post commenti
  • Piccoli fotografi crescono

    Quando mi è stato proposto di collaborare al progetto: “La fotografia a scuola”, iniziativa promossa dalle insegnanti delle prime e seconde classi della Scuola Primaria di Bedonia, ne sono rimasto entusiasta. Ho subito accettato (a titolo gratuito).

    Durante le lezioni sono stati accompagnati i bambini in un percorso creativo che li ha aiutati a conoscere il mondo della fotografia e della comunicazione attraverso l’immagine. Sono state proiettate fotografie, spiegato come e perché nasce una fotografia ed infine come si utilizza una macchina fotografica vera e propria, anche se inizialmente l’obiettivo è stato un cartoncino con buchi di dimensioni differenti.
    Dopodiché è arrivata la prova del nove, ovvero mettere in pratica quello che avevano assimilato durante le diverse lezioni.
 Con le maestre hanno poi fatto diverse uscite, tutte mirate a cogliere i diversi aspetti della natura, scattando foto con una macchina fotografica “usa e getta”, in modo totalmente autonomo. Le immagini sono state poi sviluppate e gli alunni hanno potuto così visionare ciò che hanno scattato, anche gli errori commessi sfruttandoli come occasione di crescita per non commetterli un’altra volta.

    Al termine del progetto i bambini hanno raggiunto una maggiore consapevolezza nell’uso della fotografia, superando l’approccio casuale e iniziando ad essere dei piccoli fotografi. 
L’alunno è stato così portato a riconoscere, attraverso un’immagine fotografica, l’importanza del messaggio comunicativo che diverrà parte del bagaglio culturale di ogni singolo. 

    Ora che è terminato l’anno scolastico vi posso mostrare il loro lavoro. Nei giorni scorsi abbiamo scelto insieme una fotografia che potesse rappresentare con un’immagine ognuno di loro e alla fine la sorpresa è stata veramente piacevole...

5 Commenti

  • Le insegnanti

    19/06/2011

    Con questo progetto gli alunni hanno potuto accostarsi per la prima volta ad una conoscenza teorica e pratica della fotografia, conseguendo i seguenti obiettivi:

    - primo approccio con la fotografia come forma di comunicazione non verbale, le immagini fissate con la macchina fotografica come nuovo linguaggio personale;
    - offrire un’occasione ai bambini di stimolare la propria curiosità e imparare le basi della fotografia;
    - sviluppare la capacità di osservare per costruire confronti e porsi domande attraverso l’esperienza di contatto con la fotografia;
    - insegnare agli alunni ad esprimere i propri messaggi attraverso le immagini cercando di stimolarli alla conoscenza e all’uso degli strumenti, attraverso un approccio ludico.

    Le insegnanti delle classi 1^ e 2^ della Scuola Primaria di Bedonia:
    Chiappari Ilaria, Agazzi Monica, Restani Alessandra, Chiappari Antonella, Cavalli Barbara, Albano Caterina, Sorbello Maria Grazia, Chiesa Stefania.

  • Sonia

    20/06/2011

    Belìn ma a Bedonia siete avanti......

  • Martina Bertacchi

    20/06/2011

    Ciao Gigi!
    Ma che bel progetto e chissà che bello insegnarlo diciamo :)
    ma che belle son più bravi che me hihi
    quanto li invidio! :)

  • Lina

    20/06/2011

    Sarà veramente divertente per te approcciarti a tale e tanta freschezza e novità, bravo !!!
    chissà le discussioni durante i servizi fotografici…
    Sai che qualcuna la trovo veramente bella, questo taglio “basso” che gli viene dalla statura che natura impone, le accomuna un po’ tutte e le rende speciali… proprio belle, bravissimi !!!
    anche gli alberi  fotografati da sotto sono logici ma allo stesso tempo hanno un che di artistico… 
    che carini !!!

  • Remo Ponzini

    22/06/2011

    Mi sembra che sia giunto il momento di gridare ai quattro venti che a Bedonia abbiamo una SCUOLA ELEMENTARE ad ALTISSIMO LIVELLO.
    Mi riferisco senz'altro anche a questa splendida iniziativa che ha proiettato i bimbi più piccini nel suggestivo mondo della fotografia ma ... non solo.

    Proprio oggi pomeriggio mentre stavo prendendo il sole con la radiolina accesa (credo fosse su RAI 2) hanno parlato della iniziativa pedagogica sviluppata tra le scuole di BEDONIA e di TAORMINA avente come oggetto " Lavagna Interattiva multimediale ". Un collegamento via internet per scambiarsi informazioni di ogni genere che ha permesso a due paesi siti a 1200 km. di distanza di ritrovarsi nella stessa aula. Ero già a conoscenza di questo ingegnoso progetto per aver letto diversi articoli su siti web il mese scorso e ne ero stato particolarmente affascinato.

    Una scuola moderna deve avere queste intuizioni, deve saper stimolare le curiosità latenti dei piccini, deve poter contare su docenti creativi e capaci.
    E nel nostro paese abbiamo la fortuna di poter disporre di un corpo insegnate che possiede queste qualità. Mi pregio di conoscerle praticamente tutte; compresa la Caterina, siciliana doc, che ebbi modo di trasbordare dalla stazione del Borgo a Bedonia... insieme a mia moglie.
    Meritate un plauso ed un ringraziamento da noi tutti.

    Un doveroso riconoscimento anche al Gigi per la sensibilità e disponibilità che ha sempre mostrato ogni qual volta ci fosse bisogno del suo apporto.
    E, come sempre, senza percepire alcun compenso. Ti stai guadagnando il paradiso ???

    Ciao a tutti.
    Remo Ponzini

    P.S. Incollo i link del gemellaggio scolastico con Taormina :

    http://www.tele90.it/news/2011/05/07/taormina-nell-istituto-di-trappitello-lavagna-interattiva-multimediale-per-dialogare-con-altre-scuole-d-italia/10780

    http://www.parmaok.it/cronaca/scuola_lavagna_elettronica_nord_sud_insieme.aspx

    https://radiopatti.wordpress.com/tag/bedonia

    http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/tecnologia/2011/05/07/visualizza_new.html_872827022.html

 

Commenta

Newsletter
Scrivi la somma dei due numeri e poi invia: 6 + 3 =
Accetto Non accetto

(*) Trattamento dei dati personali
Il form messo a disposizione sul sito ha il solo scopo di consentire ai visitatori del sito di publicare post, qualora lo desiderino. La presente informativa riguarda i dati personali inviati dall'utente visitatore al momento della compilazione del form. La informiamo del fatto che i dati che conferirà volontariamente tramite il form verranno tramutati in una email che eventualmente potrà essere conservata all'interno del sistema di ricezione di e-mail utilizzato dal titolare del sito.
Potrai cancellare i tuoi post inviando una tua mail all'indirizzo esvaso@gmail.com
Iscrivendoti alla NEWSLETTER riceverai le novità del sito e i nuovi post - Potrai cancellarti direttamente all'url www.esvaso.it/newsletter.php



Cancellazione POST

Se desideri cancellare e gestire i tuoi post clicca qui ed accedi alla tua area riservata.
Se non utilizzi piu' la mail con cui hai scritto il post che vuoi eliminare contattaci e cercheremo di aiutarti: esvaso@gmail.com