post commenti
  • Lampi e nuvole

    Oggi è il 31. La serata del trentun maggio, subito dopo il tramonto. Sento il bisogno di 'fermarla' e di condividerla. Niente di stravagante o di straordinario. Sarebbe stata una serata come tante se non per le bizze del cielo.
    A guardarlo era un piacere. Inizialmente, poco dopo il calar del sole, l'azzurro era macchiato di rosso, delle grosse e grasse nuvole erano contornate da una luce insolita, rossastra, tuttavia erano disposte dalla parte opposta del tramonto, anomalo. Con il calare della luce un altro evento si faceva strada.
    Lampi. Tantissima altra luce. Per quasi un'ora è stato un susseguirsi di scariche elettriche: alte, multiformi, potenti, infinite. In quei momenti il cielo sembrava una polveriera al culmine di un'esplosione. Solo il vento e il silenzio. Nessun tuono, nessun sordo fragore.
    Non sono riuscito a capire se erano lampi scatenati dalla calura o da un temporale lontano, che ci ha solo sfiorati. Il risultato è stato però di rapimento. Gli occhi sono stati lassù per tutto il tempo. Voglio pensare che la mancanza del 'botto' sia stato per farsi meglio ammirare, senza timori o apprensioni. Per meglio godermi lo spettacolo mi sono seduto, solo, sul terrazzo di casa, comodo, con lo sguardo verso la pianura.
    Era là che imperversava la 'battaglia', aerea naturalmente. Ad ogni secondo un bagliore, un zig-zag che si ramificava tra le nuvole, ininterrotto.
    Il 27 maggio di un anno fa fumai l'ultimo sigaro, questa sera, esattamente un anno dopo ne ho acceso un altro. Fumare in certi momenti è un piacere estremo, quel fumo, quel profumo sostiene quella parte dello spirito tenuta temporaneamente in disparte. E' così che tutti i sensi sono coinvolti.
    In realtà siamo esseri senza mani: le emozioni e i sentimenti non si lasciano afferrare o toccare, e pensare che sono loro che condizionano e dirigono la nostra vita, quella che noi costruiamo anche, e soprattutto, con le mani e a cui diamo tanta importanza. Intorno a me un gran 'vociare' di grilli, l'aria era piacevolmente fresca, ogni tanto un soffio di vento muoveva le ancor tenere foglie, ai bordi del grosso cumulo di nubi c'era anche qualche stella, mancava solo la 'Luna'. Poi, come l'ho visto arrivare piano piano se n'è andato. Sempre in punta di piedi l'ho visto cambiare rotta, ha lasciato le montagne per svoltare verso il mare.
    Ora rimangono solo nuvole, spente nella notte, la stessa che tra poco ci inghiottirà. Ma anche loro, se lo desideri, ti sanno rapire. Non potrei mai affrontare una giornata senza vedere le nuvole. Mi piace guardarle mentre si rincorrono come bambini. E' altrettanto incantevole vedere un aeroplano dissolversi là dentro. Mi conquistano quando le vedo arrivare lente e improvvisamente sparire. Quando le vedo ingrassare e poi di colpo snellirsi. Quando mutano il colore come dentro a una tavolozza con il nero e il bianco. Quando si annunciano con rumore e si sfogano come rubinetti rotti.
    Quando nella notte le vedi correre veloci quanto il vento che le muove. Quando si mettono tra noi e il cielo e poi ci sorridono scherzando. Persino quando hanno il coraggio di cancellare le stelle di gesso su una lavagna nera. Il cielo è il segreto della nostra esistenza e la notte è la sua custode.
    Le nuvole sono solo un inganno, un tranello per indurci ad alzare gli occhi ogni tanto, altrimenti ci dimenticheremmo di farlo. Quando la mano scrive non esiste la solitudine e il cielo è dappertutto.

3 Commenti

  • HOVER

    14/05/2007

    devo aver letto quasi tutte le tue Parole di Notte. pero' lasciamelo dire che questo post di lampi, nuvole e notte e' veramente stupendo, complimenti! ce l'ho addsso, sento l'aria pesante del temporale, e vedo i bagliori..... ora vado a chiudere gli occhi magari....

  • NDM

    05/08/2014

    Com'eri romantico nel 2006!

  • Fiorella

    06/08/2014

    Ma è bellissimo questo racconto, torna a raccontarci un pò di più quello che vedi intorno

 

Commenta

Accetto Non accetto
Scrivi la somma e invia: 10 + 2 =
Resta aggiornato


Cancellazione POST

Se desideri cancellare e gestire i tuoi post clicca qui ed accedi alla tua area riservata.
Se non utilizzi piu' la mail con cui hai scritto il post che vuoi eliminare contattaci e cercheremo di aiutarti: esvaso@gmail.com