post commenti
  • Matrimonio all'italiana

    Aldilà delle proprie convinzioni, il nostro paesello sta cambiando. Si nota anche da piccoli avvenimenti (vedi post precedente), proprio gli stessi che in altri luoghi sono ormai all’ordine del giorno, anche se da noi si stenta a farsene una ragione. Per ora sono ancora circostanze inusuali, ma senza dubbio lo saranno sempre meno. Questa, che si voglia o no, si chiama globalizzazione.
    Apparentemente poteva essere una delle tante domeniche mattine e invece, grazie ad un episodio del tutto inconsueto, è stata effettivamente curiosa. Sì, perché a Bedonia è stato celebrato un matrimonio tra un ragazzo pakistano e una ragazza italiana.
    Daniel in paese lo conoscono bene, da alcuni anni gestisce un avviato negozio di frutta e verdura ed è ormai persona stimata e apprezzata da tutti. Lui era già di religione cristiana, ma non poteva certo passare inosservato questo suo gesto, sì perché è, di fatto, il primo matrimonio, con questa peculiarità, che si celebra in paese con rito cristiano.
    La chiesa, adornata da coloratissimi fiori, ha così accolto i numerosi amici dello sposo, in gran parte di religione musulmana e facenti parte dell’ampia comunità pakistana bedoniese.
    So che il parroco Don Giovanni ha evidenziato, durante la sua omelia, la piacevole “apertura” religiosa di questa comunità che, pur appartenendo a una diversa religione, ha partecipato alla funzione, riconoscendo che ambedue le religioni s’identificano in un unico Dio.
    Per il resto tutto secondo i canoni di casa nostra: Simona è salita in abito bianco sulla Mercedes adornata da fiocchi e nastrini, il corteo di auto strombazzanti è poi avanzato per le vie del paese e il ristorante "La Pergola" li ha poi accolti per il pranzo con amici e parenti, facendo però prima tappa nel parco del Seminario per le foto di rito, scattate dal nostro fotografo Luigi Battoglia.
    Ehh sì, l’unica anomalia è stata quella riscontrata a fine cerimonia da Mauro “Du Felice”, sì perché per la prima volta si è ritrovato a spazzare via dal sagrato, non il solito riso ma, una distesa di riccioli di carta colorata e lunghi nastri d’oro e d’argento.

8 Commenti

  • Gigi Cavalli

    11/10/2011

    Il primo intervento lo volevo dedicare a Simona e Daniel, sì perchè volevo ringraziarli di essersi prestati a questa mia iniziativa, per la bomboniera che mi hanno donato e per aver concesso l'uso delle foto, nel contempo ringrazio anche a Luigi per avermele gentilmente inviate.

  • Trizzy57

    11/10/2011

    auguri agli sposi!!!

  • Elle Alle

    12/10/2011

    Grazie Gigi per il continuo lavoro di tessitura culturale dei tuoi commenti e servizi.

  • Giulia-F

    12/10/2011

    Segno che l'amore trionferà sempre e su tutto! Auguri agli sposi

  • Remo Ponzini

    12/10/2011

    Volevo porgere un augurio all'amico Daniel che è entrato a far parte della nostra comunità da diversi anni. Una persona gentilissima che ha saputo inserirsi con semplicità e con la massima naturalezza. Un esempio di integrazione da imitare per tutti coloro che vorranno intraprendere lo stesso percorso.
    Ha saputo instaurare un rapporto amichevole con tutte le persone che si sono affacciate al suo negozio.
    Accoglie con un sorriso rasserenante che predispone al dialogo ed al reciproco rispetto ed all'amicizia.

    C'ero anch'io in piazza Lagasi ad attendere che gli sposi uscissero dalla chiesa. Colpiva la fusione di due culture così diverse ma sul volto di tutti imperava allegria ed ottimismo.
    Sono certo che questo matrimonio sarà foriero di altre aggregazioni che favoriranno la comprensione, la tolleranza ed una maggiore socializzazione.

    Auguri Simona, auguri Daniel.

  • Brontolo Ne

    12/10/2011

    Intanto per cominciare AUGURI AGLI SPOSI !
    Non conosco GLI SPOSI ma in linea di principio sono d'accordo con Remo Ponzini.
    Spero molto che questo matrimonio sia foriero di altre aggregazioni che favoriranno la comprensione, la tolleranza ed una maggiore socializzazione, che la nostra società non solo auspica, ma addirittura impone con l'art. 8 della nostra costituzione: “Tutte le confessioni religiose sono ugualmente libere dinanzi alla legge”: non sono eguali, dunque, ma egualmente libere, per il fatto che possono tutte essere liberamente professate e predicate sul territorio della Repubblica.
    La Chiesa Cattolica conserva in virtù dell’articolo 7 una posizione giuridica speciale, che, però, non limita la libertà fondamentale di culto che è uno dei principi insopprimibili di ogni libera società. dunque da parte nostra massima libertà, massima comprensione, massima apertura, non vi è scritto, ma sarebbe bello che vi fosse reciprocità e spesso questo non avviene.
    Sarà il tempo a dire se ad essere così aperti sarà stata la strada giusta oppure no, al momento sempra di si e speriamo che questo sembrare, che questa speranza, si concretizzi,sempre più, in una armonica convivenza ed il matrimonio è la forma più elevata verso Dio e verso lo Stato di civile convivenza, dunque questi novelli sposi non solo si sono presi il difficile compito di essere una Famiglia unita e felice, ma anche quello di essere da esempio radioso per gli altri che verranno, ancora auguri.
    Stefano da Firenze

  • Giacomo

    12/10/2011

    Le rivoluzioni possono partire anche da piccoli gesti. Grazie Gigi della segnalazione.

  • Claudio m.

    13/10/2011

    Ciao Gigi, e ciao a tutti.
    Un bel film come quello di sognando Beckham, ci ha fatto capire l'importanza aggregatrice dello sport per una giovane pakistana, emigrata in Gran Bretagna.
    Gigi, anni fa su ESVASO, dedicò un post e le foto, sul cricket praticato al "Breia" dagli emigranti dal sub continente indiano, a Bedonia. ( http://www.esvaso.it/post.php?id=435 )
    Ora aggiunge un altro tassello... quello dell'amore, con la nota sensibilità anticipatrice.
    Auguri ai giovani sposi !

 

Commenta

Accetto Non accetto
Scrivi la somma e invia: 14 + 15 =
Resta aggiornato


Cancellazione POST

Se desideri cancellare e gestire i tuoi post clicca qui ed accedi alla tua area riservata.
Se non utilizzi piu' la mail con cui hai scritto il post che vuoi eliminare contattaci e cercheremo di aiutarti: esvaso@gmail.com