post commenti
  • Passando per il Monumentale di Milano

    A Milano non c'è solamente il Duomo gotico, il Teatro alla Scala, i quadri di Brera o la 'fashion' Via Montenapoleone, c'è anche un museo a cielo aperto, accessibile liberamente a tutti, anche se principalmente è un luogo fatto di silenzio e rispetto: è il Cimitero Monumentale.
    Fin dalla sua apertura, a metà ottocento, il cimitero ha rappresentato per i più famosi scultori e architetti italiani un'occasione insolita per misurare le proprie capacità con un tema atipico come quello funerario. E' uno spazio dove si possono ammirare orientamenti e tendenze dello stile italiano scandito nel tempo.
    Percorrendo i silenziosi vialetti di sassolini si possono osservare vere e proprie sculture e monumenti, tra gli esecutori di questi capolavori compaiono Giò Pomodoro, Lucio Fontana, Giò Ponti o Manzù, forme e design che vanno a corredare le sepolture di altrettanti illustri personaggi come Alessandro Manzoni, Salvatore Quasimodo, Arrigo Boito, Francesco Hayez, Eugenio Montale, Elio Vittorini o Arturo Toscanini oltre naturalmente a tutte le cappelle di famiglia dell'alta società milanese.
    Era da molto tempo che avevo il desiderio di 'conoscerlo'.

0 Commenti

 

Commenta

Accetto Non accetto
Scrivi la somma e invia: 10 + 8 =
Resta aggiornato


Cancellazione POST

Se desideri cancellare e gestire i tuoi post clicca qui ed accedi alla tua area riservata.
Se non utilizzi piu' la mail con cui hai scritto il post che vuoi eliminare contattaci e cercheremo di aiutarti: esvaso@gmail.com