Simboli a senso unico

Da Montanelli a Lenin: c'è da tanta differenza e sotto molti aspetti
Quando i Talebani distrussero le statue dei Buddha in Afghanista rimanemmo tutti stupiti e increduli davanti a tale assurdità. Oggi succede qualcosa di ideologicamente simile anche in Italia. Che differenza culturale c’è tra quei terroristi islamici che hanno distrutto un monumento e le zucche vuote del movimento studentesco che hanno imbrattato la statua di Indro Montanelli? C’è anche chi, in giro per il mondo, se la prende pure con Colombo e Churchill.
Restiamo però a casa nostra: perché nessuno ha mai provato a smerdare, oltre ai piccioni, la statua di Lenin nell’omonima piazza a Cavriago, quando raffigura, quello sì, un simbolo di un’atrocità senza pari?
La solita furia iconoclasta che rispetta doverosamente solo il proprio senso di marcia. Inutile puntualizzare quale.

FOTO: dai Buddha a Lenin



0 Commenti

Commenta

Somma e invia : 10 + 7 =
Accetto Non accetto


Resta aggiornato

Post simili

Abbiamo fatto la cosa giusta

Le ripercussioni locali dopo i risultati delle elezioni nazionali

Ma c'è la libertà di parola?

La prospettiva viene vista ed interpretata solo da una parte, la solita

Lettera a Babbo Natale dai pendolari

La tratta ferroviaria Parma-La Spezia lamenta sempre più ritardi e disservizi

Le Olimpiadi degli altri

Roma e l'Italia hanno rinunciato a candidarsi ai giochi olimpici. Le abbiamo già vinte.