post commenti
  • Il "vento" soffia su Compiano - VII Atto

    Meglio tardi che mai. Anche il Comune di Compiano si è reso conto che l’impianto eolico del Santa Donna, proprio quello di 9 pale alte 150 metri, alte più del doppio di quelle sopra Albareto, coinvolgerà anche una parte del suo territorio, motivo per cui ha organizzato un incontro con la popolazione per Mercoledì 24 Aprile alle ore 20, presso la sala Consigliare di Compiano, alla serata parteciperà anche un tecnico dell’impresa esecutrice per illustrare il progetto.
    Comunicazione improvvisa e orario ambiguo. Da queste scelte di comunicazione qualcosa già traspare sulla posizione che tiene il Comune sul progetto, per farla breve, pur rilevando da tempo che il suo territorio sarebbe stato impattato non ha comunicato apertamente i dettagli dell’opera per la tutela dei suoi cittadini (incontri in loco, ecc), l’esatto contrario di ciò che ha fatto l’Amministrazione di Bardi in questo anno e mezzo.
    Credo che il motivo dell’incontro repentino sia racchiuso nella raccolta di firme (già un centinaio) organizzata dai cittadini di Strela, Sambuceto e Caboara che li vede contrari in quanto confinanti al vicino impianto industriale eolico, quindi coinvolti da tutti gli effetti negativi che può portare una simile iniziativa.
    Perché solo oggi è nata la necessità di informare la popolazione visto che il progetto è stato depositato, come parte in causa, all’Amministrazione di Compiano già nel 2011 ? In ogni caso ricordo che le osservazioni contrastanti da parte dei cittadini possono essere inviate alla Provincia di Parma entro il 7 Maggio 2013.
    Per informazioni più approfondite vi invito a partecipare alla serata di mercoledì.

12 Commenti

  • Informataro

    23/04/2013

    Ipocriti, anche se arrivano con i dolcetti sanno che comunque ci stanno prendendo in giro, non c'è più un angolo di Italia che non soffra di questa malattia che tutti continuano a chiamarla in causa per l'energia verde.. dimostrassero che produca.. ma fin ora ha solo portato devastazioni ambientali ed economiche per le comunità.

    È ampiamente dimostrato come le multinazionali e le imprese che girano a stretto contatto si arricchiscono senza dove produrre un minimo di energia. Come è ampiamente dimostrato che sventolare due soldi davanti alle amministrazioni rende cieche le scelte e poi regolarmente vengono lasciate nel loro brodo senza guadagni alcuni, anzi si portano dietro cadaveri.

    Chi si professa a favore abbia il coraggio di portare vere testimonianze.. ma dubito, perchè basta andare a leggere interviste ad assessori e sindaci di paesi abbindolati qualche anno prima del nostro per capire il loro malessere, e di link in merito mi sembra di averne postati abbastanza, anzi forse uno potrebbe essere di esempio per tutti.. vi ricordate un comune citato dal New York Time..
    http://www.repubblica.it/ambiente/2011/02/10/news/inchiesta_tocco-12299996/

    Leggendo tutto l'articolo, forse, si colgono anche alcune verità e stiamo parlando di un impianto fiore all'occhiello, per il resto in Italia é meglio tracciare una linea piatta..
    Rimandiamoli in Svizzera, dove i loro investitori sono anche un po' perplessi sul perchè di solo 3 anzi pardon 9 pale, visto che hanno trovato terreno fertile chiedono di maggiorarne ancora il numero.. e questa e verità...purtroppo.. e chi ci amministra? Vado in numeri.. 90?

    http://www.abexpress.it/index.php?option=com_k2&view=item&id=11490:tocco-da-casauria-scontro-sullistallazione-di-nuovi-impianti-eolici&Itemid=4

  • Duecuoriunacucina

    23/04/2013

    Incontro organizzato su richiesta di alcuni cittadini che, a differenza di chi li dovrebbe rappresentare e sostenere o semplicemente informare, hanno cura di preservare il proprio territorio e le proprie montagne.

  • Dallara

    23/04/2013

    Si dice bene qui ......se non ci fossero stati i cittadini a volere questa riunione con il piffero l'avrebbero organizata. Partecipate e aiutateci a capire e cosa bisogna fare

  • Abitante di Strela

    23/04/2013

    Ringrazio a nome della mia famiglia quanto state facendo per noi

  • Aima

    23/04/2013

    Conosco bene la pace, i profumi di cui parli nei tuoi post.... i colori, il Castello di Bardi con la sua cruda antica fierezza, il castello di Compiano così elegante.
    La legna accatastata di fianco alla strada, il camino che scoppietta e le persone vere che nonostante le difficoltà non se ne sono mai andate e quelle che sono tornate che ti raccontano di terre lontane dove hanno vissuto... ma alla fine nel cuore si sono portati la loro montagna.

    I nonni di mio zio sono originari della zona e per questo hanno ristrutturato una casetta dove passano le vacanze estive e ogni momento possibile. Molti rustici nella zona in effetti sono stati recuperati e alcuni sono davvero spettacolari!!!
    Snaturare questo territorio con un mostro eolico che alla fine non ha senso di esistere se non per un inciucio di cui sicuramente la comunità montana non avrà alcun vantaggio!! Non è giusto usare questi territori e trattare le persone come fazzolettini usa e getta gettandogli la sabbia negli occhi con numeri a 6 zeri!!

    Quando l'altro giorno una ragazza del luogo ha chiamato i miei zii per la documentazione relativa alle osservazioni mi sono sentita coinvolta!!! Così ho cominciato a fare delle ricerche in rete e sono approdata ad un sacco di informazioni..... ho anche guardato la trasmissione di RTA che hai postato .... Diciamo che ho adottato la causa..... e mi sembrate tutti molto competenti e preparati!!!

    Non è giusto girarsi dall'altra parte solo perché una cosa non ti riguarda personalmente!!! Io la penso così!! E chi non ha voce sono sempre i soliti considerati gli ultimi dai potenti di turno. A proposito... ho visto che c'è già un'interrogazione regionale in corso da parte di Pollastri.... io l'altro giorno leggendo un articolo sul sito del M5Stelle sulla cementificazione selvaggia della Regione Emilia Romagna ho segnalato anche a loro la questione.... hanno detto che hanno già bloccato un parco eolico a causa del crinale franoso e per la presenza di un'oasi faunistica.

    Credo che più voce ha questa causa e più in alto arriveranno le proteste.

  • Comitato Santa Donna

    23/04/2013

    Il comunicato di Sabrina Freda (in allegato) è molto importante davvero perché tocca diversi punti fondamentali:

    1) gli impianti eolici nella nostra Regione non sono considerati ne' strategici ne' prioritari;

    2) il calcolo delle ore di vento deve essere alla massima potenza nominale;

    3) da noi, anche in Appennino, non c'è abbastanza vento e in Regione lo sanno perché hanno i dati di produzione degli impianti già installati;

    4) ci sono grosse perplessità anche a livello istituzionale sulla scarsa legalità del settore;

    5) i Comuni non facciano i furbi mercanteggiando con le aziende perché tanto le modalità delle compensazioni ambientali le decide la Conferenza dei Servizi;

    6) le compensazioni non possono essere usate a piacere;

    7) una parte delle compensazioni sono richieste direttamente sotto forma di lavori nell'area degli interventi (nel nostro caso la logica dice che sarebbero tutt'attorno e quindi anche nei comuni di Bardi e Compiano )

    8 ) le nostre zone non sono adatte a quel tipo di impianti perché si stanno ripopolando e ci sono attività turistiche;

    9) per suoni e infrasuoni deve prevalere la logica della massima cautela e quindi rispetto ai dati non certi meglio soprassedere o comunque applicare criteri abbondanti sulle distanze;

    10) i Comitati non sono manipoli di terroristi come detto nella famosa conferenza stampa piagnucolosa del Comune di Borgotaro, ma un interlocutore importante per le istituzioni.

  • Luca6

    23/04/2013

    Avete stufato tutti ormai con queste pale eoliche... ma che problemi volete che causino. è diventata soltanto una mania ormai dire che le pale eoliche fanno male ma non è assolutamente cosi. SOLTANTO MANIE.

    a risentirci

  • Duecuoriunacucina

    23/04/2013

    Rispondo a Luca6
    Perchè non te le metti in giardino queste pale e poi vediamo i risultati sul tuo stato d'animo, sulla tua salute e sui tuoi eventuali guadagni e soprattutto sul valore che acquisterebbe la tua casa. Rifletti e mettiti nei panni di quelle persone che potrebbero vedersi sorgere questi "ecomostri" a soli 200 mt da casa.
    E' sempre facile fare gli indifferenti o essere a favore di tali progetti quando non si è coinvolti personalmente correndo il rischio di vanificare in pochi istanti i sacrifici compiuti durante una vita intera.....

  • No speculazione travestita da energia pulita

    24/04/2013

    Caro duecuoriunacucina non perder tempo con gente come Luca6, è uno dei tanti montanari convinti che con le pale faranno soldi a PALAte con il fior fior di turisti che arriveranno a vederle ahahahah, oltre alla convinzione che non pagheranno piu' la luce, se ne sentono tanti questi giorni!
    Una delle tante testimonianze di questa speculazione che viene chiamata energia verde (verde intesa come i verdoni che ci fanno quelli che la propongono): http://www.youtube.com/watch?v=r_drRJCIHpQ

  • Marco Biasotti

    27/04/2013

    Non mi esprimo sull'argomento, lo ho già fatto a suo tempo e non voglio ripetermi.
    Voglio però dire al sig.ra NO SPECULAZIONE TRAVESTITA DA ENERGIA PULITA... (un nome e una faccia...magari da culo nò eh?).... che lo legherei alle pale per un mese, così vediamo se diventa furbo da tale idiota che è!
    Rileggiti quello che hai scritto mangianebbia ignorante!

  • Comitato Santa Donna

    21/05/2013

    VENERDI 24 MAGGIO ORE 21 IN SALA IMBRIANI A BORGOTARO INCONTRO DI AGGIORNAMENTO PER CITTADINI E COMITATI, SI FARà IL PUNTO DELLA SITUAZIONE SULL'EOLICO IN APPENNINO E SUI PROGRAMMI DI AZIONE

 

Commenta

Accetto Non accetto
Scrivi la somma e invia: 2 + 7 =
Resta aggiornato


Cancellazione POST

Se desideri cancellare e gestire i tuoi post clicca qui ed accedi alla tua area riservata.
Se non utilizzi piu' la mail con cui hai scritto il post che vuoi eliminare contattaci e cercheremo di aiutarti: esvaso@gmail.com