Il dottor Berni

In serata ci ha lasciati il Dottor Italo Berni, anzi "u dutü Berni", era prossimo ai settantuno anni. Quando qualcuno del paese, che si conosce bene e lo si stima, non ci sono mai parole abbastanza appropriate, ma quando si deve fare, si tenta di non essere troppo ordinari.

La sua improvvisa scomparsa segnerà un vuoto profondo in tutta la Valtaro e non solo per i bedoniesi. E’ stato per oltre quarant’anni il “Dottore" di Bedonia, quando non vi erano limiti d’assunzione sugli assistiti metà paese era un suo mutuato. Fino all’ultimo, ad un mese fa, ha potuto svolgere il suo lavoro di medico, poi un male improvviso ed incurabile l’ha inaspettatamente stroncato.

Oltre alla professione medica è stato Consigliere comunale di Bedonia per moltissimi anni, altrettanti li ha passati come Consigliere della Comunità Montana Ovest e poi sui banchi della Provincia di Parma come Assessore alla Caccia e Pesca. La sua idea politica era sempre stata legata al Partito Socialista Italiano. Questa stima e considerazione l’avevano portato anche a sedere nel Consiglio d’Amministrazione della Cassa di Risparmio di Parma & Piacenza e in quello dell'Ordine dei Medici della Provincia di Parma, ed era molto attivo anche nel mondo del volontariato, militava nell'Avis e nella Croce Rossa Italiana.

Questo rispetto era dovuto prima di tutto per la sua correttezza e serietà, sempre propositivo e decisamente privo di arroganza. Coerente con i propri ideali, ha sempre mostrato rispetto e apertura verso le diversità culturali ed ideologiche, con profondo senso democratico, infatti ha sempre ritenuto indispensabile un rapporto vivo e corretto coi cittadini. Era solo da qualche anno che si era ritirato definitivamente dalla vita politica per dedicarsi esclusivamente alla sua professione che si sarebbe conclusa con il pensionamento proprio quest’anno.

Alcune foto di Italo Berni



2 Commenti
  1. Isa

    Con lui se n'è andata la figura del medico "di una volta"... era "u dutù" dei miei nonni e correva a Revoleto ogni volta che c'era bisogno di lui, ma non solo, passava una volta alla settimana quando faceva il giro dei suoi pazienti... se avevano bisogno di medicine portava le ricette in farmacia poi ci chiamava per passare a ritirarle... e quante ricette al volo ci ha fatto anche solo bloccandolo per la strada.

  2. Paola Lintas

    Il dottore dei nonni e anche il mio quando da ragazzina venivo nella mia bella valle.
    Vorrei anche ricordare il dott. Verti medico condotto a Ponte Ceno... ogni anno qualche punto tanto x stare tranquilli. Due grandi medici e due bravissime persone

Commenta

Somma e invia : 12 + 13 =
Accetto Non accetto


Resta aggiornato

Post simili

Remo Belli: fotografo

Un ricordo di un amico ma anche maestro fotografico

Le chiacchiere delle suore

La storia che ripercorre la preparazione del tradizionale dolcetto di carnevale

CioccolaTaro: un dolce sogno

La prima edizione di Cioccolataro... una magia fatta di cacao

Duccio Moglia "Food Heroes"

Foodscovery, la sezione dedicata al cibo de 'Il Fatto Quotidiano', pubblica oggi un mio articolo

Verba volant, scripta manent

Amministrative 2009: lettera aperta ai prossimi candidati Sindaco di Bedonia

Lavori in corso

A Bedonia stanno eseguendo dei lavori nel letto del Pelpirana e una vecchia canzone di Arturo Curà ritorna così alla mente (in allegato)