Francia - Costa Azzurra I

post commenti

Settembre 2007 - Le Lavandou, Saint Tropez, Cannes.

Dopo aver lasciato la tranquilla isola di Porquerolles, ho proseguito la vacanza in altri luoghi della Costa Azzurra, tra questi Saint Tropez e Cannes, l'antitesi per definizione.
Ci tengo a chiarire. per la pura curiosità di visitarli, mi dispiaceva conoscerli solo attraverso la loro fama di paesi anticonformisti, per non dire snob.
Ecco, è lì che ho potuto osservare la vera essenza del tipo snob. Sono stati sufficienti un paio di giorni per vedere scene inusuali ai comuni mortali, almeno lo erano per me.
Il vero viveur si fa condurre in spiaggia in elicottero e si stende al sole con 'nonchalance', come se fosse al Groppo; gli Yacht non si contano e sono grandi come i traghetti per andare all'isola d'Elba, con tanto di personale di bordo vestito in abbinamento al colore del panfilo, tra questi anche un equipaggio scozzese, ovviamente in rigoroso kilt, per non parlare poi di com'erano agghindati quelli dell'esagerato 'My little Violet'.
Ma anche il più modesto edonista, privo di yacht o elicottero, ma pur sempre con il Tuareg, in spiaggia deve comunque sostenere un certo portamento, ha l'obbligo di avere al suo fianco una fresca bottiglia di 'Pouilly Fume' e una giovane ragazza, meglio se bionda e con le tette rifatte; indispensabile l'orologio, il bracciale e gli occhiali delle solite famose marche, ma queste, in confronto al resto, sono solo minuzie. dopodichè ci sono le persone che vanno su e giù per i 'boulevard', è una scorreria continua di Porsche, Ferrari, Bentley, poi ci sono quelle che passeggiano all'infinito sulla 'croisette', anche loro stravaganti, in particolare le donne, portano turbanti e cappelli da mille e una notte, alcuni grandi come ombrelloni.
E' senza dubbio un mondo originale e caratteristico, quasi irreale, a suo modo fiabesco, in ogni caso mi ha fatto piacere scoprirlo di persona e non viverlo solo attraverso il cinema o i giornali patinati.