post commenti
  • Al Groppo di Gorro, tra rocce e nuvole

    Domenica doveva essere una giornata “buca”, all’ultimo minuto ho rinunciato all’escursione al Lago Santo… saremo anche in maggio, ma lassù c’era la neve. Fabio, come si dice in questi casi: “Sarà per un'altra volta”.

    A disposizione però c’era un’altra opportunità, Antonio ed Emanuele avevano organizzato una passeggiata al Groppo di Gorro, a pochi chilometri da Borgotaro, così l’ho colta al volo (825 metri la vetta di cui 275 di dislivello, percorso di 5 km, 3 ore la durata).

    Il caratteristico paesino di Gorro è meta frequente, decisamente improbabile è invece salire sul quel massiccio ofiolitico alle sue spalle. Un imponente roccione scuro, brullo e inospitale, che a tratti rievoca uno scenario quasi lunare e l'origine di questa formazione geologica è da ricercarsi sul fondo marino, più di settanta milioni di anni fa (giusto PK ?). Ora è un "Sito di Importanza Comunitaria" e habitat di rare specie di flora mediterranea poiché il colore scuro delle rocce in inverno trattiene il calore consentendone la sopravvivenza.

    Giunti sulla cima si gode un panorama bellissimo sulla valle del fiume Taro: ai lati i paesini di Belforte e Lozzola, sullo sfondo la catena dei Monti Penna e Maggiorasca, mentre frontalmente s’intravede la fine dell’Appennino e l’inizio della pianura.

8 Commenti

  • Remo Ponzini

    29/05/2013

    Caro Gigi, non avevi timore che il vento sollevasse polvere ofiolitica altamente dannosa per la salute ? Mi sovvengono i tanti timori/tremori espressi con migliaia di post sul tuo forumvaltaro.it. Dispute bellicose che videro il nostro Alessandro Signorini, detto PK, duellare solo soletto contro un esercito sterminato di combattenti ideologizzati.

  • Brontolo Nè

    29/05/2013

    Per tre volte sono andato al Lago Santo e poi su fino in cima al Marmagna, ed il Braiola e l'Orsaro.... attraversando distese di dolci mirtilli e da lassù lo sguargo ha solo il confine della commozione che annebbia e quando il sole tramonta al di là del fiume Magra, oltre il Santuario della Madonna del Monte, bisogna affrettarsi a scendere col cuore rimasto lassù... e mi è piacevole ricordare :

    Sempre caro mi fu quest'ermo colle,
    e questa siepe, che da tanta parte
    dell'ultimo orizzonte il guardo esclude.
    Ma sedendo e mirando, interminati
    spazi di là da quella, e sovrumani
    silenzi, e profondissima quïete
    io nel pensier mi fingo, ove per poco
    il cor non si spaura. E come il vento
    odo stormir tra queste piante, io quello
    infinito silenzio a questa voce
    vo comparando: e mi sovvien l'eterno,
    e le morte stagioni, e la presente
    e viva, e il suon di lei. Così tra questa
    immensità s'annega il pensier mio:
    e il naufragar m'è dolce in questo mare.

    Giacomo Leopardi

  • Marco Biasotti

    30/05/2013

    È il posto più inospitale che io conosco.... ma ha il suo fascino che tu hai colto immancabilmente con le tue foto.

  • Stefano Bruschi

    30/05/2013

    ... picnic da Hanging Rock !!!
    Stefano

  • Riccardi

    30/05/2013

    Qui si parla di escursioni, di turismo ma la rabbia intrinseca di Rocca & Company riesce a distruggere anche l'unica loro risorsa continuando a parlare di cave, di amianto, di rancori. Da non credere

  • Riccardi

    30/05/2013

    E la lasciatemelo dire, imparate dal signor Brontolo a cogliere le opportunità. Gonzi

  • Fiorella

    30/05/2013

    Ma basta ma lì vivete a pane e cave? Ma si goda la vita e vada anche lei a farsi una passeggiata come fanno tutti

  • Giuseppe Serpagli

    30/05/2013

    Bellissime foto di un luogo quasi inquietante! "Secoli" fa, mio padre, che il lunedi andava a ferrar cavalli vicino all'Hotel Appennino di Borgotaro, mi portò qualche sasso di un bel color grigioverde. Si diceva che da quel tipo di sasso si poteva ricavar borotalco, ma a nessuno in casa mia venne in mente di gratugiarlo allo scopo.
    Giuseppe Serpagli - Milano

 

Commenta

Accetto Non accetto
Scrivi la somma e invia: 6 + 10 =
Resta aggiornato


Cancellazione POST

Se desideri cancellare e gestire i tuoi post clicca qui ed accedi alla tua area riservata.
Se non utilizzi piu' la mail con cui hai scritto il post che vuoi eliminare contattaci e cercheremo di aiutarti: esvaso@gmail.com