La storia del 'Cristo' - II

Un ulteriore approfondimento storico legato al precedente articolo dedicato al "Cristo"
Facendo riferimento al precedente post dedicato alla storia del “Cristo”, narrata da Gigi con il contributo di Giacomino, posso ora completare in dettaglio la circostanza connessa alla nostra bella statua bronzea del Crocefisso, di cui avevo fornito solo gli elenchi degli offerenti.
Se, dal controllo effettuato nel magazzino della canonica, il già citato coronamento di rose metalliche è purtroppo risultato non esserci, una notizia positiva giunge invece dall’archivio parrocchiale, dove ho rinvenuto un’esauriente documentazione.

La nota missione fu tenuta a Bedonia dal 16 al 27 febbraio 1938, dai preti dell’Istituto Imperiali: congregazione che, fondata a Roma nel 1764 dal nobile abate genovese Francesco Imperiali per incrementare le missioni popolari nello Stato Pontificio, operava in particolare appunto nel Centro Italia.
Cosa dunque li portò a Bedonia? È presto detto: il piacentino Mario Nasalli Rocca (1903-1988), giovane monsignore di Curia a Roma, era un attivo membro e animatore proprio di quell’Istituto e insieme una conoscenza del nostro arciprete Checchi, che lo contattò nel dicembre 1937. Nasalli lo ringraziò per il “magnifico pacco di funghi e di salumi” ricevuto, organizzando la venuta dei predicatori per il febbraio successivo.

Mons. Nasalli Rocca non poté poi partecipare di persona alla missione bedoniese, in quanto impegnato nell’assistere una zia morente; ma tutto si svolse, per ben 12 giorni e con tre missionari, con la dovuta solennità e un’organizzazione esemplare.
Ogni giorno, i fedeli avevano la possibilità di partecipare a vari momenti di vita e formazione spirituale: la Messa delle 5.30, la istruzione a dialogo delle 6, la Messa parrocchiale delle 9, la conferenza spirituale delle 9.30, il Rosario delle 17, la predica di riforma delle 17.15, la predica di meditazione delle 18 e, infine, la benedizione delle 18.45.
Nei vari giorni, furono inoltre proposte prediche destinate alle varie categorie: fanciulli e fanciulle; giovanetti; giovani donne (dai 14 ai 30 anni); uomini e giovanotti; madri e spose. Il tutto, accompagnato anche da cerimonie e momenti particolari, ossia: benedizione dei bambini, Comunione degli infermi, giornata eucaristica, pellegrinaggio al cimitero, Comunione della gioventù, ritiro spirituale per il clero. Chiuse la missione una solenne veglia eucaristica nella notte tra sabato 26 e domenica 27 febbraio: e varrà la pena di notare che si era proprio nel fine settimana di Carnevale…

Nonostante il programma impegnativo, la risposta popolare fu adeguata, tant’è che il missionario don Scavizzi, un mese dopo, scrisse entusiasta a mons. Checchi che “il rapido e incessante succedersi delle missioni non può e non potrà affievolire il ricordo di Bedonia!”.
Con le offerte raccolte dai Bedoniesi nel fervore di quei giorni (vedi elenchi già riprodotti) era stato contattato, per forgiare la statua del Crocefisso, un artista operante a Roma e ben conosciuto dai missionari dell’Istituto Imperiali: il siciliano Giuseppe Pirrone (1898-1978), allora quarantenne e in piena formazione di un proprio stile artistico.

È significativo dello zelo instancabile di questi missionari che, per Bedonia, essi ordinassero al Pirrone un crocefisso simile ad un suo altro, che era stato appena inaugurato nella missione di Anagni (Frosinone); e che, dopo che lo scultore comunicò al nostro Arciprete di aver ultimato il corpo (vedi foto di copertina -era il 24 aprile), gli stessi predicatori “dirottassero” a metà maggio l’opera appena finita verso Spoleto (Perugia), dove sarebbe potuto giungere in tempo per inaugurarsi alla fine della missione colà predicata.
Nel frattempo, comunque, il bravo artista si era già rimesso al lavoro per preparare un nuovo Cristo per Bedonia: nella lettera del missionario, si parla dell’inizio di luglio come eventuale data d’inaugurazione: è quindi ben possibile che questo sia avvenuto nelle festività per la Madonna di San Marco, anche se (almeno per ora) non si sono trovati altri documenti che lo confermino.

Quanto al dato artistico, si deve notare la bellezza espressiva che l’autore riuscì a trasmettere nel volto e nelle forme del Crocefisso. La cosa è tanto più notevole, in quanto nell’opera bedoniese già si colgono quelle capacità che, di lì a poco, resero Pirrone un artista affermato.
A partire dallo stesso 1938 e per tutti gli anni Quaranta si ebbe, infatti, una sua fortunata produzione di ritratti scultorei di vari personaggi. Questo il giudizio che si legge nell’Enciclopedia Treccani: “Fedele al rigore stilistico di ascendenza rinascimentale, in queste opere coniugò compostezza formale e vigore plastico, riuscendo a conferire una certa vitalità ai soggetti, che ritrasse con particolare acutezza d’indagine e una marcata quanto precisa registrazione delle fisionomie.”.
E lo stesso tipo di classicismo e di abilità osservativa si ritrovano, poi, nel bellissimo Crocefisso fatto per la collegiata di S. Giovanni a Macerata (1950: vedi foto allegata), come pure nella particolare forma artistica che Pirrone praticò dagli anni Cinquanta, e che lo rese celebre: quella di scultore di medaglie.

Proprio per quest’ultima attività, esercitata in buona parte al servizio del Vaticano, l’artista siciliano fu premiato da Paolo VI, nel 1976, con un’alta onorificenza papale, l’ordine di San Gregorio Magno. Ed è bello sapere che lo stesso papa Montini onorò anche l’altro personaggio importante nella storia del nostro Cristo, creando cardinale, nel 1969, il benemerito mons. Nasalli Rocca.

Colgo l’occasione per ricordare che il nostro comitato “Veterrima Plebs” si farà promotore di una rivalorizzazione di questo tanto caratteristico monumento: a tempo debito ne verranno annunciate le modalità.
Leggi la prima parte dell'articolo

Il 'Cristo' di Macerata e la firma dello scultore su quello di Bedonia



4 Commenti
  1. Giacomino Gandi

    Finalmente dopo tanto tempo vengo a sapere la vera storia del nostro Cristo.
    Mi congratulo con Piero per come l'ha descritta attraverso la sua ricerca storica.
    Purtroppo ho l'amaro in bocca nell'apprendere che le "rose" non ci sono più... peccato veramente.
    Gigi quando ti dicevo: "Non si muove foglia che Dio non voglia", con questa mia ho potuto constatare, più di una volta, che funziona, ma chissà che non saltino ancora fuori. Confidiamo!

  2. Manuela Biolzi

    Molto interessante, bravo Piero Rizzi

  3. Ross

    Grazie Piero per il lavoro certosino che hai svolto.
    Sono d'accordo la scultura del Cristo merita di essere valorizzata e portata alla sua bellezza originale.
    Per noi bedoniesi è un pezzo di cuore che tutti ricordiamo con rammarico di come era all'origine e come è stata bistrattata nel tempo.
    Però penso che è rimasta sempre dentro di noi perché non manca che dalla mia finestra vedo chi passa sotto il Cristo si fa il segno della croce o porta un lumino ai piedi del Cristo e tutto questo mi fa pensare che non è mai stata dimenticata dai bedoniesi

Commenta

Somma e invia : 8 + 8 =
Accetto Non accetto


Resta aggiornato