post commenti
  • A pranzo con Concita

    È l’ora di pranzo. Anche lei, come me, è seduta al tavolo. Io mangio e lei parla di libri.
    Quello studio è una sorta di soggiorno casalingo, in cui Concita De Gregorio riceve i suoi ospiti e quelli di lunedì erano anche d’eccezione, in studio era infatti presente la seconda Liceo “Zappa-Fermi” di Borgotaro.
    Su quel tavolo di rovere ripone i libri che si porta da casa, indispensabili per la puntata, sono i suoi, con tanto di sottolineature, appunti e segna pagine, ma che soprattutto conosce. Poi lampada, tappeto e la caraffa dell’acqua per gli ospiti, gli stessi che intrattiene con quel tono da padrona di casa, tutt’altro che da conduttrice o professoressa in cattedra. Quando l’ascolto senza guadare la TV mi dà quasi l’impressione che sia da me, nella stanza di là.
    Pane Quotidiano, in onda su Rai 3 alle 12.45, è una piacevole mezz’ora trascorsa insieme ad una giornalista che mi piace, certamente seriosa, tuttavia garbata, elegante e di una bellezza non ostentata. Mi dispiace quando vedo scorrere i titoli di coda e dover cambiare canale.

18 Commenti

  • Katia B

    29/01/2014

    Soprattutto cambiare canale per vedere le fotografie di una testa asfaltata, sentire parlare ancora di ricette, di acqua alta a venezia, che domani ci sarà vento, che i cagnolini devono fa pipì da soli.

  • Stefano

    29/01/2014

    Quando ha diretto l'unità, è stato un fallimento ed è tornata a Repubblica ed ora guarda caso è su RAI 3....quindi pagata dai contribuenti!!!! bisogna aggiungere altro?

  • Dolores

    29/01/2014

    Mio marito concorda con Stefano, io invece sono stanca della Politica che purtroppo, pur essendo SPORCA, te la trovi anche come farcitura di un panino.........
    Io ho seguito solo il tema che trattava che penso sia giusto diventi un argomento FISSO nelle scuole delle nostre generazioni. Se fosse per me il ricordo della strage degli ebrei e di tutti i campi di concentramento che conosciamo, dovrebbe far parte di un programma e invece di fare la gita a Londra o Parigi, sarebbe giusto ed educativo farla nei campi di sterminio.
    Perché si conosca, si impari e si prevenga.

  • Lorella Aviano

    29/01/2014

    La vedo sempre, se non posso all'ora del pranzo riprendo la puntata in streaming. Però, se puoi fermarti ancora un po' di fronte alla tv, non cambiare subito dopo: ''è 'il tempo e la storia' che spesso merita altrettanto.

  • Giampaolo

    29/01/2014

    Fallita con l'Unita', con Repubblica, con interventi televisivi pietosi, estremamente dichiarata politicamente, penosa nei suoi commenti, da fastidio il personaggio e solo su rai3 poteva trovare una sedia comoda e che purtroppo viene lautamente pagata da tutti noi.

  • Federico

    29/01/2014

    Sara' anche comunista ma e' una gran bella MILF

  • Bruna

    29/01/2014

    La nostra giornalista la trovo coerente e di onestà intellettuale e voi mi state deludendo.
    Costante sua lettrice di Repubblica e al tempo dell’ Unità e ora in Tv.
    E’ un piacere seguirla e poi la cultura su canale dovrebbero farla? Su Rai1 Rete4 Canale 5 o Italia 1 ?

  • Remo Ponzini

    29/01/2014

    Non sapevo neppure che esistesse questa trasmissione. Ci sono inciampato per caso circa una settimana fa ed il primo istinto, vedendo la Concita, fu di andare oltre ma mi bastò un attimo di indugio per incuriosirmi e per cercare di saperne di più.

    Il mio stupore nasceva dal fatto che l'avevo raffigurata nella mente come una delle tante che mi capitava di vedere in qualche scorcio di show politico dove l'audience si cibava di alterchi, di accapigliamenti e di invettive. Spettacoli (?) che non seguivo da tempo perchè li ritenevo detestabili.

    Invece mi sono trovato di fronte un'altra persona e quando focalizzai che fosse proprio Lei rimasi stupito e mi soffermai a vedere gli ultimi cinque minuti. Confesso che il suo fare, la sua pacatezza, la spontaneità del modo di porgersi e la sua classe non esibita, mi conquistarono. Ne dedussi che una persona di tal fatta abbisogna di essere locata nell'habitat che le è più congeniale per esprimere il meglio di se.

    Mi hanno lasciato perplesso i commenti ostili che ho letto. Non escludo che possa aver fatto strada, come tanti altri, anche per collocazione ed appoggi politici ma, prescindendo da questi possibili benefici, resta il fatto che questo programma sembra cucito proprio su di Lei.

    Un sincero apprezzamento al Liceo Zappa Fermi di Borgotaro per avere condotto una classe a partecipare a questa trasmissione così acculturata. Una giornata di studio molto particolare che avrà impreziosito le conoscenze di tutti quei ragazzi appagando anche le loro curiosità.

  • FRED

    29/01/2014

    Non capisco perché con tutti i canali gratuiti che ci sono, uno debba soffermarsi per seguire una trasmissione condotta da una giornalista così scarsa su una rete pagata dal contribuente.
    Non è forse meglio andare subito su una televisione a pagamento (così mi sembra che si chiamino) per vedere gratis teste asfaltate di evasori fiscali, condannati in modo definitivo, ma a cui non si riesce a far scontare un bel niente, osannate magari da grandi giornalisti, graziati a loro volta dal presidente della Repubblica, che cercano di farti credere che esiste una magistratura che complotta e non dei politici che delinquono impunemente da sempre?
    Io preferisco seguire la De Gregorio e Rai 3 anche se non sono comunista.

  • Giampaolo scarpa

    30/01/2014

    Cara Bruna ciao. Dove trovi la coerenza della Gregorio lo sai solo tu, basta guardare come spazia tra televisione e giornali.

    Caro Ponzini la signora è una buona opportunista capace di adeguarsi a qualsiasi sistema, poi dove seguirla decidi pure tu, se in rai, o nelle private.

    Fred, ciao tientela stretta e seguila, la signora, ci sono molte giornaliste giovani che non possono essere inserite nel mondo lavorativo proprio a causa di personaggi di questo tipologia di giornalisti.

    Saluti a tutti.

  • Remo Ponzini

    30/01/2014

    Caro Giampaolo scarpa,

    Ho l'impressione che il tuo ostracismo nei confronti della Concita De Gregorio abbia motivazioni diverse da quelle che hai manifestato. Io sono ben lungi dal condividere il pensiero politico di costei ma nell'esprimere il mio apprezzamento mi sono attenuto a valutazioni che riguardavano esclusivamente la sua professionalità di conduttrice. Voglio dire che ho cercato di spogliarmi dai pregiudizi che albergano in ognuno di noi.

    Mi sta benissimo che altri come te la pensino diversamente. Il vecchio adagio che "il mondo è bello perchè è vario" è sempre attualissimo ed è quello che da brio alla nostra esistenza. Sul fatto che abbia potuto fare carriera beneficiando delle solite "spintarelle" è possibile ed io non l'ho affatto escluso. Sino ad ieri (quando frequentava i salotti rissosi) mi era cordialmente antipatica. Rivista nella nuova veste invece mi è piaciuta assai. Credo che sia lecito anche cambiare parere.

  • Dolores

    30/01/2014

    Sono d'accordo con te Remo! Giampaolo, Non riesco a capire perché per te, tutto va a finire in politica! Io non avevo mai seguito la trasmissione sopracitata prima di ora: mi è piaciuta come è condotta, il tema trattato e pure i 'nostri ragazzi' che erano ospiti:BASTA! E' questo l'importante! Di una persona mi interessa quello che mi trasmette 'a pelle', come si usa dire e nulla più.Della De Gregorio per esempio ho apprezzato il garbo e notato due occhi tristi..........io vado oltre caro Giampaolo!

  • Giampaolo.

    30/01/2014

    E'lecito cambiare parere, ma quando uno si rivede e si presenta con nuove vesti come dici tu, come si fa a credere alla buona fede , serietà e professionalità, se ha sempre frequentato salotti molto diversi?.

    Ciao mi dispiace se non sei convinto

  • Stefano

    31/01/2014

    Senza voler fare polemica "virtuale" con nessuno, ma una giornalista politicizzata in tutto e per tutto, improvvisamente cambia pelle? scusate ma per quante belle parole possiate spendere a suo favore, io non ci credo!

  • Remo Ponzini

    31/01/2014

    Non credo che abbia cambiato nè pelle nè pensiero politico. Collocata a condurre un programma di intrattenimento e cultura ha mostrato molta preparazione e la capacità di rendere protagonisti gli ospiti e gli argomenti. Io non sopporto i conduttori che sbraitano e pretendono di essere i padroni dello schermo. Tutto qui.

  • Rodolfo

    31/01/2014

    A me la Concita sta antipatica per la sua aria supponente da prima della classe, e un po' anche per questioni politiche; inoltre guardo poco rai tre, fatta eccezione per Ballarò e Agorà. Dunque di questo programma non conoscevo nemmeno l'esistenza. Tuttavia ho guardato la trasmissione nella Giornata della Memoria perchè ho saputo che erano presenti gli alunni del liceo della Valtaro. A parte le belle immagini di studentesse, studenti e prof.sse, alla scuola è stato dato lo spazio di una domandina. Punto. Pensavo che sarebbe stato molto più bello e utile un dialogo tra scuola ed esperti. In questo modo la scuola è servita per riempire il programma. Nulla più! Così va il mondo...

  • Arturo Curà

    02/02/2014

    Quando mi arrivano a tiro tutte queste frecciate "grillesche" tanto per sentirsi vivi mi cadono le braccia anche fisicamente. Ho letto qui alcuni interventi da brivido e la Concita De Gregorio più o meno calpestata quanto la Boldrini. Ma che paese è questo? E che generazione, questa sì, ( voglio sperare in minima parte )fatta solo di ingiurie abbiamo davanti? Una generazione che guarda solo al denaro facile, alla facile notorietà, spesso ignorante ( vedi le quattro della TV a proposito di Hitler ) ma stupidamente aggressiva senza alcuna colonna portante. Certo, ognuno è libero di trasmettere il proprio messaggio però non credo che si possa ingiuriare una giornalista perchè da l'Unità è passata a Ballarò quale invitata ed ora Brava conduttrice su Rai tre. Dove stanno gli sbalzi? Ha sempre frequentato la sinistra, quella decente e non credo che sia nobile razzolare nel portafoglio di chi segue una carriera. Che tristezza!

  • Giampaolo

    03/02/2014

    Buonasera, secondo me non esistono, le frecciate "grillesche", menzionate, sono fuori luogo in questo caso, non c'è da rabbrividire e non c'è paragonare con la storia di Concita e Boldrini.
    Scusate ma come si fa a dire che la Concita ha frequentato solo salotti buoni della sinstra, ma quelli cattivi quali sono? Sono contento che qualcuno trovi qualche canale con la TV di Hitler, e trovi contenuti intelletuali nel programma che conduce su rai tre.
    Più che tristezza direi che schifezza.

 

Commenta

Newsletter
Scrivi la somma dei due numeri e poi invia: 15 + 3 =
Accetto Non accetto

(*) Trattamento dei dati personali
Il form messo a disposizione sul sito ha il solo scopo di consentire ai visitatori del sito di publicare post, qualora lo desiderino. La presente informativa riguarda i dati personali inviati dall'utente visitatore al momento della compilazione del form. La informiamo del fatto che i dati che conferirà volontariamente tramite il form verranno tramutati in una email che eventualmente potrà essere conservata all'interno del sistema di ricezione di e-mail utilizzato dal titolare del sito.
Potrai cancellare i tuoi post inviando una tua mail all'indirizzo esvaso@gmail.com
Iscrivendoti alla NEWSLETTER riceverai le novità del sito e i nuovi post - Potrai cancellarti direttamente all'url www.esvaso.it/newsletter.php



Cancellazione POST

Se desideri cancellare e gestire i tuoi post clicca qui ed accedi alla tua area riservata.
Se non utilizzi piu' la mail con cui hai scritto il post che vuoi eliminare contattaci e cercheremo di aiutarti: esvaso@gmail.com