Il CIF tra passato e futuro

E' giunta l'ora di un’attenta valutazione dell’area, prima che sia, ancora una volta, troppo tardi
Per passare una mezz’ora fuori dall’ordinario non è necessario andare chissà dove, basta fare due passi, arrivare al Serpaglio ed entrare nella proprietà conosciuta ai bedoniesi come CIF. Ogni volta che ci vado provo una piacevole emozione, è un luogo magico e unico. Basta oltrepassare il cancello per essere ribaltati in un altro mondo.

Quella domenica c’era anche un po’ di vento e passare sotto a quella “pioggia” di foglie sembrava di scorgere  da un momento all’altro “Alice nel Paese delle Meraviglie”, il grande castagno bucato davanti a me poteva esserne la prova certa.Lì ho pensato a come dar vita nuovamente ad un luogo così meraviglioso, praticamente è una delle poche zone rimaste indenni da i vari sfaceli edilizi bedoniesi.

Camminando tra castagni, tigli e pini, ho pensato alla possibilità di riportare in vita quel luogo, quindi alla ristrutturazione conservativa del grande palazzo, utilizzato negli anni 50/60 come colonia estiva femminile (da qui il none CIF: Centro Italiano Femminile), della chiesetta e degli altri tre fabbricati colonici, un tempo utilizzati dal mezzadro del fondo agricolo. In pratica tutti edifici inutilizzati da una quarantina d’anni e ormai sull’orlo della decadenza (la proprietà è della Fondazione Bellentani).

Perchè allora non tentare la possibilità di ridargli la sua funzione originaria, vale a dire come struttura ricettiva a fini turistici? La fattibilità non sarebbe nemmeno assurda, basterebbe vagliare un paio di possibilità. Anche perchè una scelta è ormai inevitabile, il tempo non ha concesso sconti, anzi gli spray lasciati sui muri da alcuni imbecilli sollecitano un’attenta valutazione dell’area, prima che sia, ancora una volta, troppo tardi.
Il CIF rivive una volta l'anno, l'otto settembre...

Come si presenta oggi...



1 Commenti
  1. valebd

    hai ragione è un luogo magico... tanti ricordi da bambina quando ci andavamo con la parocchia in estate... ricordo ancora le cucine funzionanti ma son ricordi vaghi lontani purtroppo... quando si parla di recupero ho sempre paura, paura che perda la sua magia, ecco questo sarebbe ideale come ostello o a funziona ricettiva come hai detto te... se non questo potrebbe diventare un museo o similare... ma deve restare intatto cosi come è con il grande castagno bucato :)

Commenta

Somma e invia : 15 + 7 =
Accetto Non accetto


Resta aggiornato

Post simili

Accadeva nel mese di maggio

La testimonianza di Maria Pina sulle passate tradizioni dedicate al mese della Madonna

Il CIF tra passato e futuro

E' giunta l'ora di un’attenta valutazione dell’area, prima che sia, ancora una volta, troppo tardi

La chiesetta del Serpaglio

La festa di Maria Bambina è stata celebrata in modo molto significativo

Refugium peccatorum

Un angolo "magico" a pochi passi dal centro di Bedonia

Un piccolo mondo incantato

La ricorrenza di Maria Bambina viene celebrata per mezzo di una funzione religiosa nel pomeriggio dell'otto settembre

C'era una volta a Bedonia

Un film-documento ideato da Gigi Cavalli che racconta il passato del nostro paese

Coraggio... arriva il Parco Avventura

A Bedonia si sta progettando un parco divertimenti tra i più grandi dell'Italia del nord