Padova

post commenti

14 e 15 marzo 2015 / Padova - Bassano del Grappa - Cittadella

In pratica ci arrivi dentro in macchina, il parcheggio è nel cuore della città e “Prato delle Valle” è anche il nome della prospicente grande piazza, la principale di Padova.
Una delle piazze più grandi d’Europa, veramente di una bellezza fuori dal comune, di forma ellittica, con al centro una fontana e un canale che vi gira tutt’attorno, un immenso spazio adornato da 78 statue raffiguranti personalità legate alla città e dalle cupole della prospiciente Basilica di Santa Giustina.
Impossibile evitare un passaggio alla Basilica del Santo, al chiostro monastico interno e al vicino Orto Botanico fondato nel 1545, il più antico opificio botanico d’Europa, un luogo veramente difficile da dimenticare per i suoi profumi concentrati “d’altri mondi”.
Passeggiando sotto i caratteristici portici si raggiungono altre splendide piazze: Piazza dei Signori e Piazza delle Erbe, sede del mercato insieme a Piazza della Frutta, un tragitto che non ti fa evitare una sosta all’antico e prestigioso Caffè Pedrocchi.
Senz’altro degno di nota è il quartiere “Savonarola”, abbracciato dal fiume Bacchiglione, un tranquillo corso d’acqua che scorre placido tra le case e trasmette la sensazione di trovarsi lungo uno dei tanti canali che caratterizzano molte città olandesi.
- Ma come, non sei andato alla Cappella degli Scrovegni? La domanda è lecita e d’obbligo, i capolavori di Giotto li avevo contemplati solo qualche mese prima, anche se un “bis” sarebbe stato da considerare vista la magnificenza di quel luogo.
La visita a Bassano del Grappa e a Cittadella, la splendida città cintata da mura, hanno poi concluso questo weekend in terra veneta.