Maccio non paga, Maccio ha l'abbonamento

post commenti
  • Maccio non paga, Maccio ha l'abbonamento

    Risulta sempre l'unico tra gli scampati all'assalto della diligenza, l'eroe dai mille volti e dalle mille sfaccettature, l'uomo leggendario che per lunghi anni ha solcato fiumi e monti per riapprodare tra noi comuni mortali. Non avendo voglia di morire ha innalzato il suo nome fino a Dio, acquisendo così il diritto di vita e di morte su noi tutti. Non rinuncerebbe a riporre nel cinturone le sue due pistole nemmeno trovandosi davanti alle canne sempre fumanti di Ernesto Sparalesto.
    E' l'Uomo del Destino che pur di mantenere il ruolo da Gringo, il vero grande protagonista, è disposto a cedere, oltre alla sua deliziosa merenda, tutto il suo inseparabile armamento, compresa la scintillante stella da sceriffo.
    Il suo nome è Maccio, il Bandido più temibile della giurisdizione.
    Nei duelli non c'è via di scampo. Lo sfortunato di turno che gli sta di fronte non ha nemmeno il tempo di reagire che 'è già bello che steso', la faccia nella polvere e una capsi nella fronte.
    La sua losca figura si allontana dalla scena del delitto solamente dopo aver visto intorno a sè minimo dieci persone. Allora con lo sguardo vittorioso da condor dimostrata la sua grandezza e appagato dell'ennesimo duello se ne va cavalcando all'impazzata nella sterminata prateria del Follo.
    La mano batte sempre più veloce sulla coscia del cavallo e la nuvola di polvere che si alza è così grande da oscurare il cielo.
    Maccio è eternamente alla ricerca di nuovi mondi. Tutti devono conoscerlo e tutti devono rispettare la sua fama di mitico pistolero, ma quel che più conta per lui è che la sua leggenda non vada mai dimenticata.
    Musica finale e titoli.

    THE END