Caccia grossa

post commenti
  • Caccia grossa

    Le ha tutte dalla sua parte, non può sbagliare.
    Una calda serata d'agosto, migliaia di lucciole, la luna calante con alla sua corte milioni di milioni di stelle (non quelle di Negroni) e il cuore che batte all'impazzata; per lei naturalmente, la bella ragazzina che è arrivata da un paio di giorni per trascorrere la villeggiatura qui da noi.
    Gli sono bastati tre battiti di ciglia ed un impercettibile incrocio di sguardi per essere già in padella a friggere.
    E' convintissimo che quell'occhiatina sia stata dedicata a lui e al suo sguardo penetrante.
    Da quel magico momento scatta l'operazione 'cura' con mosse studiate e tenute in gran segreto.
    Da vero professionista sa che anche altri potrebbero essere in 'cordata' per la conquista.
    Amelia, così si chiama la nuova arrivata.
    Il suo passaggio viene accompagnato da sguardi scrupolosi ed indagatori, tra poco la sua ombra sparirà dietro l'angolo, svanendo così dalla vista, ma non dai nostri buoni propositi:
    - Mi sembra di averla già vista, lo scorso anno, insieme a sua nonna.. -
    - Ma vaaa... è la prima volta che viene qua. io c'ho naso per queste cose. -
    Ma lui, con quel sorriso da 'Ti spunta un fiore in bocca...' tronca subito la discussione sul nascere:
    - Voi due cosa volete mai sapere! Io, so già tutto, chi è, come si chiama e dove abita, e non solo. E' pure antipatica.. Credetemi, non ne vale la pena.. lasciatela pure stare. -
    Il Cacciatore sa veramente dove alloggia la ragazza.
    Infatti è già là, di fronte alla casa di una sua vecchia fiamma.
    - Non può certo negarmi un favore dopo tutto quello che c'è stato tra noi. - pensa dopo aver vagliato scrupolosamente il piano d'attacco.
    Piccolo, ma importante particolare che potrebbe accorciargli le distanze e fargli guadagnare tempo prezioso su altri ipotetici pretendenti.
    Ripassa mentalmente la sua micidiale tattica:
    - Saranno tre anni che non ci parlo, ma non fa nùla, basterà un momento per rifarmela amica, quattro chiacchiere, il tempo di farmi presentare la sua nuova compagna e poi capendo... da buona e vecchia amica, mi lascerà libero il campo. -
    E' quindi pronto per la doppia mossa.
    Non poteva andargli peggio.
    E' da due giorni che si conoscono e sono già amiche inseparabili, non si mollano un attimo.
    - Sono diventate peggio delle sorelle Materassi. -
    La va a prendere e la riporta puntualmente a casa; non azzardarti a salutarla perchè tanto si volta dall'altra parte e si può anche evitare di girarle intorno, perchè potrebbe azzannarti da buon cane da guardia:
    - Lascia stare la mia nuova amica. Mi ha detto che a Milano c'ha il fidanzato e quindi vuol passare l'estate solo con me! Non ne ha voglia di conoscere nuovi ragazzi, oooh! -
    Tirando fuori una lingua che mezza bastava.
    Da quel giorno ne ha studiate di tutte, si è persino rivolto al programma pomeridiano 'Dediche e richieste' di Radio Taro, ma nemmeno quella strada è riuscita ad avvicinarlo un pò a lei. così un poco affranto, ma senza perdersi d'animo, ci chiede aiuto confessando tutto, anche se a sentire lui lo faceva solo per accontentare lei.
    - E noi come potremmo rifiutargli un favore? -
    Un giorno mentre passeggiava senza la 'scorta' abbiamo avuto modo di fermarla e conoscerla. Fatte le dovute presentazioni a chi di dovere, avremmo voluto andarcene, ma.... era una ragazza che meritava veramente attenzione.
    - Da queste parti siete molto simpatici. ho voglia di divertirmi. dopo un anno di scuola un po' di svago è la cosa migliore.. cosa si fa qui di sera? -
    - Se ti va possiamo andare in discoteca, alle nove apre la Piramide, c'è un sacco di gente, è molto bello. -
    - Lo chiederò ai miei. non penso ci siano problemi. ciao ragazzi, a dopo. -
    Ha parlato e guardato tutti indistintamente e nello stesso modo.
    - Gli piacerà veramente l'amico Frizz? -
    Ma lui in testa aveva già la risposta:
    - Mi ha guardato ancora! In quello che ha detto c'è un messaggio rivolto a me. Vieni in Piramide e sarò lì. -
    Ancora pochi attimi e poi la verità.
    Nel frattempo sicuro di aver fatto centro, inizia i preparativi di quel 'Venerdì da leoni'.
    La cena molto abbondante, il brontolio della pancia potrebbe disturbargli l'attimo decisivo, seguita da un bel bagno caldo con dentro una fresca 'goccia' di Vidal, al suo passaggio per quella goccia è stato scambiato per un pino silvestre, ma passiamo alla vestizione, Lacoste nera sbottonata per evidenziare 'da bravo uomo di mondo' che aveva la Fruit a rovescio , tuta Forza 12 appena stirata e per finire un bel paio di Peter Flowers ancora da domare.
    Tutto è a posto per uscire, un'ulteriore spruzzatina di Rexona...
    - Un po' di freschezza al Lime dei Caraibi non guasta, non si sa mai di una sudatina... -
    Di ben venti minuti è il suo anticipo. Posteggiato il motorino davanti alla banca entra al Mellini per la trepidante attesa. Cento lire per la spuma e altri cinquanta per predisporre la colonna sonora.
    Le canzoni saranno scelte attentamente, adatte all'occasione.
    Il jouke box parte gracchiando 'Quando il sole del mattino ci sveglia, tu non puoi lasciarmi andare via... ' Non ha ancora finito di selezionare le altre due, che lei è già lì, in anticipo e sola.
    Alla sua vista la spuma gli va di traverso, il cuore va a mille e quasi gli prende un colpo.
    - Ciao dove sono gli altri? -
    - Non lo so, non so nemmeno se escono, sai potremmo anda... -
    - Bèh, adesso faccio un giretto con la mia amica, eventualmente ci vediamo dopo, saluta tutti. -
    Subito dopo arriviamo noi, naturalmente ci chiediamo cosa facesse lì, con il bicchiere vuoto in mano, con una pippa lunga un metro e leccato come un cresimante.
    - Vi stavo giusto giusto aspettando per decidere cosa fare questa sera. -
    - Ma non siamo già d'accordo con l'Amelia? -
    La sconfitta 'brucia' e allora.
    - Non viene, l'ho vista prima, passeggiava con la sua amica, bella coppia, se aspettate lei... attaccatevi al tram e tirate. Ve l'avevo detto che era un'antipatica e a guardarla bene è anche bruttarella. Ragazzi, date retta a me. lasciamola perdere! -
    Da quella sera di quella ragazza così niente male non ne fece più parola.