siamo da sempre un popolo di invidiosi!!
    Arriva Marchionne (e questo dorme davvero 5 ore a notte!!) e tutti a dirgli: " Ma questo chi è e che cavolo vuol fare con la FIAT???".
    Questo tipo che è tremendo e furbo (infatti è nato in Canada) ha capito l'ovvieta' e cioe' che non contiamo piu' NIENTE a livello economico globale perche' i grossi gruppi finanziari che comandano nel mondo sono americani, inglesi e francesi!! E lui che non è scemo comincia a legarsi all'auto statunitense con grandi proclami semplicemente per crearsi una propria nicchia in vista dell'agguerrito mondo delle auto!! Le nostre aziende sono gocce d'acqua rispetto al mare delle aziende straniere e relativi colossi economici in cui sono inquadrate!! Non abbiamo colossi finanziari italiani che contino e produciamo prodotti e sottoprodotti per gli stranieri!!
    Ora voi battetevi pure per il referendum che comunque è uno strumento popolare importante ma poi ditemi se volete andare avanti a spendere miliardi per farne altri perche' la mia risposta sara' sempre la stessa ovvero:" Ragazzi vi prendono per il CULO!! " e questo ve lo diro' indipendentemente dal colore del Governo in carica!!
    C'è poi un problema che a me fa davvero piu' paura del nucleare ovvero gli aumenti del caffe' del 81,9 %, dello zucchero del 56,5 %, del cotone 147 %, del ferro 55,7 % e del greggio che arrivera' tra i 105 e i 110 euro al barile...ma questo è un discorso troppo ampio!!
    Nel frattempo, io come voi dobbiamo soprattutto cambiare una cosa in maniera referendaria o no...la mentalita' di dire sempre la solita frase:" Quest'anno vado in ferie un mese " oppure " Dove vai in ferie!?! ". Vogliamo cambiare questa Italia e allora cerchiamo di essere diversi da questi piccoli politici e di lavorare di piu'!! Marino va in ferie 5 giorni all'anno...non so in quanti lo sanno fare!!!

    Ruggero

    PS: Ultima frase e' dovuta all'invidia (rimango un tipico italiano medio!!) verso Gigi per il suo prossimo viaggio a New York, deve stare a casa e produrre!!!

  • Remo Ponzini

    15/04/2011

    Caro Marino,

    rispondendoti nel forum non avevo accennato a questo tuo excursus sui beneficiari dei numerosi latrocini che si perpetravano bellamente e con una disinvoltura ignominiosa. Il Ruggero ha, purtroppo, pienamente ragione. Quei gaglioffi, per discolparsi, tentarono maldestramente di farci credere che avevano rubato per una causa "nobile" ma fu ampiamente dimostrato che il maltolto finì nelle loro tasche. E' per vero che una parte confluì "provvisoriamente" sui conti dei partiti ma ad effettuare i prelievi erano sempre gli stessi lestofanti.

    Noi tendiamo a ricordare solo gli accadimenti più recenti, ovvero quelli che siamo vivendo, ma credimi che non è cambiato proprio nulla.
    Convengo con te che gli ineffabili che siedono sulle poltrone dorate del parlamento nazionale e regionale sono degli autentici manigoldi. Troppo facile deliberarsi aumenti di stipendio, pensioni dorate con soli due/tre anni di "servizio", benefici di ogni genere e rimborsi elettorali. Si sono inventati persino una sorta di liquidazione da assegnare ai trombati che non vengono rieletti (dai 300mila ai 500mila euro). E sai come l'hanno giustificata ???
    " Per permettere a costoro il reinserimento nella società ". Un vero ORRORE.

    Non ti sembra un latrocinio legalizzato ? Non ti sembra che sia un colossale conflitto di interessi?

    Pensa se anche tu potessi decidere indisturbato che stipendio e pensione prendere !!!!!

  • manfredi marino

    16/04/2011

    remo e raggi devo darvi ragione, sicuramente come rubano adesso i politici rubavano anche quelli della prima repubblica, purtroppo non vedo una via di uscita da questa situazione; nel nostro piccolo la crisi è evidente, continuano ad arrivarmi operai che hanno perso lavoro e mi chiedono di trovargli qualcosa da fare, i ragazzi a scuola mi chiedono di andare a fare pratica nelle aziende e io non so più dove mandarli.
    raggi ha ragione quando mi dice che la nostra zona è in un declino forse non reversibile; come a livello statale, così a livello locale la politica non fornisce soluzioni e, anzi, complica le cose.
    forse tutto è lo specchio del degrado sociale in cui ci troviamo, forse deve succedere qualcosa di catartico per poterci risollevare ma non capisco cosa.
    chiedo un parere a voi fini dicitori della politica, in particolare raggi, cosa ne pensate di montezemolo e del suo voler entrare in campo?
    un saluto a tutti , specialmente a ruggiero il bolognese

  • Ruggero

    16/04/2011

    Caro marino, metto pure io la "m" del nome in minuscolo al tuo pari modo di scrivere e ti ricordo che ruggiero si scrive senza "i"...almeno il mio!!
    A parte gli scherzi io direi che Montezemolo è senz'altro un uomo molto fortunato, cosa da non trascurare, come dimostra la sua carriera personale sempre baciata dalla dea bendata ma anche da grandi capacita' organizzative e manageriali...vedi la Ferrari fatta uscire dalla polvere e rilanciata sia nelle competizioni che sul mercato!!
    Qui pero' il nostro Luca nazionale vuol giocare una partita molto piu' difficile e pericolosa!!
    I suoi due amici in parlamento, Casini e Fini (guarda caso proprio Bolognesi entrambi!!) si stanno muovendo in maniera un po confusa e lo stanno pregando di fare presto a gettarsi nella mischia, intanto loro fanno un po di caos vivendo di speranze!!
    Solo che per ora ha fatto e sta facendo grandi proclami sul disfattismo italiano ma ancora non c'è un progetto serio di rinnovamento italiano...almeno non lo ha fatto vedere!!
    Fossi in Luca non attaccherei mai cosi' frontalmente Tremonti perche' se poi questo si arrabbia e ti becca a Ballaro' ti fa fare brutte figure in uno scontro politico perche' sa essere ironico ma conosce anche bene i numeri!!
    Fossi in Luca pregherei che salti il governo e si vada alle elezioni anticipate e allora potrebbe fare incetta di voti tra i delusi di entrambe le parti e degli elettori moderati che sono comunque tanti!!
    Ma...io non sono Luca Montezemolo...purtroppo piu' che altro per il conto in banca!!
    La mia sensazione è che il Sultano (come chiami tu Berlusconi pero' io ci metto la "S" in maiuscolo perche' so che ne sa una piu' del diavolo!) lo voglia tenere sulla graticola fino allo scadere della legislatura cosi' la torta gelato gia' bella confezionata da Montezemolo rischia di sciogliersi nelle due prossime estati almeno che non la metta nel congelatore per bene!!
    Mi sembra quindi che abbia un po' troppo foga perche' non ha capito che il Sultano è fortunato uguale se non di piu' di lui!!
    Un saluto.


    PS: Quando ci vediamo ti spiego perche' uso le maiuscole sui nomi mentre tu no!!

  • Cabelor

    19/04/2011

    Referendum sul nucleare: già fatto con esito a non seguire questa strada.
    Referendum sul finanziamento pubblico: già fatto con esito come sopra.
    Non è che ci stanno prendendo per i fondelli?
    Invece di andare al mare andiamo tutti a votare, seppelliamoli con una valanga di SI e poi andiamo a fare un bagno in Taro.
    Se non si va a votare ai referendum (questo è quello che LORO vogliono) non abbiamo il diritto di lamentarci!

 

Commenta

Accetto Non accetto
Scrivi la somma e invia: 14 + 8 =
Resta aggiornato


Cancellazione POST

Se desideri cancellare e gestire i tuoi post clicca qui ed accedi alla tua area riservata.
Se non utilizzi piu' la mail con cui hai scritto il post che vuoi eliminare contattaci e cercheremo di aiutarti: esvaso@gmail.com